A Camerino la fase finale della business competition della Regione Marche, promossa dall’Università di Camerino in collaborazione con UBI Banca,  Camera di Commercio di Ascoli Piceno, CNA Marche Sud e Fidimpresa, Ordine dei Commercialisti di Macerata e Camerino, Next Equity Crowdfunding Marche.

La cerimonia di premiazione si terrà presso la sala convegni del Rettorato di Unicam presso il Campus Universitario martedì 24 ottobre alle ore 11, dopo i saluti delle autorità e dei sostenitori dell’iniziativa, ci saranno le testimonianze dei vincitori delle edizioni passate che presenteranno i loro successi. I finalisti dell’edizione 2017 avranno l’opportunità di presentare le loro idee e successivamente si svolgerà la cerimonia di premiazione dei vincitori.

Grande attesa di conoscere i vincitori della nuova edizione di StartCupMarche 2017 che avranno poi la possibilità di partecipare anche al PNI – Premio Nazionale per l’Innovazione, promosso dalla rete nazionale degli incubatori di impresa universitari (PINCube) con la co-partecipazione di FS Italiane, in programma a Napoli il 30 novembre e 1 dicembre.

 

 

 

 

 

Si è aperto il bando per i finanziamenti in quota capitale per la riqualificazione degli impianti sportivi esistenti di proprietà pubblica.

Finora le domande presentate dagli enti pubblici e dalle società sportive sono 107 di cui: 83 dei Comuni, una della Provincia di Fermo e una dell’Università di Camerino.

22 le società sportive che hanno presentato la domanda di cui 2 federazioni sportive, una del Cus Camerino e 19 delle società sportive.

Il bando della Regione prevede finanziamenti in conto capitale a fondo perduto, 50% della spesa ammissibile con tetto massimo di 75.000 euro. La Regione ha già stanziato 2 milioni e 400 mila euro, il 50 per cento agli enti pubblici e l’altro 50 alle società sportive.

Da tenere in considerazione che nel prossimo bilancio preventivo sono stati programmati ulteriori 800 mila euro per la stessa finalità a valere sullo stesso bando che rimane aperto fino al 15 novembre prossimo .

Il servizio politiche sociali e sport ha già predisposto la commissione, a cui partecipa anche un rappresentate del Coni, che naturalmente valuterà i requisiti soggettivi e i criteri di ammissibilità delle domande presentate. La graduatoria verrà stilata sulla base dell’ordine di arrivo delle domande al protocollo dopo la necessaria verifica tecnica della Commissione. 

 

Per ulteriori chiarimenti sulle modalità operative e le procedure sono a disposizione gli uffici regionali. Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dalla collaborazione tra CrowdfundIMPRESA e Università di Camerino nasce il nuovo progetto di formazione avanzata, articolato in 6 incontri, su Business Angels & Crowdfunding. Come finanziare la propria idea imprenditoriale, che avrà inizio il prossimo 10 novembre e terminerà entro il 22 dicembre, per 100 ore di docenza e il riconoscimento di 4 CFU. Il corso si terrà il venerdì pomeriggio dalle 14.00 alle 19.00 presso la Scuola di Giurisprudenza dell’Università di Camerino presso il Campus universitario, e potrà essere seguito anche on line tramite la piattaforma webex.

Il Corso si caratterizza per essere un percorso formativo attraverso il quale studenti, startupper, imprenditori, consulenti e referenti delle organizzazioni non profit potranno conoscere ed approfondire il mondo del crowdfunding e dei business angels. Il percorso formativo persegue diversi obiettivi: conoscere e saper utilizzare sistemi innovativi di finanziamento per la propria impresa, individuare sistemi alternativi di raccolta per PMI (ma anche ONLUS, ONG ed imprese sociali), specializzarsi in un ambito estremamente innovativo e promettente che sta generando exit milionarie in termini di capitali raccolti e, non ultimo, aggiornare la propria preparazione finanziaria e professionale. 

Un’occasione di formazione dove i corsisti potranno confrontarsi con il relatore, Filippo Cossetti, dottore di ricerca in Economia e gestione dei mercati finanziari, co-funder e CEO di Startzai, una delle prime società italiane di Equity Crowdfunding autorizzate Consob e promotore del progetto CrowdfundIMPRESA. Per maggiori informazioni è possibile contattare la referente Unicam, prof.ssa Catia Eliana Gentilucci, alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

La Presidente della Camera on.le Laura Boldrinitornerà a Camerino il prossimo 30 ottobre. Lo ha annunciato in un messaggio al Rettore eletto Unicam prof. Pettinari inviatogli in occasione del convegno di presentazione degli “Scritti in onore di Vito Rizzo. Persona, mercato, contratto e rapporti di consumo” organizzato nei giorni scorsi alla Camera dei deputati .

“Desidero rivolgere un pensiero all’Università di Camerino, ateneo che ho visitato in diverse occasioni e che ho visto reagire con coraggio, determinazione e speranza alle devastazioni del terremoto – ha affermato la Presidente Boldrini nel suo messaggio – Rettore, docenti, studenti e personale tutto si sono rimboccati le maniche per non pregiudicare la normalità della vita accademica ed universitaria; un grande esempio della volontà di ripartire seppur tra comprensibili difficoltà. Il prossimo 30 ottobre – continua il messaggio della Presidente – visiterò nuovamente la vostra Università per incontrare gli studenti e i docenti e per ascoltare quello che lo Stato potrà e dovrà ancora fare per assicurare una completa ricostruzione”

La Presidente Boldrini sarà accolta presso il Rettorato di Unicam al Campus Universitario dal Rettore prof. Flavio Corradini, dal Rettore eletto prof. Caudio Pettinari e dal Sindaco di Camerino dott. Gianluca Pasqui.

Oltre al danno la beffa. Sembra questo il senso della lettera scritta dal genitore di uno studente iscritto alla facoltà di Fisica dell'Università di Camerino, di seguito pubblicata, che lamenta il troppo zelo da parte dei locali agenti della polizia municipale. Destinatario della missiva il sindaco della città ducale Gianluca Pasqui.

Gentilissimo Sindaco,

sono padre di uno studente di Farmacia Unicam, iscritto al secondo anno. Premetto che le scrivo anche a nome di altri genitori che come me hanno i figli che studiano a Camerino. 
Il fatto in questione è l’accanimento dei vigili urbani di Camerino che comminano multe per divieto di sosta agli studenti che vanno a lezione. L’ultima in ordine cronologico risale a ieri mattina davanti agli istituti di chimica.
Ora prendiamo in esame l’intera situazione: a Camerino non ci sono più alloggi e gli studenti sono costretti a fare i pendolari con altri comuni limitrofi. E’ chiaro che per andare a lezione e cercare in qualche modo di tenere viva l’università, sono costretti a spostarsi in macchina con conseguente aggravio si spesa per noi genitori . Pertanto nella zona universitaria vi è una grossa difficoltà a parcheggiare, anche perché l’unico parcheggio vicino agli istituti di chimica risulta essere chiuso.
Allora le faccio una semplice domanda: ha senso fare le multe ai ragazzi che vanno a lezione e che non sanno dove alloggiare a Camerino ? Con tutti i sacrifici che sta facendo l’Unicam per cercare di trattenere gli studenti a Camerino, le sembra questo da il modo di collaborare da parte del Comune ? 
Le faccio sommessamente notare che quest’anno, al secondo anno di farmacia, ci sono a lezione solo 40 studenti rispetto agli oltre cento degli anni passati. E lo sa perché ? Perché sono andati via da Camerino verso altre sedi Universitarie. Ora se volete fare fuggire anche i restanti quaranta, siete sulla buona strada.
Con osservanza.

 Cuore, passione, impegno e gratitudine.Tanti sentimenti si sono mescolati insieme nel pomeriggio di festa per la cerimonia di consegna delle pergamene di laurea ai laureati dell’anno accademico 2015-2016. Un’edizione intensa per la Festa della Laurea di Unicam, la prima dopo il terremoto, che, nello spazio Agorà del Campus, ha riunito 414 laureate e laureati delle cinque Scuole d’Ateneo, accompagnati da familiari ed amici, arrivati da tutto il mondo. Un’edizione che resterà nella memoria e nel cuore di tutti, per i valori e per gli insegnamenti che sono stati trasmessi. Coraggio e forza, impegno e capacità di reazione rilevatisi decisivi per il raggiungimento di grandi risultati. Lo sa bene il rettore Flavio Corradini, il cui ultimo anno di guida dell’ateneo è stata forse la prova più dura, affrontata con coinvolgente passione e il piglio di un esemplare condottiero. Gli applausi scroscianti di oltre 2000 persone, hanno salutato la tappa d’arrivo del percorso universitario degli oltre 400 laureati delle Scuole di Architettura e Design, Giurisprudenza, Bioscienze e Medicina veterinaria, Scienze e Tecnologie, Scienze del farmaco e dei prodotti della salute.. Lacrime e commozione per la sorpresa voluta dai figli del Rettore Corradini, unitisi alla grande famiglia, per ricordare i sei anni del percorso professionale del loro papà, colto di sorpresa dal caloroso omaggio, confezionato in video per l’occasione.

IMG 20170930 WA0021

A quell’uomo, tutti i presenti hanno idealmente restituito un abbraccio, per l’amore e la dedizione del suo operato, insieme all’affetto che ha saputo trasmettere ai suoi studenti e all’intera comunità camerte.

“Per noi è un vero onore abbracciare le vostre vite, vedervi occupati anche in posizioni anche molto prestigiose- ha detto Corradini rivolgendosi alla comunità studentesca- Sarà bello ascoltare che avete costruito una famiglia, che state viaggiando che avete dei figli; sono sicuro, che lo stesso sarà per voi. Questi anni così intensi e ricchi di esperienze, resteranno per sempre nel vostro cuore. Lo vedrete nel tempo e negli anni. Quando ripenserete alla vita universitaria, a Camerino, al professore buono e a quello cattivo, vedrete che il vostro cuore inizierà a battere, E sarà un’emozione molto positiva; in questo senso continueremo sempre a stare insieme perché, tutti noi qui riuniti, siamo esattamente la stessa cosa”. Emozioni anche dal congedo solenne e ringraziamento istituzionale ai docenti, tecnici amministrativi e dipendenti che hanno lasciato il servizio nel corso dell’ultimo anno. Bellissime le parole del passaggio di testimone al nuovo rettore Claudio Pettinari che, avendo condiviso da pro rettore i sei anni trascorsi, si è brillantemente prestato a introdurre le sorprese della serata.“ Sono consapevole di lasciare l’università di Camerino nelle mani di un grande scienziato. - ha sottolineato Corradini-  E’ professore di Chimica ad Unicam ed io,mi sono subito innamorato di lui per la sua bontà, attaccamento al territorio, conoscenza della nostra università e dello slancio da dare. Sono certo che farà un grandissimo ed eccellente lavoro. L’università di Camerino ha bisogno di un uomo come il prof. Pettinari, per essere conosciuta in tutto il mondo”.

IMG 20171001 172901 1

A precedere la consegna dei diplomi di laurea sono state le toccanti parole di due studentesse di Unicam, una delle quali ha reso testimonianza di quei drammatici momenti del 26 ottobre, quando incrociò per strada il rettore. Ammirazione e profonda gratitudine nel conferimento del diploma di Laurea speciale al loro “Magnifico”. Riassumono e spiegano efficacemente tutto il cuore e il colore della grande festa, le parole commosse ed emozionate di Corradini:“ Non dimenticherò mai questi istanti;-me li porterò appresso per tutta la mia vita. E sappiate che ci sarò sempre”.  “Unicum” Unicam: un'altra bella pagina per un piccolo ateneo dal grande cuore.

Carla Campetella.

CENTOCINQUANTA SCIENZIATI E DOTTORANDI PROVENIENTI DA TUTTA EUROPA PER L’UNDICESIMA EDIZIONE DELLA SCUOLA INTERNAZIONALE DI CHIMICA ORGANOMETALLICA

Si è aperta ufficialmente sabato 2 settembre, presso il Palariviera di San Benedetto del Tronto, l’undicesima edizione della Scuola Internazionale di Chimica Organometallica (ISOC), incentrata quest’anno sul tema “Organometallic Chemistry: from theory to applications”. ISOC, diretta dal Prof. Claudio Pettinari, è la più importante scuola di chimica organometallica, a livello europeo, organizzata sotto l’egida della EuCheMS, l’Associazione europea per la Chimica e le Scienze Molecolari e del gruppo interdivisionale di chimica organometallica della Società Chimica Italiana. Successo confermato anche per questa edizione che vede circa 150 partecipanti, in particolar modo dottorandi e giovani ricercatori, provenienti da tutta Europa: sono ben 57 infatti i partecipanti stranieri provenienti da Paesi quali, tra gli altri, Regno Unito, Francia, Spagna, Polonia. Sono invece 14 gli speakers di grande valore assoluto, tra i quali il prof. David J. Cole-Hamilton, presidente della Società Chimica Europea, che ha tenuto ieri una lectio magistralis in apertura del congresso, ed il prof. Clark R. Landis della University of Wisconsin, ad oggi uno dei ricercatori più affermati a livello mondiale. Presente alla cerimonia di apertura, oltre al vice sindaco del Comune di San Benedetto del Tronto Annalisa Ruggieri, al presidente di Confcommercio Ascoli Piceno Fausto Calabresi, al coordinatore del gruppo interdivisionale di chimica organometallica della Società Chimica Italiana Fabio Ragaini, al rappresentante della Società Chimica italiana Roberto Ballini, anche l’Assessore della Regione Marche Loretta Bravi. “È con grande piacere – ha dichiarato l’assessore Bravi nel suo intervento di saluto – che sono qui a dare il benvenuto a tutti questi giovani ricercatori e ad augurare il migliore successo a questa Scuola, nel corso della quale vengono trattati argomenti così importanti e significativi non solo per la formazione dei partecipanti, ma anche per le opportunità che possono scaturire dalla chimica organometallica per applicazioni e soluzioni innovative anche per quanto concerne la salute pubblica. La Regione Marche sta investendo molto con importanti finanziamenti sulla formazione dottorale, nella convinzione che è dalla ricerca scientifica che scaturisce poi l’innovazione a beneficio di tutti”.“Nel corso di questa edizione di “ISOC” – ha dichiarato il Prof. Claudio Pettinari, Rettore eletto Unicam e Responsabile della Scuola – partiremo dai principi fondamentali della chimica organometallica per arrivare al loro utilizzo nelle nuove applicazioni, con un focus particolare sul ruolo della chimica organometallica nel trovare soluzioni a molte delle principali sfide sociali nel ventunesimo secolo: dallo sviluppo di soluzioni energetiche sostenibili dei processi industriali alla salvaguardia ambientale, dall’utilizzo dei composti organometallici come potenziali farmaci per la cura di patologie tumorale e non solo alla produzione di nuovi materiali innovativi”. Quest’anno, tra i sostenitori dell’evento, anche la Dora Lombardi Gioielli e l’Associazione Il Cortile di Edy, che collabora attivamente e proficuamente da tempo con Unicam in attività di ricerca sulle malattie rare e tumorali, che hanno donato agli speaker una scultura del maestro Ermenegildo Pannocchia, artista maceratese conosciuto in tutto il mondo, raffigurante la Sibilla. Molti dei giovani partecipanti, inoltre, beneficiano di borse di studio possibili grazie a due sponsor dell’evento, l’azienda ICA di Civitanova Marche e la Roche.

Un inizio mese foriero di belle notizie per l’ateneo.e per la città di Camerino

Risultati degni di nota da una riunione in videoconferenza con il capo della Protezione civile Angelo Borrelli, cui hanno preso parte, il rettore uscente di Unicam Flavio Corradini, il rettore eletto Claudio Pettinari e il sindaco Gianluca Pasqui.

Concessa all’ateneo di Camerino l'autorizzazione ad avviare i lavori per la realizzazione di moduli abitativi nei pressi del Campus universitario, il che consentirà la disponibilità di ulteriori 250 posti letto. agli universitari"Realizzato grazie alla preziosa collaborazione del Comune – ha detto Pettinari . questo nuovo progetto consentirà di  garantire altri alloggi ai nostri studenti” . Secondo la tabella di marcia dei tecnici comunali, alloggi e mensa  dovrebbero essere pronti  entro il 31 ottobre. Fissata al 20 settembre la data di inizio lavori di urbanizzazione con consegna dei primi 84 posti letto,  prevista per il 16 ottobre.

“ L’università sta procedendo a gonfie vele- ha commentato il rettore uscente CorradiniAbbiamo già quasi la disponibilità dei posti letto che avevamo nei mesi precedenti al sisma  e, attorno a tutto questo, c’è la qualità dei nostri corsi e delle attività di ricerca che il terremoto non è riuscito a mettere in discussione e sui quali abbiamo puntato tutto. I risultati confermano che si è lavorato bene; adesso è da rafforzare la comunità e la socialità  ma grazie all’ affinità e alla  grande disponibilità dell’amministrazione comunale, sono certo che ricostruiremo prestissimo anche questi aspetti. Abbiamo due cantieri a buon punto, riferiti alle strutture abitative per studenti e ad aule ed uffici per il personale e, quanto alle iscrizioni che scadono a novembre, già dalle prime rivelazioni riscontriamo percentuali molto incoraggianti di crescita e possiamo già contare su un terzo delle matricole che avevamo lo scorso anno.  ”.

Dalla riunione in videoconferenza del 1 settembre, interessanti sviluppi anche per l’amministrazione comunale che, secondo quanto riferito dal sindaco, , ha ottenuto significative garanzie dal capo della Protezione Civile nazionale, a vantaggio della nuova area commerciale di San Paolo. “ Pronto il progetto relativo a quell’area- ha detto Pasqui- ci si è purtroppo resi conto dell’insufficienza dell’impegno economico di circa tre milioni di euro  previsti e concessi in prima battuta dalla Regione. In realtà avremmo bisogno di una cifra sostanzialmente raddoppiata e proprio in occasione dell’’incontro per l’autorizzazione all’avvio lavori circa la realizzazione di moduli abitativi per gli studenti nella zona di “ Camerino 2”, presente anche il responsabile di Protezione civile regionale, abbiamo rappresentato a Borrelli questa nostra difficoltà. Ebbene, il capo della Protezione civile nazionale, ha immediatamente compreso l’importanza assoluta di avere per i commercianti un progetto che vada oltre il container e che sia capace di ridare una socialità, garantendoci contestualmente, nel momento in cui la Regione Marche non dovesse avere la forza per impegnarsi, un sostegno economico. Possiamo dunque affermare che, anche se solo verbalmente ma davanti a tutti i presenti alla riunione , la promessa e l’impegno reale è stato preso, per cui, a questo punto non ho dubbi che  verrà concretizzata la fattibilità di quel progetto che consentirà il rilancio della nostra città e del territorio. Riavremo una piazza circondata dai commercianti, a pochi metri dall’attuale e dal nuovo Campus universitario; avremo tanti giovani e una città che tornerà a vivere. Aggiungasi il rientro delle persone che hanno scelto la sistemazione nelle diverse aree delle Sae, dove i lavori sono iniziati e stanno procedendo a buon ritmo. Quella del 1 settembre, è dunque una giornata da segnare sul calendario perché si cominciano ad intravedere segnali positivi che, dopo giorni di grande fatica, aiutano ad andare avanti con tutta la forza, di cui avremo ancora tanto bisogno”.     

In una location ricca di profumi, colori ed emozioni, l’Orto BotanicoCarmela Cortini” di Unicam ha previsto per i mesi di luglio e agosto una serie di iniziative per far conoscere al pubblico “L’Orto che non ti aspetti”: un ricco programma di attività,  concerti, corsi e visite guidate. Si è iniziato il 17 luglio con il corso “Quanto è verde il tuo pollice” assistiti con professionalità e simpatia dalla fiorista Sandra Pandolfi,  tutti i partecipanti  sono stati in grado di realizzare originali e bellissimi bouquet con lo stesso stile ed eleganza di esperti professionIn isti. Il 21 luglio è stata poi la volta de “I misteri del mondo vegetale” esperienza sensoriale a cura del floricoltore di Recanati Alessandro Magagnini,  presente per la sua originalità, in  numerosi programmi di RAI1, quali “Uno Mattina”e “Quelle brave ragazze”. Tutti i partecipanti hanno avuto anche la singolare opportunità di assaggiare piante spontanee del territorio coltivate in piccole torte commestibili, realizzando altresì loro stessi, piccole torte vegetali da far crescere.

bouquet 1

Ma protagonisti dell’Orto botanico sono stati anche gli alunni delle scuole elementari e medie di Camerino che, insieme alle loro famiglie, hanno potuto rivedere i loro elaborati che adornavano i vari spazi come le originali aiuole fiorite delle loro poesie, all’interno del progetto artistico/formativo IO SONO QUI.

Le attività sono proseguite il 26 luglio con il concerto per chitarra e clavicembolo del Chordis Duo, allietato da letture di opere di Ugo Betti.

duo Chordis 800x600

Originale appuntamento sarà, infine, quello del 1 agosto alle ore 18,00A scuola di nasi tra natura, profumi e fantasia” laboratorio per adulti a cura dello spin off di Unicam “MUMO”, il tutto per assaporare essenze e profumi. Iscrizione entro il 28 luglio.

Prima di ogni evento, prevista  la visita guidata dell’Orto Botanico per conoscerne in tutti i suoi particolari  segreti e bellezze.

cappelli 1

Il professor Claudio Pettinari è il nuovo rettore dell'università di Camerino per il periodo 2017 – 2023. Pettinari, 53 anni, docente di Chimica Generale e Inorganica ed attuale pro rettore vicario, è stato eletto lo scorso 14 giugno alla prima votazione con la maggioranza assoluta dei voti ed entrerà ufficialmente in carica il prossimo 1 novembre.

Un camerinese alla guida di Unicam. Cosa significa?

"Per me questa elezione ha un sapore particolare non tanto per il fatto di essere camerinese, ma soprattutto perchè sono stato eletto in un momento in cui il nostro territorio sta soffrendo e ha necessità di ripresa. Un'elezione che mi pone alla guida dell'ateneo nel quale mi sono laureato, che mi ha dato la possibilità di visitare il mondo, che mi ha proposto spesso in tanti luoghi come suo rappresentante. Grazie a questa università ho potuto svolgere attività e iniziative che in altri atenei, magari di più grandi dimensioni, forse non avrei potuto svolgere".

Il terremoto ha segnato profondamente la città e il territorio. Unicam ha dato e continua a dare risposte.

"Ho collaborato negli ultimi 6 anni con il rettore Corradini e ho apprezzato moltissimo il suo modo di lavorare, la sua incredibile attività, la sua capacità di risolvere i problemi. Dopo il sisma fin da subito si è cercato di dare risposte importanti. Siamo ripartiti con gli esami appena una settimana dopo il terremoto e con le lezioni dopo 20 giorni circa. Questi segnali hanno mostrato che Unicam era viva e stava lavorando per il futuro dei giovani. Si sono poi aggiunti altri segnali che hanno evidenziato la nostra capacità di produrre iniziative e attività per il territorio. Abbiamo continuato a organizzare eventi, cercando di ristabilire quella normalità che fino a quel momento ci aveva caratterizzato. Sono stati proposti concerti, ci sono state iniziative, presentazioni di libri , conferenze, corsi di aggiornamento, corsi di perfezionamento, master. Tutto si è svolto come se nulla fosse successo. Siamo stati presenti su tutti i principali tavoli di concertazione, sia regionali che nazionali, e siamo stati indicati spesso come esperti senza i quali la cura per questo territorio non potrà essere somministrata".

Si avvicina il momento delle iscrizioni. Lei è più fiducioso o preoccupato?

"Sono per natura ottimista. I ragazzi ci sono stati sempre vicini, hanno dato ragione alle nostre scelte, ci hanno sostenuto, aiutandoci a lavorare per il territorio. Ciò mi rende abbastanza fiducioso. Secondo la classifica emanata dal Censis per il 14° anno consecutivo ci siamo classificati al primo posto fra gli atenei fino a 16mila studenti. Abbiamo, quindi, confermato ancora una volta l'incredibile punteggio che la nostra università sta raccogliendo da anni e questo ci rende ottimisti. Siamo ancora un'università in grado di erogare servizi, didattica, borse di studio. E' chiaro, comunque, che dobbiamo prima completare quelle opere che potranno garantire la residenzialità agli studenti. Per questo, congiuntamente con il comune di Camerio, con il Commissario per la ricostruzione, con la Protezione civile, stiamo cercando di poter completare quanto primadi lo studentato che con i suoi 457 posti potrebbe dare ossigeno a quegli studenti che vogliono venire a studiare a Camerino. Inoltre cerchiamo di ottimizzare gli spazi a nostra disposizione, rendendo alcune camere fruibili da un maggior numero di studenti, manterremo i container che già abbiamo e addirittura ne avremo altri dalla Protezione civile, per altri 250 posti, prima della fine dell'estate. Oltre che per la residenzialità dovremo anche lavorare sulla costruzione di infrastrutture per la ricerca, perchè solo continuando a fare una didattica e una ricerca di eccellenza, solo potendo ricevere in questo territorio studiosi internazionali di grande fama potremmo continuare a essere attrattivi in un momento in cui la competizione e l'eccellenza devono essere il faro. L'università deve sempre di più essere inserita all'interno della comunità".

Quali sono le linee di indirizzo della sua governance e come Unicam può porsi rispetto a questo territorio ferito?

"La linea guida principale del mio programma è la ricerca. Voglio ripartire dalla ricerca e continuare a legarla alla nostra attività didattica perchè a mio avviso sarà la ricerca di eccellenza che porterà a scegliere Unicam. Faccio un paragone con il Verdicchio delle nostre zone. Ovunque si può bere vino, ma se vogliamo bere un vino come il Verdicchio, con il suo colore il suo aroma particolare, dobbiamo continuare a produrlo in questo territorio. Così la nostra università deve avere delle peculiarità che altri atenei non hanno. Altra linea guida è la ricostruzione. Dovremo ricostruire il nostro ateneo non solamente da un punto di vista strutturale, ma anche sociale e nelle persone, coagulando intorno all'università tutti coloro che vorranno dare il proprio contributo. Per fare questo dovremmo offrire strutture sicure e adeguate dove lavorare. Abbiamo perso tanti uffici, aule, laboratori, abbiamo perso il luogo dove avevamo la governance dell'ateneo. Noi dovremo ricostruire tutto ciò. Anche nel post sisma possiamo svolgere un ruolo importante. Abbiamo una scuola di architettura e, quindi, possiamo progettare non solo edifici nuovi, ma anche il recupero di vecchi edifici e di centro storici martoriati. Abbiamo geologi che rappresentano un'eccellenza a livello mondiale e che possono fornirci importanti informazioni sui luoghi in cui poter edificare. I nostri fisici, chimici, biologi possono farci costruire in maniera sostenibile e con materiali innovativi. Abbiamo giuristi che possono indicare la via nelle attività di cooperazione o di terzo settore. Abbiamo farmacisti e medici veterinari, che con le loro competenze potranno dare risposte alle domande degli allevatori e della nostra popolazione anziana. Tutti progetti che Unicam ha in animo di portare avanti e che permetteranno alla nostra università di svolgere un ruolo da protagonista nel progettare il futuro di questo territorio".

Pagina 1 di 6

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo