Il Jazz italiano per Camerino

“ La musica non ricostruirà i muri di una casa ma serve a ricostruire una comunità” E’un bel messaggio di speranza quello lanciato dai numerosi musicisti alternatisi sulla scena per la tappa di Camerino, unica nelle Marche, de “ Il  Jazz italiano per le terre del sisma”. Nove concerti nell’arco di un intenso pomeriggio- sera per la kermesse di solidarietà partita da Scheggino in Umbria il 31 agosto per approdare dopo la città ducale ad Amatrice e infine a L’aquila. Una grande manifestazione culturale, voluta dal Ministro Franceschini . Un gesto di solidarietà e vicinanza dal mondo dello spettacolo con l’intento di offrire alle comunità colpite dal sisma, un interessante intreccio artistico dal forte spirito socializzante.  La pioggia del mattino ha costretto ad un veloce cambio di location, ma il risultato è stato quello di una grande festa della musica apprezzato da tutto il pubblico intervenuto, piacevolmente ed emotivamente coinvolto nelle diverse performances.  Partita nel primo pomeriggio dall’auditorium Benedetto XIII, la maratona della solidarietà del jazz italiano ha avuto una conclusione esplosiva, salutata con applausi scroscianti e autentiche ovazioni.

Giuseppe Vitale Trio, Lorenzo Vitolo Solo, Massimo Moranti e Stefano Paolini, Giovanni Ceccarelli Solo, Napolioni- Petracci- Manzi- Anna Laura Alvear Calderon, Federico Milone e Na. Sa. Unity Band, Alfredo Laviano e Peppe Consolmagno, Connie Valentini e Camillo Pace e il loro tributo a Bob Marley, per concludere con  Quintorigo e Roberto Gatto e il loro “ Trilogy”, hanno dimostrato che non esistono barriere che la musica non possa scavalcare, regalando emozioni, bellezza e armonia, come stimolo a guardare oltre la sofferenza  e le difficoltà.

IMG 20170901 225059 800x759

il trombettista Paolo Fresu, direttore artistico della maratona di jazz

“ Ci auguriamo di aver contribuito a diffondere un bel messaggio- ha detto il celebre trombettista jazz Paolo Fresu,  direttore artistico del comitato organizzatore- Il jazz italiano si è mobilitato dal 2015. Eravamo partiti da L’Aquila, lo scorso anno ci siamo sparpagliati in 25 città italiane per costruire un teatro ad Amatrice che tra un po’ diventerà realtà. Proprio questo sabato poseremo la prima pietra del Centro polifunzionale e terremo un piccolo concerto. Un teatro che sarà donato dal mondo del jazz e della cultura con il coinvolgimento di cinema, teatro e della Croce Rossa Italiana. Essendo cambiata la geografia del sisma, non poteva non cambiare la geografia della società- ha continuato il musicista -, sarebbe stato delittuoso essere presenti soltanto a L’Aquila, quando c’era il bisogno di porre l’attenzione su tanti centri che vivono grandi difficoltà, forse anche un po’ dimenticati  e dei quali si parla poco come Camerino. Ho potuto visitare la zona rossa e toccare con mano la situazione di questa città e sono anche più contento di trasmettere idealmente un abbraccio , attraverso questi 4 giorni di concerti nelle 4 regioni. E’ l’idea del jazz italiano di farsi portavoce e anche carico di una ferita importante che è quella di questi luoghi e che non possiamo sicuramente risolvere con la musica che non è capace di ricostruire le case e i centri storici, ma può aiutare la ricostruzione, suggerire un percorso, alleviare in qualche modo il dolore delle famiglie. Crediamo che la musica possa essere utile per vedere le cose da un altro punto di vista e in modo un po’ più semplice. Siamo orgogliosi e felici di questi bellissimi risultati che stanno proseguendo: oggi ad Amatrice e poi la maratona conclusiva a L’Aquila dove, dalle 5 del mattino fino a notte fonda, invaderemo pacificamente la città.  E’ insomma il nostro modo di essere vicini alle popolazioni- conclude Fresu- e dare un piccolissimo contributo che per noi è grande.  Il grazie va a tutto il jazz italiano, alle amministrazioni comunali, alle organizzazioni locali e alle associazioni che operano già nei territori con la musica jazz e che in questo momento si trovano a vivere delle evidenti difficoltà in quanto i teatri sono chiusi, i luoghi dove produrre cultura sono inattivi. Il fatto che loro si siano in qualche modo  proposti per dirigere questi eventi è significativo e direi che ci sono tutte le buone ragioni per esserci, per essere contenti e magari per proseguire anche in futuro, nella speranza che i terremoti possano concludersi e che la ricostruzione possa essere vera e definitiva”.

IMG 20170901 192357356 800x600

Pasqui e Fresu

IMG 20170901 185516984 800x600

Soddisfatto il presidente dell’Associazione Musicamdo Daniele Massimi :

“ Grande successo per un concerto che ha riunito appassionati e artisti venuti a Camerino da ogni parte d’Italia- ha detto- Un evento di solidarietà di musicisti esibitisi a titolo gratuito per portare alla popolazione un supporto morale. Sicuramente non riusciremo a ricostruire le case con questa manifestazione ma vogliamo ricostruire una comunità a partire dalle persone. E’ lo spirito che muove tutta la kermesse a testimoniare la solidarietà corale del jazz italiano. Grandi nomi e apprezzamento del pubblico per una maratona entusiasmante”.

IMG 20170901 192248980 800x600

IMG 20170901 194622897 800x600

L'intervento del sindaco sul palco

Ringraziamenti da parte del sindaco Gianluca Pasqui ai musicisti e al governo nazionale che hanno voluto fare di Camerino un centro del jazz, anche se per un solo giorno “ Fa parte della ricostruzione che noi stiamo inseguendo – ha detto il primo cittadino- perché ricostruire un territorio non significa solo rimettere in piedi le case, ma ricostruire una socialità, la propria storia, la cultura e la quotidianità.  Eventi come quello che abbiamo vissuto oggi, incoraggiano ad andare avanti con un credo sempre crescente. Pur essendo ottimista per natura- ha aggiunto- non nascondo  di aver avuto  dei momenti di timore, eppure, una serie di circostanze favorevoli che stiamo vivendo e l’iniziare a vedere che la tanta fatica messa su carta, inizia a concretizzarsi,  mi sta già  facendo guardare in proiezione e prospettiva futura con un ritrovato ottimismo. E’ quello che intendo iniziare a trasmettere alla mia gente e che serva da  guida per centrare risultati significativi. Non si riesce a ricostruire un territorio perché c’è un sindaco più o meno bravo, la riuscita dipende da una comunità che vuole farlo e noi, tutti insieme, stiamo dimostrando di voler restituire ai nostri figli quello che i nostri padri ci hanno regalato. L’orchestra sta ritrovando la sua musica e la cosa eccezionale è che accanto ai suonatori ci sono tanti direttori d’orchestra  che conoscono bene lo spartito e le note che vi sono riportate. Questa è una terra fantastica come lo sono i nostri cittadini”.  

IMG 20170901 WA0007 1 800x600  Quintorigo e Roberto Gatto

IMG 20170901 191217595 800x600

La mostra fotografica " Camerino Contrasti" a cura del Circolo Progetto Immagine

IMG 20170901 224854 800x544

Gente a cena nell'Area Food all'esterno dell'auditorium Unicam

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo