Notizie di economia nelle Marche

"Insieme due volte più forti". "Il singolo non riesce, la squadra ce la fa". Due slogan per indicare la filosofia di Gaetano e Federico Maccari, rispettivamente titolare e amministratore delegato de "La pasta di Camerino", azienda che dopo il terremoto ha deciso di raddoppiare. E' stato, infatti, inaugurato un nuovo padiglione, con la struttura che raddoppia in dimensione gli spazi produttivi passando da 5 a 10 mila metri quadrati. Al taglio del nastro erano presenti, tra gli altri, il Governatore delle Marche Luca Ceriscioli, l'Arcivescovo di Camerino – San Severino Marche Francesco Giovanni Brugnaro, il sindaco di Camerino Gianluca Pasqui, il rettore di Unicam Flavio Corradini ed il rettore eletto Claudio Pettinari.

"Un giorno indimenticabile per me e la mia famiglia – ha dichiarato visibilmente soddisfatto Gaetano Maccari – Cittadini e istituzioni hanno mostrato di apprezzare quello che stiamo facendo. Raddoppiamo lo stabilimento, raddoppiamo la produzione, vogliamo raddoppiare anche il numero dei dipendenti assumendo persone di un territorio che sta soffrendo per le ferite del terremoto. E' per me motivo di grande soddisfazione soprattutto il fatto che la mia famiglia, che mi ha sempre seguito, continua a seguirmi. Ripartire e rinascere si può se ognuno farà la sua parte perché il sisma ha distrutto tante cose ma non l'amore della gente e nostro personale per questo territorio nel quale abbiamo le nostre radici e nel quale vogliamo continuare a vivere e a crescere".

IMG 6701

 

Terzo attore nazionale nel settore della pasta secca all'uovo, con 16 milioni di euro di fatturato, 250 quintali di pasta prodotta ogni giorno con materie prime 100% italiane, il 20% della quale è esportata sul mercato di Germania ed Usa, l’azienda "La pasta di Camerino" ha una capacità produttiva di 500 quintali di pasta al giorno su 6 linee di produzione con 60 referenze di pasta all’uovo, pasta di semola, di farro ed integrale.

pasta di camerino benedizione

 

Tradizione, dunque, ma anche innovazione grazie a Federico, figlio di Gaetano e Mara, che ha "raddoppiato" la voglia della famiglia Maccari di fare pasta. "I miei genitori dopo anni di duro lavoro forse erano un pò stanchi, ma hanno ritrovato nelle mie enrgie nuova carica – così Federico - Ora siamo in tre a lavorare con il massimo delle nostre forze e della nostra passione e amore per questo territorio in questo progetto. A breve sarà con noi anche mio fratello Lorenzo, attualmente all'estero per terminare il suo percorso di studi, e forse passeremo da due a tre volte più forti. Speriamo che la nuova linea di produzione della pasta di semola abbia il successo che hanno avuto le nostre tagliatelle e che tutti ci auguriamo in modo da poter rilanciare anche la nostra città che il terremoto ha colpito in maniera terribile".

IMG 7267

Un'azienda in cui tutto gira intorno al nucleo famiglia, con il supporto fattivo di Mara Mogliani, moglie di Gaetano e mamma di Federico e Lorenzo. "Cerco di dare il mio supporto agli uomini della casa come meglio posso – si schernisce così la signora Mara – Sono presente in azienda, cercando di dare il massimo del mio contributo restando, però, preferibilemnte nelle retrovie".

IMG 6993

Un traguardo importante che anche i dipendenti dell'azienda sentono loro, come si evince dalle parole di Gilberto Spurio. "Far parte di questa azienda è per tutti noi un grande onore – le sue parole – e ringraziamo la famiglia Maccari per quanto sta dando non solo a noi dipendenti, ma anche alla città di Camerino. Il nostro entusiasmo deriva dall'impronta data dall'azienda stessa. Così tutti noi ogni mattina ci svegliamo con la voglia di fare".

IMG 6976

 

Una inaugurazione importante, un’azienda che investe che cresce, che crea nuova occupazione, che racconta il nostro territorio con la qualità dei suoi prodotti e soprattutto che ha fatto la scelta di crescere nel momento più difficile. All’indomani dal terremoto – le parole del presidente della regione Luca Ceriscioli – in una situazione pesante e difficile, la scelta di questa azienda è stata crescere e investire. Un modo molto forte, determinato, di affrontare le difficoltà puntando sul futuro e sulla crescita, credendo nelle proprie qualità e capacità. E’ quello che serve a tutti i marchigiani che possono vedere nell’esperienza di questa azienda un grande segnale di futuro e speranza".

IMG 7082

"Parlando di innovazione e di cambiamento mi è venuto in mente un sonetto scritto da Galilei che invita ad usare la fantasia, cioè a supporre che le cose possano e debbano cambiare – l'intervento dell'arcivescovo Francesco Giovanni, legato alla famiglia Maccari da rapporti di amicizia – Questo è un atteggiamento positivo per un imprenditore e per i suoi lavoratori, ma anche tutti noi, dopo l'esperienza drammatica del terremoto, dovremmo avere la capacità di comprendere come ricostruire cose che non fanno del male e soprattutto cose che servono a recuperare in maniera positiva i beni che rischiamo di perdere da una tradizione così grande, ricca e feconda della nostra cultura locale".

IMG 7111

 

Innovazione è una parola molto cara anche al rettore dell'università di Camerino Flavio Corradini secondo cui tale termine rappresenta nell'azienda della famiglia Maccari "una sintesi perfetta con la tradizione. In questa azienda l'innovazione si fa partendo da una storia, mantenedo una qualità incredibilmente interessante e i prodotti della linea "La pasta di Camerino" ci aiutano a crescere come marchigiani".

IMG 7067

"La presenza sui banchi di tutti i nostri figli all'apertura dell'anno scolastico con l'inaugurazione di una nuova scuola, che equivale alla volontà del nostro popolo di rimanere a Camerino e un'azienda che rilancia dichiarando di voler assumere è per noi motivo di emozione e soddisfazione – la chiosa del sindaco di Camerino Gianluca Pasqui – Questo fa capire che la nostra Camerino è una città che ce la farà ad uscire da un momento di grande difficoltà. Con il terremoto non abbiamo perso nulla, anzi sotto alcuni aspetti stiamo anche incrementando guardando anche in proiezione futura".

IMG 6853

 IMG 6879

IMG 6878

IMG 6739

IMG 6763

IMG 6815

IMG 6873

IMG 6777

IMG 6844

taglio del nastro

 

 

Pubblicato in Economia

Science Smart Contest è l’innovativa soluzione sviluppata dal gruppo marchigiano Med Store per il parco giochi di Ravenna.  Una caccia al tesoro su iPad che rivoluzionerà la didattica per un’esperienza di apprendimento unica nel suo genere

Divertimento e innovazione nella didattica si uniscono per rivoluzionare l’insegnamento scientifico. “Science Smart Contest”, l’innovativa applicazione sviluppata dal Gruppo Med per arricchire l’offerta formativa del Parco Mirabilandia di Ravenna.

Un progetto nuovo sviluppato su misura con un’App personalizzata per iPad che sfrutta la tecnologia iBeacon, presentato in occasione del convegno “Nuove idee per l’insegnamento scientifico” giunto alla 15a edizione che ha visto protagonisti ben 250 docenti di ogni ordine e grado per scoprire e approfondire il tema della metodologia didattica nei parchi divertimento e programmare gite scolastiche fuori dal comune.

Mirabilandia, infatti, con i suoi progetti didattici rivolti agli studenti, è da molti anni punto di riferimento per le scuole, e dal 2018, arricchirà la propria offerta formativa grazie alla soluzione ideata insieme agli specialisti Med Store per fornire agli studenti una visione delle discipline scolastiche coinvolgente ed appassionante. “Siamo orgogliosi di portare tecnologia e innovazione nell’intero territorio italiano - dice Emanuele Piersanti, general manager Med Group - in particolare nel settore Education per offrire le migliori soluzioni e la giusta formazione sull’utilizzo delle nuove tecnologie dedicate agli studenti e al loro sviluppo futuro”.

L’attività presentata consiste in una caccia al tesoro completamente innovativa che coinvolge le attrazioni del Parco facendole diventare oggetto di indagine dal punto di vista didattico. Gli studenti partecipanti verranno suddivisi in cinque gruppi, a ognuno verrà assegnato un iPad con installata l’App. Guidati da indizi e rispondendo esattamente a una serie di domande, i ragazzi realizzeranno, in un tempo stabilito, un percorso che toccherà alcune attrazioni del parco.

1 MED

 

Quando il gruppo si avvicinerà al primo punto d’interesse, riceverà una notifica push direttamente sull’iPad, grazie al sensore iBeacon (posizionato in precedenza dallo staff), che darà il via al gioco, facendo apparire sullo schermo la prima attività da realizzare. L’applicazione assegnerà un punteggio in base a risposta corretta, sbagliata o mancata che verrà aggiornato dopo ogni indizio risolto, fino allo scadere del tempo complessivo.

Alla fine del gioco, sullo schermo dell’iPad verranno mostrate le indicazioni per raggiungere il punto di ritrovo, dove il tutor mostrerà la classifica finale, premierà la squadra vincente e potrà discutere con i vari gruppi le singole domande del percorso. 

8 MED


I collaboratori didattici di Mirabilandia si occuperanno dei contenuti dell’applicazione, ovvero delle domande a cui gli studenti dovranno rispondere, delle attività che verranno loro richieste, della scelta e valutazione dei percorsi nel parco.
A disposizione degli alunni un’area dedicata alla parte multimediale integrata nell’App, dove ci saranno grafici, schede delle attrazioni coinvolte, foto e video scelti dai docenti oltre a una mappa interattiva per permettere ai ragazzi di orientarsi da un punto all’altro del parco.

4 MED

Andiamo oltre la classica caccia al tesoro, - dice Alessandro Foschi, professore collaboratore di Mirabilandia - parliamo di mobile learning in cui si combina la tecnologia mobile e gli obiettivi didattici per creare un ambiente di apprendimento unico ed esperienziale.

10 MED

Un’occasione unica per far sviluppare il lavoro di squadra ai ragazzi, sviluppare le abilità di problem solving, mettere alla prova le competenze organizzative entro un termine, stimolare il coinvolgimento attivo degli studenti ed esercitare abilità e processi connessi all’uso di nuove tecnologie. La soluzione è adattabile ad ogni ordine di scuola ed età dello studente, i contenuti sono facilmente aggiornabili attraverso un’interfaccia web e sono estendibili ad altre discipline e aspetti culturali e artistici del territorio”.

3 MED

Un progetto formativo realizzato da Med Innovations, software house del Gruppo Med, rappresentata da Luca De Baptistis e Andreina Reccia e grazie alla collaborazione dei professori Alessandro Foschi e Giovanni Pezzi che hanno fornito la loro consulenza mettendo a disposizione la lunga esperienza maturata sotto l’aspetto didattico. 

Nel pomeriggio, gli insegnanti interessati hanno testato il progetto in prima persona sul campo. 

( Di seguito le foto della divertente caccia al Tesoro)

6 MED

2 MED

7 MED

11 MED

9 MED

 

 

Pubblicato in Economia

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo