San Severino Marche: " La nuova storia dell’oratorio "

06 Gen 2018
70 volte
San Severino Marche: " La nuova storia dell’oratorio "

“Oggi è un giorno di grandissima festa. Oggi possiamo ripartire con una nuova storia dell’oratorio”. Con queste parole l’assessore Tarcisio Antognozzi ha salutato la delegazione del Decanato di Cantù Mariano arrivata a San Severino per festeggiare l’inaugurazione del nuovo oratorio provvisorio al termine della messa di questa mattina celebrata dall’arcivescovo Francesco Giovanni Brugnaro.

Si tratta di un container di circa 100 metri quadrati che potrà accogliere le attività di catechismo, quelle parrocchiali e quelle dell’oratorio. Il Decanato non ha donato soltanto la struttura che permetterà alla comunità di Don Orione di ripartire, ma ha anche reso possibile un gemellaggio di una scuola lombarda con l’istituto comprensivo Tacchi Venturi.

“Gli amici di Cantù - ha detto Antognozzi - ancor prima di farci questo dono, sono venuti a trovarci dopo il sisma. Ci sono stati vicino, hanno ascoltato le nostre angosce, le nostre paure e le nostre speranze. L’oratorio Don Orione è nato nel 2008 ma il terremoto lo ha reso inagibile e anche la nostra comunità ne ha molto risentito. Si era bloccata. Oggi possiamo ripartire davvero, con una nuova storia dell’oratorio”.

 IMG 0596

Durante l’omelia, l’arcivescovo ha molto parlato del significato della festa dell’Epifania, cioè il momento in cui Cristo si è mostrato agli uomini, per poi accostarlo al momento che la comunità del Don Orione stava vivendo grazie al Decanato di Cantù: “Stiamo vivendo un momento di grande solidarietà. Il decanato di Cantù ha offerto la struttura cosicché a San Severino potesse riprendere l’attività dell’oratorio.

Questo segno di fraternità e condivisione è il segno più bello perché è vero che la stella dei Magi ha indicato Gesù, ma poi i Magi sono stati a loro volta mandati a far conoscere Gesù. Ecco la missione, che trova nella carità, nella condivisione e nella fraternità, la cosa più importante da vivere e praticare”.

IMG 0631

In rappresentanza della delegazione lombarda, Giuseppe Bonfanti: “Questa giornata rende giustizia all’attività, è l’avverarsi di un sogno. Quando siamo venuti a San Severino dopo il sisma - ha raccontato - il nostro aggancio, le sorelle di Santa Chiara ci avevano detto che il bisogno più grosso, per quanto riguardava le attività parrocchiali, era probabilmente qua in oratorio. L’aver incontrato la comunità del Don Orione e l’aver conosciuto l‘assessore Antognozzi è stato per noi la chiave di volta. La nostra diocesi ha creduto molto in questa iniziativa - ha aggiunto - che è stata peraltro fortemente voluta dai nostri giovani. Crediamo d aver fatto qualcosa di positivo e speriamo che l'oratorio possa funzionare e crescere”.

La giornata di festa è proseguita anche nel pomeriggio. Altri luoghi ma altrettanti sorrisi e commozione. Sono infatti state consegnate altre 13 soluzioni abitative emergenziali e sono quindi 81, ad oggi, le famiglie che ne sono entrate in possesso su un totale di 103.

SSC 1534

“Una piccola festa dopo l’inaugurazione del villaggio del 20 dicembre scorso” ha sottolineato il sindaco Rosa Piermattei durante il suo saluto di benvenuto, che è stato particolarmente accolto da chi, dopo le scosse di terremoto dell’ottobre del 2016, si è trovato senza casa.

“Contiamo di ultimare la consegna di tutte le 103 casette entro la prossima settimana – ha anche detto –. Avremo potuto assegnare le ultime strutture rimaste anche oggi ma ci è sembrato troppo rischioso visto che si sta completando la viabilità e abbiamo uomini e mezzi all’opera nel cantiere. Arcale non ci ha fatto mancare nulla e i piccoli disagi che inizialmente ci sono stati, normali per delle case nuove realizzate in tempi da record, sono stati risolti”. Nell’ultima delle tre aree del villaggio “Campagnano”, infatti, si procederà a breve all’asfaltatura dei piazzali e dei vialetti interni e alla predisposizione dei parcheggi che verranno assegnati a ciascuna famiglia, oltre che della segnaletica.

“Avrei preferito non aver avuto bisogno delle casette - è tornata a dire - ma nell’emergenza che ci siamo trovati a vivere queste strutture sono importanti per tante persone. Speriamo di ripartire presto e speriamo che la ricostruzione sia veloce. Per noi comunque la priorità erano le casette e siamo giunti alla loro consegna. Poi la scuola provvisoria e la ricostruzione dell’Istituto tecnico Divini. Dopo penseremo al resto ma la città ripartirà solo quando decollerà la ricostruzione degli edifici. Come amministratori ce la stiamo mettendo tutta e cerchiamo di essere sempre presenti. Io ho solo fretta di far ricostruire le case ai miei concittadini, anche perché - ha concluso - queste casette mi serviranno. Ma sarà una sorpresa”.

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo