A un anno dal sisma consegnate le prime 7 SAE a Costafiore di Muccia. CNS donerà una chiesa

A un anno dal sisma consegnate le prime 7 SAE a Costafiore di Muccia. CNS donerà una chiesa

 

Ad un anno esatto dal sisma del 26 ottobre sono state consegnate a Muccia  nella frazione di Costafiore le prime 7 casette delle 164 richieste nel comune. Entro la metà di novembre ne sarannoi consegnate altre 20. All’inaugurazione è intervenuto l’assessore regionale Angelo Sciapichetti, partito subito dopo alla volta di Roma, per partecipare all’incontro con il Commissario De Micheli. Al taglio del nastro presenti anche Sergio Zaccarelli, procuratore di CNS (Consorzio Nazionale Servizi che ha l’appalto della costruzione casette) e il direttore dei lavori ing. Paolo Sabbatini( Erap)e le autorità militari A conclusione della cerimonia, il parroco di Muccia don Gianni Fabbrizi, ha benedetto le nuove strutture.

IMG 20171026 122601666

“ Una giornata di festa che ci apre alla speranza. Da qui inizia di una nuova fase- ha esordito il sindaco Baroni- Quella del 26 ottobre, è una data che rimarrà indelebile nelle nostre menti: un anno dal terremoto che ci ha azzerati. Oggi ricordiamo quella data con l’inizio della ripresa, con la consegna di 7 casette e con 22 persone che ritornano a casa. Un segnale positivo per la ripartenza di Muccia; ci auguriamo di poter effettuare altre consegne entro novembre, per il ritorno a casa, della maggior parte delle famiglie prima del Natale, così da ricostituire il tessuto sociale del nostro paese che, materialmente, non c’è più. A breve- ha aggiunto il sindaco- inaugureremo anche la zona commerciale, che potrà consentire la ripresa di tante attività, ferme da tempo. Il ringraziamento va al CNS, all’impresa impegnata con tutti i suoi mezzi e maestranze, all’ing. Paolo Sabbatini che segue i lavori nei cantieri e all’assessore regionale Sciapichetti sempre disponibile ad ascoltare le nostre esigenze”.

 “ Un segno di speranza, la consegna delle Sae ad un anno esatto dal terremoto che ci ha messi in ginocchio- ha detto Sciapichetti-  Dio solo sa quanto c’è bisogno di speranza e di segnali concreti in un territorio così devastato. Al di là delle chiacchiere quello che dobbiamo garantire ai cittadini è un avanzamento nella realizzazione delle casette per le altre aree, per permettere il prima possibile il loro ritorno nelle loro frazioni e nei comuni di residenza. Da qui alle prossime settimane dunque dobbiamo lavorare per riuscire a portare a termine entro l’anno quell’impegno che ci eravamo dati; far partire velocemente la ricostruzione leggera delle B, lavorando intorno alla semplificazione che cittadini, amministratori e tecnici ci chiedono. L’impegno della Regione è quello di ripopolare la vita in queste zone - ha proseguito l’assessore regionale-; sentiamo il dovere di snellire il percorso di chi vuole rimettere a posto il prima possibile la propria abitazione, senza attendere i tempi lunghi delle autorizzazioni. Il processo è dunque per gradi: in primo luogo favorire il ritorno degli abitanti con la consegna delle SAE e la partenza della ricostruzione leggera, contemporaneamente, far ripartire le attività economiche, commerciali e artigianali e di conseguenza l’economia. Dobbiamo continuare a lavorare e andare avanti uniti, cercando di collaborare, trovando soluzioni concrete per la popolazione, perché le polemiche facili, il più delle volte non risolvono i problemi, anzi li aggravano.  Oggi è un giorno di festa e su questa strada dei risultati concreti, dobbiamo continuare”.  

Dal sindaco Baroni anche l’annuncio della donazione da parte di CNS, di una chiesa di 120 metri quadrati che, si spera di montare prima di Natale, nel piazzale antistante le casette.

Sono 1920 le SAE  che il CNS si è impegnato a realizzare tra  Marche, Umbria e Lazio; di queste, 1500 ne sono già state ultimate “ Fine novembre, metà i dicembre- ha spiegato il procuratore di CNS Sergio Zaccarelli- saremo arrivati ad onorare il nostro impegno. Da parte nostra massima concentrazione e attenzione per il rispetto dell’ambiente,e, soprattutto delle persone e delle loro attese”. 

“Rispetto al crono-programma consueto, - ha detto l’ing. Sabbatini- quello della frazione Costafiore  è uno dei pochi casi in cui abbiamo potuto anticipare di quattro-cinque settimane, i tempi di consegna delle casette, A consentirlo  è stata la”tranquillità”della zona, dove non abbiamo riscontrato problematiche particolari e, grazie all’impresa che ha messo del suo, i lavori sono stati completati quasi in contemporanea con il montaggio delle SAE”.

Ha infine invocato la benedizione di Dio, della Madonna di Col dei Venti e del Beato Rizzerio, il parroco Don Gianni Fabbrizi che ha rivolto un ringraziamento al Signore per aver salvato vite umane, invitando tutti, governati e governanti, ad essere realisti. “ La realtà – ha detto- siamo noi con i nostri bisogni e necessità e, quello che ci si attende, è che siano prese le decisioni adeguate alle esigenze particolari e quotidiane delle persone. La preghiera che rivolgiamo al Signore, è che non ci faccia perdere lo sguardo sulla realtà, che ci faccia ritrovare socialità e una risposta sempre maggiore  ai nostri bisogni”.

Carla Campetella

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo