Notizie di economia nelle Marche

Camerino in festa per l’inaugurazione dell’area commerciale Vallicenter.  Una moltitudine di persone si è ritrovata per il taglio del nastro avvenuto alla presenza del sindaco Pasqui, dell’assessore regionale Sciapichetti, dell’ing. Talarico e dei rappresentanti l’amministrazione comunale. Realizzata dalla Regione Marche con i fondi europei l’area, una superficie di 660 metri quadrati per un costo di 346 mila euro, ospita otto attività economiche e produttive delocalizzate dopo il sisma. Tra suggestivi addobbi natalizi e piccoli buffet di benvenuto, i commercianti hanno festosamente accolto i numerosi partecipanti. Atmosfera gioiosa e frizzante per tutto il pomeriggio organizzato dalla Pro Loco, arricchito da vin brulè, mercatini artigianali e  allestimenti, curati da varie associazioni cittadine. Un fragoroso applauso augurale ha sottolineato il momento dell’inaugurazione, introdotto dal suono della cornamusa di Maurizio Cavallaro e dei Tamburini “Emma Magini”e, conclusosi con un’allegra tombolata.

IMG 20171228 183508244

“Il taglio del nastro ha il significato di un obiettivo raggiunto – ha detto il sindaco Gianluca Pasqui- e quello di oggi è un obiettivo che si lega ad un percorso economico e anche sociale. Debbo ringraziare i commercianti perché, nonostante le difficoltà, hanno creduto fino ad oggi nella riuscita del percorso futuro della nostra città. Siamo felici per l’inaugurazione di questo spazio che non è soltanto un centro economico ma anche di socialità, in uno dei quartieri  più danneggiati dall’evento sismico e forse, quello che più di altri, aveva necessità di vedere al suo interno delle attività economiche. Per noi è una grande soddisfazione, uno dei segnali dei percorsi raggiunti che, nella consapevolezza delle difficoltà che dovremo affrontare, ci dà la forza di andare avanti per raggiungere  quella che sarà la gioia più grande, il vedere ricostruita la nostra Camerino”.

IMG 20171228 183245152

“Un’altra realizzazione concreta - ha commentato l’assessore Angelo Sciapichetti- Un altro segnale di speranza che va nella direzione che tutti vogliamo: cercare di riportare il prima possibile le popolazioni nei comuni di residenza, far ripartire anche le piccole attività commerciali che hanno bisogno di ricominciare per rimettere in piedi un’economia, senza la quale non c’è vita e non c’è speranza. Sono tutti piccoli tasselli di un grande mosaico che, giorno dopo giorno, riusciamo a mettere insieme. Oggi c’è soddisfazione per aver compiuto un altro piccolo passo ma, da subito, ci rimettiamo in moto per affrontare altri problemi, altre difficoltà che purtroppo non mancano. Il riuscire a sfidarle con atteggiamento costruttivo una dopo l’altra, vuol dire farcela. Di certo c’è stata una devastazione che non ha precedenti nella storia d’Italia e ci vorrà del tempo. Dobbiamo impegnarci tutti perché il 2018, oltre che l’anno delle casette che debbono essere consegnate nei prossimi mesi, deve essere l’anno delle gru, il che significa far ripartire la ricostruzione leggera dei danni B, in modo tale da far rientrare a Camerino un gran numero di persone ancora alloggiate altrove e permettere di ripopolare la città”.

Carla Campetella

IMG 20171228 183224042

Pubblicato in Economia

Fiastrone Natura” e la filiera corta organizzata. Così fanno rete cinque comuni dell’Unione montana dei Monti Azzurri.

Si tratta di un marchio, Fiastrone Natura, alla cui base c’è un progetto ambizioso che avrà l’obiettivo di mettere a sistema le piccole aziende a conduzione familiare dei comuni di Camporotondo, Cessapalombo, Serrapetrona, Belforte e Caldarola a garanzia dei prodotti agro-zootecnici, turistici e di ristorazione.

Il progetto è stato presentato nella sala consiliare di Camporotondo e ad introdurlo è stato il sindaco Emanuele Tondi: “Da alcuni anni ascoltiamo le imprese del territorio per capire come sostenerle e aiutarle.

Sono piccole aziende a conduzione familiare con problemi di visibilità e capacità produttiva e istituendo questo marchio cercheremo di dare una risposta concreta alle piccole imprese che saranno interessato a far parte di questo progetto”.

Un marchio, secondo Tondi, che può essere promosso anche dalle istituzione e che vuol permettere alle aziende di crescere insieme e non singolarmente.

“Ci saranno delle linee guida per i produttori - ha aggiunto - e per tutelare anche consumatori”.

Un progetto ambizioso, così è stato definito, è alla base di Fiastrone Natura, ovvero la cosiddetta filiera corta organizzata. Ad illustrare l’idea è stato Ivano Cappellacci ( sotto nella foto ), un piccolo imprenditore trasferitosi a Camporotondo del 2011: “Vogliamo stimolare i produttori a unirsi e i consumatori ad acquistare prodotti locali, a chilometro zero.

In campagna - ha spiegato - si riesce a produrre sempre meno, i produttori sono in balia del mercato e i consumatori spesso sono passivi e disinformati.

Ivano Cappellacci

IMG 2341

Il nostro ambiente è particolarmente sano, ma sto subendo un generale spopolamento e mancano poi servizi e riconoscimenti delle qualità”. L’invito di Cappellacci è quello di smettere di essere passivi, di accrescere il senso di appartenenza al territorio e, in riferimento ai piccoli imprenditori, di migliorare le produzioni e le professionalità. “C'è bisogno di innovazione di prodotti e processi - è tornato a dire - e questo progetto ha un’enorme potenzialità. I cinque comuni contano 2.322 famiglie che mensilmente, per la spesa, spendono in media 365 euro che, moltiplicato per i 12 mesi dell’anno, porterebbero in questi territori, qualora acquistassero prodotti locali, ben 10milioni e 167mila euro”.

Il progetto godrà del supporto dell’Unione montana dei Monti Azzurri e dell’Università di Camerino, che sarà parte attiva anche per quanto concerne le certificazioni dei prodotti del marchio Fiastrone Natura.

IMG 2374

Da un paio d’anni dibattiamo di questo argomento - ha detto il presidente dell’Unione Montana Giampiero Feliciotti - e questo progetto rappresenta l’atto pratico. Non sarà un'imposizione, costruiremo assieme alle aziende interessate gli standard di qualità e le regole. Questo è anche l’inizio di un percorso che porterà ad avviare un mercato stabile dei prodotti locali che riporteranno il marchio”. Feliciotti ha più volte ricordato che serve progettualità e sinergia fra comuni perché l’Unione montana possa ottenere altre risorse e, sulla stessa lunghezza d’onda, anche Andrea Spaternea in rappresentanza di Unicam, che ha ricordato la peculiarità del territorio del Fiastrone: “Qui c’è un ambiente incontaminato e sono poche le zone che possono vantare questa prerogativa. I prodotti di altissima qualità provenienti da queste zone - ha precisato - vanno valorizzati e promossi per dare chances di ripartenza al territorio. Unicam giocherà un ruolo importante nella loro certificazione affinché il consumatore sia messo nella condizione di acquistare in maniera consapevole”.

IMG 2350

 

Da parte sua, il sindaco di Cessapalombo Giammario Ottavi, ha raccontato di un’idea simile lanciata nel suo Comune diversi anni fa: “Questa iniziativa porta senz’altro nella giusta direzione.

A Cessapalombo abbiamo già provato circa 6 o 7 anni fa con ‘Tipicità dei Sibillini’. Quello che poi è mancato è stato l’accorpamento dei produttori. Da queste parti - ha spiegato - sono abituati a lavorare e vendere singolarmente, ognuno concentrato sul proprio prodotto pensando che sia migliore degli altri. Dobbiamo sfatare questo problema e mettere insieme tutti gli attori perché abbiamo un territorio vastissimo con straordinarie potenzialità”.

Gaia Gennaretti

IMG 2372

Ad accogliere positivamente il progetto anche Luca Giuseppetti, sindaco di Caldarola: “Dopo il terremoto occorre pensare positivo. Questa iniziativa è eccezionale. Non capisco come mai noi marchigiani non abbiamo ancora capito la bontà delle nostre produzioni. È ora di svegliarci - ha detto -. Ai marchigiani piace identificarsi con le zone costiere ma non abbiamo capito che la nostra Regione è fatta anche di una grande e stupenda montagna che sarebbe l’unica fonte di guadagno, se venisse sfruttata come dovrebbe”. 

IMG 2338

Pubblicato in Economia

Inaugurazione vicina per il “Vallicenter”. Già attiva ormai da qualche settimana, la nuova area commerciale si avvia al taglio del nastro ufficiale, previsto alle ore 18.00 di giovedì 28 dicembre, anche se la festa inizia già alle 16.00 .  Tutte occupate e perfettamente funzionanti le strutture provvisorie messe a disposizione dalla Regione Marche nell’area di Protezione civile di Vallicelle, nelle immediate vicinanze dei container abitati dagli studenti Unicam.  Una nuova piazza dalla quale sono ripartite otto attività commerciali e, nello specifico, due studi tecnici, la parrucchieria Grease, il centro benessere Fior di Loto, la ditta di pulizie Puli Plus, il bar ristorante Osteria dell'Arte, la Palestra il Centro e Pam Sartoria tessuti merceria. Il prossimo 28 dicembre di concerto con l'amministrazione comunale e con la Pro Loco, i negozianti hanno deciso di segnare la loro nuova stagione lavorativa. con l'ufficialità di un evento inaugurale. Una data certa dunque per il momento di festa che intende salutare il ritrovato ottimismo dei negozianti, decisi a ricominciare proprio da quel quartiere della città.  Un ulteriore passo verso la normalità da condividere con tutta la cittadinanza.

IMG 20171220 190021638 1

" Abbiamo atteso che tutte le attività fossero pronte- dichiara l'assessore comunale Erika Cervelli- e, nel periodo natalizio, non potevamo che festeggiarne ripartenza e forte determinazione. Oltre al classico taglio del nastro, con l’intervento del sindaco e dell'amministrazione - aggiunge l'assessore alle attività produttive- si è voluto organizzare un bel contorno di sorprese, attrazioni e animazione. Sarà un'occasione di gioia per la cittadinanza e per tutto il territorio, in una zona in cui si stanno ritrovando molte persone anche a passeggiare.  Grazie al fondamentale apporto della Regione– spiega Erika Cervelli-, le strutture montate nell’area sono confortevoli, belle a vedersi e posizionate in modo tale da dare la sensazione di un piccolo corso, ricreando nella zona di Vallicelle, un’atmosfera da centro cittadino; anche se da un’altra prospettiva, abbiamo fortemente voluto che tutta l’area fosse sistemata per rivivere la nostra città. La soddisfazione dei commercianti è la cosa che più gratifica tutta l’amministrazione; personalmente provo una forte commozione perché, anche se si tratta di un piccolo gruppo di attività, la loro rinascita dopo un lungo periodo di fermo, è un motivo di grande felicità”.

IMG 20171220 190117272

Entusiasmo anche negli indaffarati operatori  dell’Associazione Pro Camerino, impegnati in queste ore nella macchina delle iniziative di contorno all’inaugurazione. “ Abbiamo risposto con piacere all’invito a curare l’appuntamento - afferma Germano Eustacchi- Nel programma del pomeriggio di festa che partirà alle ore 16.00, tante belle iniziative a sorpresa, molte delle quali curate dagli stessi negozianti: nell’area commerciale avremo un allestimento Costruzioni Lego, eventi curati dalle associazioni UTEAM e Centro Millecolori e, ad allietare il tutto, anche la musica delle zampogne, mercatini artigianali e una simpatica Tombola. Il taglio del nastro, alla presenza delle autorità è previsto alle ore 18.00, ma sarà festa già prima e successivamente, nello spirito dell’essere uniti e solidali in tanti, per condividere gioiosamente una nuova speranza”.

 

Carla Campetella

IMG 20171220 190045012

 

Pubblicato in Economia

 “ Osteria dell’arteriparte dal centro commerciale Vallicenter. Sabato 16 dicembre la data che segna la rinascita del locale, la cui sede originaria in località Ponti a Camerino, il sisma ha reso inagibile. Fermi da oltre un anno, i titolari  Simona Sberna e Paolo Turchetti, per la terza volta, sono pronti a rimettersi ai fornelli con rinnovato entusiasmo. Tante persone in questi anni hanno mangiato all’”Osteria dell’arte”gustando piatti genuini, confezionati in modo originale e molto apprezzato. Dal Vallicenter la storia di Simona e Paolo si arricchisce di particolari inediti e ancora più invitanti: non solo ristorante ma anche bar, pasti veloci e apericena, per abbracciare i gusti di una clientela sempre più vasta. L’inaugurazione del nuovo locale è prevista sabato 16 dicembre alle ore 12.00. Spirito positivo e grande determinazione hanno prevalso sullo scoramento iniziale: “ Dopo un anno di fermo - dice Simona-   c’è solo grande voglia di ricominciare. Tutti gli intoppi ormai sono stati superati e siamo davvero pieni di gioia e di grande voglia di fare. A stimolarci è anche il fatto che da qui si riparte con qualcosa di nuovo per la nostra attività. Ci hanno detto che un’attività del genere in questa zona della città non c’è mai stata ed è anche per questo motivo che abbiamo scelto di venire a Vallicelle. Tutto sommato- continua Simona-  la location è venuta anche carina e da qui faremo un po’ di bar, un po’ di ristorazione e strada facendo ci aggiusteremo. Per sabato offriamo un piccolo benvenuto per festeggiare insieme ai nostri clienti”.

IMG 20171214 125308050

Ottimista anche Paolo, felice della novità di gestire un locale “a tutto tondo”. “ Nei 60 metri quadrati della struttura, abbiamo sei tavoli, a disposizione sia per colazioni della prima mattinata che per merende, pranzo e cena. La cena sarà probabilmente  il momento di ristorazione vero e proprio, in quanto a pranzo serviremo anche pasti veloci.  La realizzazione di una veranda permetterà inoltre posti a sedere e tavoli in più, da poter utilizzare in tutte le stagioni dell’anno. Per quel che concerne la cucina- aggiunge Paolo- abbiamo dovuto per forza di cose apportare delle modifiche, introducendo anche la novità dei panini”.

Arredi in legno e quadri alle pareti rendono l’ambiente ancora più accogliente; gli stessi titolari  si dicono soddisfatti della sistemazione che, giorno dopo giorno, acquisterà sempre più calore.

“ Se oggi possiamo ricominciare a lavorare- sottolinea Paolo- lo dobbiamo alla Regione Marche che ci ha messo a disposizione i locali e, innanzitutto al sostegno del comune di Camerino nella persona del sindaco Pasqui e, in particolare dell’assessore alle attività produttive Erika Cervelli. Un sentito ringraziamento va poi all’architetto Maurizio Forconi, la persona che più di ogni altra, si è dedicata fin dall’inizio a tutti noi commercianti dell’area. Grazie di cuore a tutti i collaboratori, all’amministrazione comunale, e a quanti ci hanno aiutato a riprendere il cammino. Paolo Turchetti dice che ripartire da qui significa finalmente lavorare con qualcosa di profondamente diverso. Quello che verrà fuori ancora non sappiamo; è tutto da testare sul campo ma a darci forza e coraggio, c’è comunque il calore e l’affetto di tante persone che ci stanno aspettando”.   

Carla Campetella

IMG 20171214 125429492

Pubblicato in Economia

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo