Camerino- Presentata la Pdl per l'istituzione di una Zona franca per i 131 comuni del cratere

Camerino- Presentata la Pdl per l'istituzione di una Zona franca per i 131 comuni del cratere

Presentata nel corso di una conferenza stampa presso l’aula 3 di Giurisprudenza dell’università di Camerino, la proposta di legge sulla Zona franca Urbana e Zona Economica Speciale per i 131 comuni del cratere dell’area terremotata dell’Italia centrale.

L’idea si deve all’ex sindaco Dario Conti intervenuto per l’occasione insieme al sindaco Pasqui e al rettore Corradini. La predisposizione del testo si deve ad un gruppo di lavoro formato da docenti della Scuola di Giurisprudenza Unicam ed esperti di diritto.

Ne fanno parte i professori Antonio Flamini, Fabrizio Lorenzotti, Francesco Rizzo, Francesco Casale, Roberto Esposito, Paola Morlupo e l’avv.Giuseppe De Rosa. La proposta di legge (o Decreto Legge) già depositata dall’on. Pastorelli, lo scorso 28 gennaio è stata presentata nel corso di una riunione a Roma al vice ministro Nencini e consegnata anche al Presidente Mattarella nel giorno dell’inaugurazione dell’anno accademico di Unicam.

conti 360x588

“ Una ripresa economica per queste zone così duramente colpite- ha detto Dario Conti- è possibile solo se esistono delle esenzioni fiscali. Il sindaco Pasqui, pur nella drammaticità della situazione e nel marasma di difficoltà burocratiche sta lavorando bene. Da parte mia non potevo non pensare al mio territorio  e alla sua economia e , cercando di allargare lo sguardo a tutti i comuni che si trovano in questa dura situazione, anche per esperienze passate come quella de L’Aquila. Si è voluto allora fare una proposta concreta per il rilancio delle aree terremotate. E’ una proposta di legge molto articolata che ci auguriamo possa avere un riscontro positivo. Cercheremo a tal fine di pungolare anche il Presidente della Regione e, a livello nazionale, attraverso il vice ministro Nencini o lo stesso Presidente del Consiglio Gentiloni. Credo che nessuno abbia l’esatta percezione di quello che è stato il terremoto da queste parti e ci ritroviamo impantanati in una serie di cavilli burocratici. Da questo pantano è nostra intenzione lanciare un sasso per smuovere qualcosa”. 

rettore 456x637

Ringraziamenti a Dario Conti per lo stimolo fornito, e, a tutti i colleghi docenti messisi subito a disposizione per redigere la bozza di legge, sono stati espressi dal rettore Corradini: “ Mi auguro– ha detto- che questa proposta abbia la soddisfazione che merita. La parola chiave che quotidianamente frulla nella mia testa- ha proseguito – si chiama lavoro- E il lavoro dobbiamo assolutamente far rientrare in queste aree per farle diventare attrattive. Il lavoro nel nostro Paese, nei nostri territori e nei Paesi d’Europa, è generato per la stragrande maggioranza dalle imprese e iniziative come questa, vanno esattamente nella direzione di rafforzare un elemento cardine dei sistemi produttivi ed economici. Mi sembra che la risposta dell’università sia stata molto positiva e mi sento a mia volta di stimolare tutti i colleghi a mettersi a disposizione di chi ( imprese o cittadini) abbia bisogno di chiarimenti su decreti e ordinanze che continuamente emergono. Il gruppo di lavoro che si è impegnato a predisporre la proposta di legge sulla Zona franca, magari domani potrebbe mettersi a disposizione come ‘task force’ per aiutare a capire il contenuto dei provvedimenti che si susseguono. Le competenze nei vari settori ci sono e l’obiettivo primario- ha concluso Corradini- è quello di svolgere come università, un importante  servizio per la società”.

 

“ Debbo ringraziare l’ex sindaco Conti – ha detto Pasqui- per aver fatto propria l’iniziativa che, insieme ad altre su questo tema, andranno a favorire insediamenti commerciali nel nostro territorio E’ chiaro che, per la città e per tutta l’area, dobbiamo guardare ad una ricostruzione e in questo Camerino e il camerinese debbono rappresentare la “scuola” per capire come si va a rigenerare in sicurezza, ma è altrettanto vero che bisogna lavorare affinché il tessuto socio-economico possa rimanere qui o addirittura amplificarsi. Le difficoltà più grandi che abbiamo in questo momento sono proprio legate all’avere un‘cuore’, una piazza, un momento di incontro sociale e uno sviluppo economico tale da poter rilanciare l’economia di questa terra. In vari ambiti purtroppo non c’è ancora una consapevolezza di quel che è accaduto a Camerino e se così stanno le cose è normale che nessun imprenditore può venir qui ad offrire posti di lavoro, perché in una città dove tutto è a posto non serve nulla. Questa è in realtà una città fortemente colpita e la devastazione del territorio ha numeri impressionanti quindi, iniziative come la proposta di legge di Zona franca e Zona Economica Speciale, servono a dare un valore aggiunto ad un percorso che deve essere obbligato: quello di guardare a questa terra come terra da cui ripartire sotto tutti gli aspetti, economici, sociali e culturali, perché abbiamo un università di assoluto prestigio ma non conosco  atenei senza città. Abbiamo e ho l’obbligo da sindaco di mettere vicino all’eccellenza dell’università, una città che lo sia altrettanto. In questo le istituzioni ci sono vicine ma debbono esserlo in maniera obbligata considerato il valore di questa terra”.

Ad illustrare il contenuto della Proposta di legge o Decreto legge è stato poi il prof. Flamini.

Flamini

“La nostra pdl è ben più complessa della proposta di Zona franca apparsa nell’art.18 poi stralciato dal decreto legge varato dal governo la scorsa settimana– ha spiegato - La nostra proposta prevede infatti due titoli, l’uno riguardante la Zona Franca Urbana, istituto, utilizzato in altre occasioni in Italia e anche nel recente sisma dell’Emilia Romagna, che dà la possibilità alle piccole e micro imprese, di esenzioni da imposte e tasse relative alla loro attività. Accanto al titolo primo- prosegue Flamini- abbiamo ritenuto opportuno però  inserire un titolo secondo avvalendoci di un altro istituto che è quello della Zona Economica Speciale. Zone di questo tipo esistono in Europa per dare la possibilità di riprendere la loro attività, non solo a imprenditori e commercianti, ma anche a nuovi soggetti economici che vogliano insediarsi in essa, entro un certo periodo di tempo. Nella Zona Economica Speciale, oltre ad alcune esenzioni di imposte e tasse è prevista anche la possibilità di contributi previdenziali e l’esenzione dall’IVA. Un istituto che effettivamente può dare l’opportunità di ripresa per le imprese di queste zone che necessitano, non solo di piccoli accorgimenti, ma anche di stimoli molto forti. E’ chiaro che per l’istituzione di una Zona Economica Speciale- ha continuato Flamini- è necessaria l’autorizzazione dell’Europa. Le obiezioni sicuramente ci saranno, trattandosi di aiuti di stato ma, nel dramma di situazioni come la nostra, senza aiuti di Stato, una ripresa non è possibile. Peraltro, personalmente, nutro molti dubbi sul divieto degli aiuti di stato, in quanto – ha rimarcato infine-senza l’intervento pubblico in alcune situazioni difficili, quale è quella della calamità naturale che si è verificata nel centro Italia, è impossibile risollevarsi”.

  Carla Campetella

conf 784x588

 

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo