Oltre al danno la beffa. Sembra questo il senso della lettera scritta dal genitore di uno studente iscritto alla facoltà di Fisica dell'Università di Camerino, di seguito pubblicata, che lamenta il troppo zelo da parte dei locali agenti della polizia municipale. Destinatario della missiva il sindaco della città ducale Gianluca Pasqui.

Gentilissimo Sindaco,

sono padre di uno studente di Farmacia Unicam, iscritto al secondo anno. Premetto che le scrivo anche a nome di altri genitori che come me hanno i figli che studiano a Camerino. 
Il fatto in questione è l’accanimento dei vigili urbani di Camerino che comminano multe per divieto di sosta agli studenti che vanno a lezione. L’ultima in ordine cronologico risale a ieri mattina davanti agli istituti di chimica.
Ora prendiamo in esame l’intera situazione: a Camerino non ci sono più alloggi e gli studenti sono costretti a fare i pendolari con altri comuni limitrofi. E’ chiaro che per andare a lezione e cercare in qualche modo di tenere viva l’università, sono costretti a spostarsi in macchina con conseguente aggravio si spesa per noi genitori . Pertanto nella zona universitaria vi è una grossa difficoltà a parcheggiare, anche perché l’unico parcheggio vicino agli istituti di chimica risulta essere chiuso.
Allora le faccio una semplice domanda: ha senso fare le multe ai ragazzi che vanno a lezione e che non sanno dove alloggiare a Camerino ? Con tutti i sacrifici che sta facendo l’Unicam per cercare di trattenere gli studenti a Camerino, le sembra questo da il modo di collaborare da parte del Comune ? 
Le faccio sommessamente notare che quest’anno, al secondo anno di farmacia, ci sono a lezione solo 40 studenti rispetto agli oltre cento degli anni passati. E lo sa perché ? Perché sono andati via da Camerino verso altre sedi Universitarie. Ora se volete fare fuggire anche i restanti quaranta, siete sulla buona strada.
Con osservanza.

Approvata nell'ultima seduta del Consiglio Comunale di Castelraimondo la Convenzione per la Gestione associata del Servizio di Polizia Locale tra i comuni di Matelica, Castelraimondo e Pioraco e l'Unione Montana delle Alte Valli del Potenza e dell'Esino.

“La convenzione ha durata di almeno tre anni – ha spiegato l'assessore Roberto Pupilli - e intende coordinare i servizi di Polizia Locale dei comuni aderenti per creare un modello valido per future forme associative più evolute, prevedendo infatti la possibilità di eventuale ingresso di altri enti, nell'ottica di una realizzazione dei servizi ottimale ed improntata al decentramento, nei principi di maggiore efficacia ed efficienza, di collaborazione tra enti locali, razionalizzazione dei costi e flessibilità degli operatori. Si cerca inoltre di rispondere nel breve periodo alle esigenze temporanee dei piccoli comuni, nell'ottimizzazione del servizio di polizia locale nell'ambito sovracomunale di Matelica, Castelraimondo e Pioraco, in relazione alle necessità sociali e geografiche dei territori confinanti”.

La funzione rimane in capo ai singoli comuni. È individuato il responsabile nel Comandante del Corpo di Polizia Locale del comune di Matelica, dove ha sede il sistema direzionale della gestione associata. L'intervento dell'Unione Montana ha lo scopo di stabilire un migliore coordinamento ed una promozione delle attività ed investimenti. L'Unione provvederà all'assunzione a tempo determinato degli adetti. Alla convenzione potranno aderire in futuro altri comuni appartenenti all'Unione Montana che ne manifesteranno la volontà.

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo