Notizie di economia nelle Marche

Un'azienda in continua espansione. Dopo Marche, Umbria e Abruzzo, il gruppo Med Store, nato da un piccolo negozio di Camerino, presenta il "progetto" Emilia Romagna. "Abbiamo acquisito un'azienda dell'Emilia Romagna, precisamente la Data Più che ha tre negozi, uno a Modena, uno a Bologna e uno a Ravenna – le parole del titolare Sandro Parcaroli – Si tratta di un progetto di espansione che avevamo programmato già dallo scorso anno e che ora stiamo realizzando dopo la definizione dell'accordo con questa azienda. Abbiamo, infatti, intenzione di aprire altri quattro negozi sempre in quella regione". Un incontro, quello avuto con Steve Jobs, che ha praticamente cambiato la vita di Sandro Parcaroli, con un gruppo che guarda sempre avanti. "La nostra è un azienda che non si ferma e che, dopo questa acquisizione, ha oltre 100 dipendenti. Siamo una grande famiglia e compito nostro è quello di aumentare il fatturato per dare ai nostri dipendenti e collaboratori sicurezza per il futuro". E' questa l'Italia che funziona? "A mio avviso – conclude Parcaroli – il problema dell'Italia è l'eccessiva burocrazia che ostacola nella crescita. Oggi un imprenditore deve essere di sicuro un sognatore ambizioso e deve avere intorno una famiglia fatta di collaboratori che siano fieri di lavorare per l'azienda".

parcaroli

 

parcarolifiglio

Pubblicato in Economia
Martedì, 26 Aprile 2016 11:33

Tutti a tavola con la pasta Castellino

Un altro esempio di azienda che crede e vuole investire sul proprio territorio senza essere oggetto di campagna acquisti da parte dei grossi gruppi stranieri. Con la tenacia che l’ha sempre contraddistinta, la Ralò di San Severino Marche - con il marchio Castellino - cerca ancora una volta di consolidare il suo posizionamento sui mercati nazionali e internazionali.

Tutti in tavola, arriva la “Pasta Castellino”! A maggio – col debutto ufficiale al “Cibus” di Parma – il gruppo agroalimentare marchigiano della “Ralò”, da quarant’anni impegnato nella produzione di olive e verdure, lancerà due nuovi prodotti sul mercato: una pasta di semola di grano duro, leggermente essiccata e una pasta all’uovo ripiena semi-fresca. Le confezioni, pronte ad arricchire i nostri menu, usciranno dal pastificio di Matelica (ex “Mediterranea”) che l’azienda settempedana ha acquisito e ammodernato con un forte investimento. Lo stabilimento (oltre 11 mila metri quadrati) presenta oggi moderne linee automatizzate, segue nuovi concetti produttivi e può garantire al consumatore una linea di prodotti di alta qualità, totalmente “Made in Italy”.

Come detto, due sono le linee di produzione.

La prima è dedicata a una pasta di semola di grano duro, che si presenta sul mercato con il brand “Pasta Castellino”. Essa si distingue da tutte le altre tipologie di pasta in commercio poiché è una pasta fatta con un processo di lavorazione unico, originale e artigianale che, grazie a una brevissima essiccazione, rimane morbida al tatto e profuma di grano. È una pasta porosa perché trafilata al bronzo e ciò le permette di trattenere al meglio tutti i tipi di condimento.

La seconda linea di produzione, invece, riguarda la pasta all’uovo ripiena semi-fresca stabilizzata. Il prodotto si chiamerà “PastItaly”, avrà un’alta qualità grazie alle materie prime utilizzate e potrà essere conservata a lungo a temperatura ambiente, mantenendo intatte tutte le sue proprietà organolettiche. Il gruppo Ralò, sempre proiettato allo sviluppo e all’innovazione, punta molto sulle novità che la “Pasta Castellino” porta con sé sul mercato. Innanzi tutto la sua rapida cottura – dai 4 ai 6 minuti per averla “al dente”, come ben spiegato in etichetta – e poi la varietà dei metodi di cottura che vanno al di là di quelli tradizionali, come la cottura diretta nel forno a microonde e la cottura “risottata” in padella. Inoltre, la nuova pasta ribattezzata, per l’appunto, “Profumo di grano” vanta un ampio assortimento: dalla semola di grano duro alla semola integrale; dalla farina di farro alla semola di grano duro antico Senatore Cappelli; fino alle linee aromatizzate della pasta agli spinaci, della pasta alla barbabietola oppure al peperoncino, ovvero al pomodoro o al nero di seppia. Infine, la conservazione: la “Pasta Castellino” pur essendo un prodotto quasi fresco, può stare a temperatura ambiente per un lungo periodo, grazie a uno speciale packaging, peraltro molto accattivante, innovativo e tecnologicamente avanzato.

Pubblicato in Economia

Il 21 aprile 1946 fu istituito il mercato settimanale del martedì a Moie. Moie per la sua posizione sulla strada Nazionale Clementina crebbe continuamente d’ importanza in particolar modo dal lato agricolo-commerciale. Nella delibera Comunale si decise di istituire nel giorno del martedì di ciascuna settimana un mercato di merci e bestiame. Tale mercato rappresentò un vantaggio non solo per la cittadina di Moie, ma anche per il territorio circostante. La norma del Decreto 17 Maggio 1866 n. 2933 , mise in evidenza che spetta ai consigli Comunali deliberare sull’istituzione dei mercati e delle fiere. Il Consiglio Comunale deliberò con 17 voti favorevoli su 17 votanti. Inoltre la Delibera specificò di provvedere al pagamento della tassa di registro della Deliberazione a norma di quanto disposto dal decreto 17 Maggio 1866, ed infine di provvedere per la riscossione dei diritti di occupazione degli spazi e delle aree pubbliche nei giorni del martedì ‘.

Pubblicato in Economia

Nuova Simonelli Group ha inaugurato a Singapore una propria sede commerciale. È la prima che l’azienda italiana, oggi leader mondiale nel settore delle macchine professionali per caffè e cappuccino, apre nell’area del Pacifico. Nella struttura, situata al 61 Kaki Bukit Ave 1 02-24 Shun Li Industrial Park (P. +65-6841-0985), opera personale sia italiano che locale.

La cerimonia inaugurale si è svolta mentre a Singapore era in corso la fiera internazionale “Food & Hotel Asia” (FHA) e al “battesimo” di Nuova Simonelli Asia Pacific hanno preso parte molti clienti ed operatori asiatici e non solo, presenti in tale occasione in città.

Da anni – ricorda il presidente e amministratore delegato di Nuova Simonelli, Nando Ottavi –Asia e Oceania assorbono complessivamente quasi il 50% del nostro export e con questa sede commerciale a Singapore, baricentro dell’intera area del Pacifico, intendiamo costituire un punto di riferimento stabile per tutta quella nostra vasta clientela che va dalla Corea del Sud alla Nuova Zelanda, dall’India al Giappone, dalla Cina all’Australia, dalla Thailandia alle Filippine.

La sede di Singapore sarà in grado di soddisfare ogni esigenza dei clienti e di tutti gli operatori del settore che sanno apprezzare le qualità stilistiche e tecnologiche delle macchine per caffè e macinacaffè prodotti in Italia da Simonelli Group con i due famosi brand, Nuova Simonelli e Victoria Arduino.

A Singapore opera anche uno dei maggiori importatori dei prodotti dell’azienda italiana, la ditta “Santino”, la cui sede è proprio accanto alla nuova filiale commerciale. Dalla collaborazione tra Nuova Simonelli Group e Santino sta nascendo a Singapore una vera e propria “Accademia del caffè”. I locali appena inaugurati, infatti, funzioneranno non solo da ufficio commerciale e showroom per i prodotti Nuova Simonelli e Victoria Arduino, ma anche da Training Centre per la formazione di baristi, tecnici e torrefattori. Inoltre, Nuova Simonelli Asia Pacific è anche un punto di riferimento per distributori, clienti e tecnici che possono avere qui continui momenti di confronto su tutti i temi legati al caffè e al cappuccino, ricevendo informazioni e fornendo a loro volta opportuni input per lo sviluppo del settore.

Riteniamo – sottolinea Ottavi – che la nuova struttura sia quanto mai strategica per far crescere ancora di più la cultura del caffè in tutta l’Asia e l’Oceania.

Pubblicato in Economia
Martedì, 12 Aprile 2016 10:00

La Polizia al Vinitaly per una guida sicura

Con lo slogan Enjoy your wine, don’t drink your life la Polizia di Stato torna per il secondo anno a Vinitaly con la sua campagna di sensibilizzazione “In vino virtus" per promuovere, in particolare tra i giovani, i valori della guida sicura contro la guida in stato di ebrezza. L’obiettivo è di promuovere il bere moderato e di qualità in contrapposizione al fenomeno del binge drinking, cioè del bere per lo sballo. Durante i giorni di manifestazione, nel proprio stand all’interno del padiglione 10, gli esperti della Polizia di Stato fanno informazione sulle conseguenze dell’abuso di alcol. Potrà essere sperimentata anche la guida in stato di alterazione, grazie al simulatore “Ready2go” in abbinamento a speciali occhiali deformanti.

Pubblicato in Economia
Giovedì, 07 Aprile 2016 17:33

La RACI dal 13 al 15 maggio a Macerata

“Siamo pronti, si parte! L’edizione 2016 della RACI si svolgerà il 13, 14 e 15 maggio”, dichiara con soddisfazione il sindaco di Macerata Romano Carancini, che già , con un post sulla sua pagina Facebook, aveva sciolto le riserve sull’effettiva realizzazione della rassegna agricola del Centro Italia. La 32° edizione della  Rassegna, infatti, era a rischio a seguito del passaggio di consegne tra la Provincia di Macerata e la Regione.

Grazie al confronto e alla collaborazione con la Provincia di Macerata e con la Regione Marche, dunque, si sono create le condizioni affinché il Comune di Macerata prenda in mano le redini di questa importante manifestazione che negli anni ha conquistato un ruolo guida nella produzione agroalimentare e nella mostra della razza bovina marchigiana e che lo scorso anno è stata possibile grazie al prezioso aiuto del Comune di Recanati.

“La RACI continua” afferma il presidente della provincia Antonio Pettinari. “Grazie al Comune di Macerata. Anche la passata edizione aveva visto la collaborazione dei Comuni di Macerata e Recanati. In questi mesi ho avuto il timore che il nostro territorio fosse privato di una manifestazione straordinaria, che specie negli ultimi anni era  cresciuta così tanto da diventare un appuntamento conosciuto e atteso a livello nazionale. La migliore vetrina di un territorio così bello e ricco di eccellenze non solo agroalimentari ed enogastronomiche ma anche ambientali,  paesaggistiche, storiche artistiche e culturali. Un'occasione di promozione ma anche di rilancio dei valori della cultura e tradizione della nostra civiltà contadina”.

Già partita la macchina organizzativa per questa nuova sfida, cui la Regione ha garantito il proprio sostegno e appoggio. Si è già svolto il primo incontro operativo in Provincia tra il sindaco Romano Carancini e il  presidente Antonio Pettinari e i relativi staff. ”Saremo, più che mai, una squadra unita”, afferma il sindaco Romano Carancini, “che saprà mettere insieme i successi e l'esperienza maturata con l'entusiasmo e l'energia necessari per affrontare questa sfida che rappresenta una grande opportunità per il nostro territorio.”

Pubblicato in Economia

Anche il 2016 avrà la sua Raci.

Passsaggio di testimone al Comune di Macerata per l'organizzazione della Rassegna agricola del Centro Italia che saluta quest’anno il traguardo della 32esima edizione.

“Oltre 30 anni di storia e di successi non potevano essere cancellati – osserva il sindaco Romano Carancini- e questo anche per dare dignità alla storia della Raci , manifestazione che è stata, è, e confidiamo continuerà ad essere, un punto di riferimento non solo per il territorio marchigiano ma per l'intero territorio nazionale e internazionale. La Raci infatti ultimamente ha addirittura sconfinato dal nostro paese ed è un punto di riferimento per altri paesi addirittura intercontinentali come molto probabilmente avverrà anche quest'anno.

"Per noi è un passaggio importante – sottolinea Carancini- ; in verità a costringere questo passaggio è stata la legge e quindi, nonostante il grande valore fatto e creato dalla Provincia soprattutto in questi ultimi 3-4e, in particolare da Antonio Pettinari, quest'anno noi ci sentiamo onorati e onerati di questo impegno che abbiamo voluto insieme a Pettinari che continua ad essere il nostro presidente della Provincia e, insieme,speriamo di costruire questa bella squadra fatta di esperienza di energia e di voglia di continuare nel successo che abbiamo raggiunto”.

Quanto alle risorse per mettere in piedi la trentaduesima edizione , il primo cittadino di Macerata afferma che, a farsene carico con il loro contributo, saranno la Regione Marche e il Comune di Macerata, augurandosi che la Camera di Commercio possa continuare ad affiancare l’istituzione.

“ Cercheremo anche di continuare l’importante e rigoroso percorso fatto dalla Provincia in termini di entrate e di equilibrio e- aggiunge Carancini - vorremmo fare ancora meglio, perché quello che mi sento di dire è che forse  la rassegna meriterebbe maggiore attenzione da parte degli sponsor. Nei tre giorni, Raci muove circa 60.000 persone, con target di ogni genere, ( dai bambini fino alle persone più anziane) e  credo che possa essere una straordinaria vetrina e opportunità anche per gli sponsor e, se c’è un terreno su cui lavorare ancora di più sia proprio questo, perché possiamo fare meglio e garantire a Raci il successo che ha avuto negli ultimi anni”.

Pubblicato in Economia

Ha pagato la politica del turismo perseguita dall'amministrazione comunale di Tolentino. Nel periodo di Pasqua la “Città di San Nicola, del Sorriso e della lavorazione della pelle” è stata letteralmente presa d’assalto da tantissimi turisti, con molte presenze di stranieri. La parte del leone l'ha recitata il complesso monumentale della Basilica di San Nicola insieme al complesso naturalistico dell’Abbadia di Fiastra, ma si sono ben comportati anche il Castello della Rancia, il Museo Internazionale dell’Umorismo e della Caricatura di Palazzo Sangallo e le Sale napoleoniche di Palazzo Parisani – Bezzi. Molto riuscita e particolarmente apprezzata la riproposizione, in piazza della Libertà, dell'antica tradizione della Colazione di Pasqua con salumi, uova, frittata con coratella, frittata con mentuccia, pizza di formaggio e coratella d’agnello, vino e ciambelle. I bambini hanno potuto decorare tante uova che poi sono state portate a casa. I fondi raccolti sono stati utilizzati per l’acquisto di una lavastoviglie che è stata donata alla casa famiglia “Papa Giovanni XXIII” di contrada S. Andrea.

Pubblicato in Economia

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo