Belforte del Chienti- Inaugurato centro direzionale Simonelli Group

09 Ott 2017
90 volte

Taglio del nastro a Belforte del Chienti per il centro direzionale di Simonelli group, secondo gruppo italiano nella produzione di macchine professionali per caffè e centro di ricerca. La nuova struttura, realizzata accanto al moderno stabilimento già in funzione da alcuni anni, completa un complesso industriale tecnologicamente avanzato su un’area di circa ventimila metri quadrati nella zona per attività produttive di Fonte Moreto al confine con Tolentino.

Il nuovo centro ospiterà tutti gli uffici di direzione, amministrativi e commerciali. Si sviluppa su diversi piani per una superficie complessiva di tremila metri quadrati, è stato realizzato con le più moderne tecniche costruttive e sistemi di domotica di ultima generazione all’insegna della sostenibilità e della riduzione del consumo energetico. Il Centro direzionale – a cui entro il prossimo anno si affiancherà un Centro per la logistica – è stato realizzato con il lavoro di imprese tutte marchigiane. Rappresenta uno dei più consistenti investimenti realizzati dopo il terremoto del 2016 nell’area del maceratese all’interno del cosiddetto “cratere”.

All’inaugurazione e alla tavola rotonda  dal titolo “Coesione è competizione”, realizzata in collaborazione con la Fondazione Symbola, ha partecipato il presidente della Regione, Luca Ceriscioli: “Un’azienda che ha saputo trasformare anni di crisi in anni di crescita straordinaria da cui bisogna prendere esempio non solo in ambito industriale ma in tutti i campi - ha detto Ceriscioli che poi ha fatto una riflessione sulle vie di comunicazione che portano sviluppo - Per venire a Belforte ci ho impiegato solo un’ora percorrendo un tratto della Quadrilatero, strada che ha cambiato la geografia economica di questi luoghi perché porta sviluppo imprenditoriale, maggiori facilitazioni per nuovi insediamenti e farà crescere le comunità”.

Riferendosi poi alla ricostruzione post sisma il presidente ha aggiunto: “Gli strumenti ci sono e altri ci saranno messi a disposizione, è importante che ogni soggetto faccia la propria parte cogliendo tutte le opportunità. La ricostruzione è un gioco di squadra per svolgere appieno il proprio ruolo e giocare al meglio la partita”.

simonelli3

Il dibattito, svolto all’interno del nuovo Centro direzionale Simonelli Group, si è focalizzato sulla necessità di rafforzare ogni sinergia tra istituzioni, imprese e società civile, quale insostituibile motore per lo sviluppo del territorio. E in questo contesto un ruolo fondamentale devono svolgerlo le università, specie in un territorio come quello maceratese che, caso quasi unico in Italia, vanta due atenei di antichissima tradizione. Lo hanno sottolineato i rettori delle due università di Macerata e Camerino, Francesco Adornato e Claudio Pettinari. All’incontro ha partecipato il presidente di Confindustria Macerata, Gianluca Pesarini, le conclusioni sono state affidate a Ermete Realacci, presidente della Commissione ambiente e lavori pubblici della Camera dei deputati.

Simonelli Group, che produce macchine professionali per caffè e cappuccino, due simboli del Made in Italy, è un tipico esempio di come “locale” e “globale” possano coesistere. L’azienda, nata nel 1936 come impresa individuale e trasformata in società per azioni e poi in holding con partecipazioni anche in società commerciali all’estero, ha mantenuto sempre “il cuore e la mente” – ha sottolineato oggi l’amministratore delegato, Nando Ottavi – nel piccolo comprensorio dell’entroterra marchigiano. È qui che viene realizzata l’intera produzione, al 100% made in Italy, esportata per la quasi totalità all’estero. Le macchine prodotte a Belforte del Chienti sono commercializzate in 121 Paesi di tutti i continenti, rendendo la società una delle realtà italiane con il più alto indice di internazionalizzazione. L’elemento che ha guidato l’azienda marchigiana in tutti questi anni è stata la forte innovazione tecnologica, frutto anche di importanti investimenti nella ricerca svolta in stretta collaborazione con le università di Ancona, Camerino, Macerata, oltre che con gli istituti di ricerca marchigiani, ISTAO e Poliarte.  Grazie ai 23 brevetti internazionali posseduti, Simonelli Group ha conquistato oltre il 10% del mercato mondiale delle macchine per caffè, superato brillantemente gli anni della recente crisi economica, quadruplicato il fatturato e quasi raddoppiato dal 2009 ad oggi il numero dei dipendenti.

Il commissario de Micheli rassicura la città e l'Università di Camerino. Non sono " digiuna ", anzi il contrario.

06 Ott 2017
211 volte

Il Commissario straordinario alla ricostruzione Paola De Micheli ha visitato per la prima volta dalla sua nomina Camerino e la sua Università. Occasione l'iniziativa voluta da AssoFarm, l'associazione che racchiude le farmacie comunali italiane, a sostegno di Unicam. Il presidente nazionale di AssoFarm Venanzio Gizzi e il suo vice Luca Pieri hanno consegnato al Rettore eletto Claudio Pettinari, presente anche il Rettore uscente Flavio Corradini, una somma ricavata dalla raccolta fondi tra gli associati che sarà utilizzata per iniziative e progetti a sostegno della Scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute di Unicam.

Successivamente il Commissario De Micheli, insieme al Sindaco Gianluca Pasqui e all'Arcivescovo Francesco Giovanni Brugnaro, ha visitato la zona rossa della città ducale. "Ho visto che ci sono già dei lavori in corso – ha esordito Paola De Micheli - Questo credo sia molto positivo, ma è anche segno di amarezza. E' bene che i cittadini sappiano che ci sono già importanti lavori in corso non solo per puntellare, ma anche per altri interventi importanti. Non ci sono più le macerie e credo che questo sia un altro tema importante. Abbiamo visto quelli che sono gli immobili pubblici che potrebbero avere percorsi e processi legislativi di ordinanze un po' diverse da quelle già emanate. Abbiamo chiaro il monitoraggio e nella cabina di regia mi hanno parlato proprio della situazione di Camerino. Quindi le istituzioni ci sono, sono consapevoli. Sono contenta che ci sia la massima disponibilità da parte del sindaco ad aiutarci e ad essere aiutato e nei prossimi cinque mesi ce la metteremo tutta". Ha mantenuto la promessa di essere nelle Marche ogni venerdì il Commissario, che scherza sulla questione."Forse ne salterò uno perchè ci sono anche gli altri, ma qui ci voglio stare perchè questo è il cuore della ricostruzione. Via la campagna elettorare da un dramma di queste dimensioni, ma non la politica perchè essa sostiene le istituzioni".

La visita della De Micheli, la sua grande umanità e le sue sollecitazioni, hanno avuto riscontro positivo nelle parole dell'Arcivescovo. "Quello che è importante è che il Commissario ha promesso la velocizzazione di alcune norme. Passerà di qua quanto più possibile, ci invita con coraggio ad aprire i cantieri e ad andare avanti è quello che permette ad un certo punto di riprendersi perchè adesso l'impianto normativo sarà alleggerito e permetterà una ripresa più serena e tempestiva di tutte le nostre attività. Ripartirà anche la ricostruzione delle chiese".

Un lungo colloquio quello avuto tra il sindaco Pasqui e l'onorevole De Micheli. "Il commissario mi è sembrato assolutamente concreto – le parole del primo cittadino - Abbiamo parlato di come risolvere le ultime situazioni fondamentali prima della ricostruzione reale. Mi riferisco alla ricostruzione della caserma dei Carabinieri e del carcere. Si è messa a disposizione non del sindaco, ma di tutto il territorio ed io mi sono messo a disposizione dell'istituzione commissariale per il bene di questa terra. Ho anche apprezzato molto la sottolineatura della non utilizzazione di questo dramma per fini elettorali. Tutti dobbiamo lavorare per un unico obiettivo che è il benessere della nostra gente, di questa terra, dei nostri figli, ma anche per il rispetto dei nostri padri e dei nostri nonni che ci hanno dato questa bellezza che noi oggi vediamo lesionata. Continuo, quindi, ad essere fiducioso ed ottimista pur nella grande difficoltà. Il sistema dell'Italia non lo cambio nè io, nè l'attuale commissario e probabilmente ci vorranno governi per modificare quello che oggi ancora non funziona, ma noi dobbiamo lavorare con quello che c'è per ottenere risultati e, sinceramente, ci stiamo anche riuscendo".

L'ultimo saluto a Barbara Baroni: "Siate leader"

05 Ott 2017
19358 volte

Una chiesa, quella di San Francesco, e una piazza, quella di Serrapetrona, troppo piccole per contenere le migliaia di persone che hanno voluto dare l'ultimo saluto a Barbara Baroni, la giovane imprenditrice di Caccamo scomparsa nella mattinata di martedì 3 a causa di un male incurabile contro cui lottava da tempo. Sindaci, amministratori, persone che l'hanno conosciuta nella sua attività imprenditoriale e amministrativa, era infatti stata vice sindaco del comune di Serrapetrona per due mandati, amici, compaesani e abitanti dei territori limitrofi si sono stretti intorno ai familiari, la figlia Francesca, il compagno Corrado, la mamma Luigina, la sorella Cristiana e la nipote Gaia, nel dare a Barbara l'ultimo saluto.

Toccanti le parole del celebrante, mons. Guido Marini, maestro delle cerimonie pontificie, legato a Barbara da profonda amicizia.

"L'aver celebrato i funerali di Barbara è stato per me un atto di fede ma anche di amicizia - così mons. Marini - La nostra vita è sempre una trama, a volte indecifrabile, però sappiamo alla luce della fede che è sempre una trama molto bella nella provvidenza che Dio ci dona.

Pur nel dolore del distacco contempliamo questa trama di amore che il Signore ha intessuto per Barbara. Con consolazione e speranza la pensiamo nel cuore di Dio". 

 

Mons. Marini saluta la mamma di Barbara

 

saluto mamma marini

 

Le tante persone presenti al rito funebre

folla

 

articolo precedente:

La comunità di Serrapetrona piange la prematura scomparsa di Barbara Baroni, già vice sindaco e assessore nell'amministrazione a guida Adriano Marucci. Un male incurabile, un melanoma, con cui combatteva da tempo ha spento la sua giovane vita all'età di 48 anni.

Barbara lascia nel dolore la figlia Francesca, la mamma Luigina, la sorella Cristiana, il compagno Corrado. Ricoverata da qualche giorno all'ospedale di Meldola, ( Forli )  centro specializzato per il trattamento del melanoma, le sue condizioni si sono improvvisamente aggravate e in breve è sopraggiunta la morte.

Persona molto conosciuta anche per il suo lavoro, continuava infatti a gestire la cava di pietra in località Pian delle Barche, ha lottato fino alla fine contro il male che la consumava, vivendo fino in fondo la propria esistenza.

Tante le iniziative da lei organizzate nel suo comune, per alcuni ann ha seguito  anche La Festa dei Fiori per la quale si era prodigata fin dalla prima edizione.

Ha collaborato e seguito molto da vicino i ragazzi dell'Istituto Comprensivo De Magistris contribuendo in molte iniziative.

Tante le testimonianze di affetto e commozione.

 

silvia pinzi piccola  Il sindaco Silvia Pinzi ( ascolta l'audio )

 

 

adriano marucci piccola   L'ex sindaco e amico Adriano Marucci 

 

 

Alcune foto tratte dal suo profilo Facebook

barbara2

 

 

( nella foto sotto con la figlia Francesca )

barbara5

barbara

 

servizio in aggiornamento 

Multe, accanimento terapeutico a Camerino

05 Ott 2017
6324 volte

Oltre al danno la beffa. Sembra questo il senso della lettera scritta dal genitore di uno studente iscritto alla facoltà di Fisica dell'Università di Camerino, di seguito pubblicata, che lamenta il troppo zelo da parte dei locali agenti della polizia municipale. Destinatario della missiva il sindaco della città ducale Gianluca Pasqui.

Gentilissimo Sindaco,

sono padre di uno studente di Farmacia Unicam, iscritto al secondo anno. Premetto che le scrivo anche a nome di altri genitori che come me hanno i figli che studiano a Camerino. 
Il fatto in questione è l’accanimento dei vigili urbani di Camerino che comminano multe per divieto di sosta agli studenti che vanno a lezione. L’ultima in ordine cronologico risale a ieri mattina davanti agli istituti di chimica.
Ora prendiamo in esame l’intera situazione: a Camerino non ci sono più alloggi e gli studenti sono costretti a fare i pendolari con altri comuni limitrofi. E’ chiaro che per andare a lezione e cercare in qualche modo di tenere viva l’università, sono costretti a spostarsi in macchina con conseguente aggravio si spesa per noi genitori . Pertanto nella zona universitaria vi è una grossa difficoltà a parcheggiare, anche perché l’unico parcheggio vicino agli istituti di chimica risulta essere chiuso.
Allora le faccio una semplice domanda: ha senso fare le multe ai ragazzi che vanno a lezione e che non sanno dove alloggiare a Camerino ? Con tutti i sacrifici che sta facendo l’Unicam per cercare di trattenere gli studenti a Camerino, le sembra questo da il modo di collaborare da parte del Comune ? 
Le faccio sommessamente notare che quest’anno, al secondo anno di farmacia, ci sono a lezione solo 40 studenti rispetto agli oltre cento degli anni passati. E lo sa perché ? Perché sono andati via da Camerino verso altre sedi Universitarie. Ora se volete fare fuggire anche i restanti quaranta, siete sulla buona strada.
Con osservanza.

Gino Paoli e Danilo Rea regalano emozioni a Camerino

05 Ott 2017
592 volte

Si è rinnovato con una intensa giornata il legame di amicizia e affetto di Gino Paoli per Camerino.                                                                                                                               Nel pomeriggio l'artista è intervenuto alla presentazione del libro di Piero Angeli " Stella dispersa" che ha avuto luogo nella sala riunioni del Campus Unicam. All'incontro molto partecipato e coordinato da Maria Sole Cingolani, erano presenti il rettore Corradini e il rettore eletto Pettinari. Dedicata " a tutti noi, stelle disperse in cerca della via nell'infinito del cielo" l''ultima opera di Piero Angeli è corredata da bellissime illustrazioni realizzate da Francesca Ghergo. La lettura delle poesie è stata affidata  a Claudia Trecciola e Saverio Giannella congli intermezzi musicali dei maestri Vincenzo Correnti al Clarinetto e Chiara Ercoli al piano. Amico della città e di Piero Angeli il cantautore genovese aveva prima visitato la "zona rossa"  dicendosi profondamente colpito dalla desolazione e dal silenzio spettrale di una città che, in passato, aveva trovato molto dinamica e vivace.

IMG 20171004 172927

" Quello che mi affascina di più della gente di questi posti- ha detto Gino  Paoli- è  la forte identità territoriale e l'incapacità di staccarsi dalla propria terra. C'è un qualcosa che lega le persone di queste parti che non si può definire che con la parola "amore"verso tutto quello che è il proprio territorio: alberi, montagne, e soprattutto la propria casa. Vedendo il centro di Camerino ho provato la sensazione di abbandono che è tanto più forte quanto più forte è l'attaccamento che il popolo ha con tutto questo. E' amore; amore nei confronti del luogo  dove si è nati,dove sono vissuti i padri, i nonni. E Piero Angeli è proprio la sostanza di questo amore e attaccamento per tutte le cose che lo circondano. E' un amore ingenuo, un amore puro come un'acqua che scorre, come un qualcosa che gli viene da dentro e che, per definire,  non trovo altre parole se non amore, amore verso il suo ambiente. Un ambiente che affascina chiunque abbia un minimo di sensibilità e credo che sia espresso  in maniera molto semplice e sentita da questa raccolta di poesie  che è in grado di interpretare il sentimento proprio di ognuno di voi".

IMG 20171004 171154

In serata, organizzato da Università di Camerino, CURC, associazione Musicamdo, Tam, col patrocinio del comune di Camerino, il concerto del duo Paoli-ReA, in un auditorium Benedetto XIII, gremito in ogni ordine di posto. Apertura affidata ai bravissimi  Alberto Napolioni al pianoforte ed Eleonora Bianchini chitarra e voce.che hanno lasciato la scena a Gino Paoli e Danilo Rea. L'artista e il grande pianista jazz hanno regalato un'emozione dopo l'altra spaziando dai successi di Paoli, ai pezzi di indimenticabili  amici cantautori quali Lauzi, De Andrè, Bindi, Tenco per giungere alla canzone napoletana e francese. In ascolto quasi religioso fine alla fine, il pubblico ha tributato calorosi applausi ai due grandi artisti, prestatisi così generosamente nel far sentire la loro vicinanza alla comunità. Superba la performance di Danilo Rea al pianoforte e grande affiatamento in duo, con la voce di un Gino sempre giovane e carismatico. 

A conclusione della serata, anche per sottolineare la ricorrenza dei 30 anni di vita del CURC Marga Maiolatesi , il presidente Piero Angeli ha voluto consegnare in omaggio a Gino Paoli un libro fotografico che ripercorre la storia di un'amicizia di lunga data. Realizzato dal fotografo Roberto Conti, il libro racchiude le immagini dei concerti e di tutte le volte che il grande artista italiano ha fatto visita a Camerino.

IMG 20171004 214907

 IMG 20171004 222423

Muccia-Grave un geometra travolto da pala di escavatore in cantiere Sae. Intervento di eliambulanza

04 Ott 2017
7348 volte

Grave incidente nel cantiere SAE  dell'area Varano di Muccia.Un  tecnico di 40 anni che stava effettuando i controlli di routine nel cantiere, è stato travolto dalla pala di un escavatore in azione nell'area. L'incidente è avvenuto intorno alle 13.00. Sul posto si sono subito recati i soccorsi del 118 da Camerino: I sanitari vista la gravità delle condizioni del geometra, hanno richiesto l'intervento dell'eliambulanza che,giunta sul posto ha provveduto al trasporto del ferito in Ancona. Anche il sindaco di Muccia Mario Baroni è accorso sul luogo dell'incidente:" Sono davvero addolorato e dispiaciuto per questa disgrazia - ha commentato- Le ditte che stanno operando in paese ormai fanno parte della nostra famiglia; sono al lavoro per noi per accelerare i tempi e per far tornare a casa il prima possibile la nostra gente. Sono persone che mettono l'anima in quello che fanno, con un impegno quotidiano di oltre 10 ore e quando succedono queste cose non si può che provare profonda amarezza". 

Incendio a Macerata, salvato un bambino di due anni

04 Ott 2017
104 volte

Scoppia un incendio in un appartamento a Macerata, bambino salvato dai vigili del fuoco. Il rogo, che avrebbe potuto tramutarsi in tragedia, è avvenuto in un appartamento al secondo piano interrato di uno stabile in via Severini. All'interno dell'abitazione, in una stanza da letto, è rimasto intrappolato un bambino di appena due anni. L'immediato intervento dei pompieri ha consentito di salvare dalle fiamme e dal fumo il bambino che è poi stato affidato alle cure del personale del 118.

 

incendio1

“Unicum” Unicam. A Camerino una Festa della Laurea carica di sentimenti

02 Ott 2017
4141 volte

 Cuore, passione, impegno e gratitudine.Tanti sentimenti si sono mescolati insieme nel pomeriggio di festa per la cerimonia di consegna delle pergamene di laurea ai laureati dell’anno accademico 2015-2016. Un’edizione intensa per la Festa della Laurea di Unicam, la prima dopo il terremoto, che, nello spazio Agorà del Campus, ha riunito 414 laureate e laureati delle cinque Scuole d’Ateneo, accompagnati da familiari ed amici, arrivati da tutto il mondo. Un’edizione che resterà nella memoria e nel cuore di tutti, per i valori e per gli insegnamenti che sono stati trasmessi. Coraggio e forza, impegno e capacità di reazione rilevatisi decisivi per il raggiungimento di grandi risultati. Lo sa bene il rettore Flavio Corradini, il cui ultimo anno di guida dell’ateneo è stata forse la prova più dura, affrontata con coinvolgente passione e il piglio di un esemplare condottiero. Gli applausi scroscianti di oltre 2000 persone, hanno salutato la tappa d’arrivo del percorso universitario degli oltre 400 laureati delle Scuole di Architettura e Design, Giurisprudenza, Bioscienze e Medicina veterinaria, Scienze e Tecnologie, Scienze del farmaco e dei prodotti della salute.. Lacrime e commozione per la sorpresa voluta dai figli del Rettore Corradini, unitisi alla grande famiglia, per ricordare i sei anni del percorso professionale del loro papà, colto di sorpresa dal caloroso omaggio, confezionato in video per l’occasione.

IMG 20170930 WA0021

A quell’uomo, tutti i presenti hanno idealmente restituito un abbraccio, per l’amore e la dedizione del suo operato, insieme all’affetto che ha saputo trasmettere ai suoi studenti e all’intera comunità camerte.

“Per noi è un vero onore abbracciare le vostre vite, vedervi occupati anche in posizioni anche molto prestigiose- ha detto Corradini rivolgendosi alla comunità studentesca- Sarà bello ascoltare che avete costruito una famiglia, che state viaggiando che avete dei figli; sono sicuro, che lo stesso sarà per voi. Questi anni così intensi e ricchi di esperienze, resteranno per sempre nel vostro cuore. Lo vedrete nel tempo e negli anni. Quando ripenserete alla vita universitaria, a Camerino, al professore buono e a quello cattivo, vedrete che il vostro cuore inizierà a battere, E sarà un’emozione molto positiva; in questo senso continueremo sempre a stare insieme perché, tutti noi qui riuniti, siamo esattamente la stessa cosa”. Emozioni anche dal congedo solenne e ringraziamento istituzionale ai docenti, tecnici amministrativi e dipendenti che hanno lasciato il servizio nel corso dell’ultimo anno. Bellissime le parole del passaggio di testimone al nuovo rettore Claudio Pettinari che, avendo condiviso da pro rettore i sei anni trascorsi, si è brillantemente prestato a introdurre le sorprese della serata.“ Sono consapevole di lasciare l’università di Camerino nelle mani di un grande scienziato. - ha sottolineato Corradini-  E’ professore di Chimica ad Unicam ed io,mi sono subito innamorato di lui per la sua bontà, attaccamento al territorio, conoscenza della nostra università e dello slancio da dare. Sono certo che farà un grandissimo ed eccellente lavoro. L’università di Camerino ha bisogno di un uomo come il prof. Pettinari, per essere conosciuta in tutto il mondo”.

IMG 20171001 172901 1

A precedere la consegna dei diplomi di laurea sono state le toccanti parole di due studentesse di Unicam, una delle quali ha reso testimonianza di quei drammatici momenti del 26 ottobre, quando incrociò per strada il rettore. Ammirazione e profonda gratitudine nel conferimento del diploma di Laurea speciale al loro “Magnifico”. Riassumono e spiegano efficacemente tutto il cuore e il colore della grande festa, le parole commosse ed emozionate di Corradini:“ Non dimenticherò mai questi istanti;-me li porterò appresso per tutta la mia vita. E sappiate che ci sarò sempre”.  “Unicum” Unicam: un'altra bella pagina per un piccolo ateneo dal grande cuore.

Carla Campetella.

Belforte, inaugurato il nuovo polivalente "Gianluca Sbardellati"

30 Set 2017
993 volte
Oggi alle Fornaci di Belforte del Chienti è stato inaugurato il campo sportivo rinnovato dedicandolo alla memoria di Gianluca Sbardellati.
Erano presenti il sindaco Sandro Paoloni, Fabio Sturani, la dirigente scolastica Fabiola Scagnetti con gli alunni e docenti, il maresciallo dei carabinieri e il vigile urbano. 
Sbardellati era un giovane operaio dell'Enel di Belforte morto in un incidente stradale 9 anni fa. Erano presenti con visibile commozione la mamma Maria, la sorella Luigina e familiari. 
Negli interventi sono stati evidenziati i valori di un campo sportivo per i ragazzi e per gli adulti come aggregazione, attenzione al creato, rispetto delle regole, valori educativi, amicizia, aula a cielo aperto, riconoscenza per l'impegno delle istituzioni e per le risorse impiegate. 
A nome del parroco impossibilitato ad essere presente ha impartito la benedizione d. Vincenzo Finocchio di Caldarola. Dopo il rituale taglio del nastro sono subito scese in campo due squadre di scolari per una partita di calcetto.
 
inaugurazione belforte
 
 
La sorella di Gianlcua Luigina con la mamma Maria
 
mamma e sorella luigi
 

Il Commissario De Micheli alla consegna del secondo blocco di SAE a Pieve Torina

29 Set 2017
875 volte

Consegnato a Pieve Torina il secondo blocco delle SAE dell'area del capoluogo, Le Piane,  alla presenza del Commissario alla Ricostruzione Paola De Micheli e del governatore Luca Ceriscioli. 18 le nuove casette di varia metratura che consentiranno il rientro di altrettanti nuclei familiari, dopo le 22 già consegnate il mese scorso. Un altro passo in avanti per far ritovare socialità e speranza  alla comunità di un paese profondamente colpito dal sisma..Taglio del nastro e consegna delle chiavi salutato con grande gioia dal sindaco Gentilucci, presenti l'assessore regionale Angelo Sciapichetti e il pro-rettore Spaterna in rappresentanza dell'Università di Camerino. E' stata la stessa Commissario De Micheli a chiamare ad una ad una le famiglie, alle quali il presidente Ceriscioli e l'assessore Sciapichetti hanno consegnato le chiavi. Cordiale e molto amichevole l'incontro del nuovo Commissario con la popolazione in festa per questo nuovo traguardo. La De Micheli e gli altri sono stati anche calorosamente accolti all'interno di una delle SAE, dove la padrona di casa Giuseppina, rinomata sarta del paese, insieme al suo compagno si sono prodigati per offrire un caffè. 

IMG 20170929 151548829

" Stiamo proseguendo con ostinanzione e perseveranza nell'impegno di riportare la gente nel territorio- ha commentato il sindaco Gentilucci- La volontà e il desiderio forte è quello di far rinascere questi posti. Tutti i giorni si viene nei cantieri e vedere oggi il sorriso di questa gente, orgogliosa di poter rientrare in una casa- ha aggiunto. ci riempie di orgoglio e ripaga di tutti gli sforzi che quotidianamente facciamo. C'è grande gioia per questa nuova inaugurazione,condivisa con ill nuovo Commissario De Micheli  e col presidente Ceriscioli, tentando di dare una ripsosta con  la vicinanza e la presenza delle istituzioni. Credo che solo facendo squadrafra tutti, riusciremo a far ripartire il territorio. Non servono le polemiche ma quello che serve è la volontà di andare avanti insieme. Solo così riusciamo a non essere strumentalizzati, a dare servizi e l'importanza che merita alla nostra gente".

IMG 20170929 150816312

 " E' una grande soddisfazione perchè si legge nello sguardo delle persone tutto il desiderio che c'era di poter tornare. - ha dichiarato il Governatore Ceriscioli- Le case sono molto apprezzate perchè in effetti è difficile chiamarle casette, avendo tutti i parametri di una normale abitazione, e, secondo me, anche questo rafforza l' idea che le cose ripartono. E' un altro passo e qui ce ne saranno altri perchè ci sono tante case da restitutire. Un lavoro davvero impressionante però, almeno ogni tanto, tutta la fatica viene ad essere ripagata dallo sguardo felice di un cittadino che fa ritorno nella sua comunità". 

IMG 20170929 WA0015

 

IMG 20170929 WA0014

 

Confartigianato e Ancos vicini alla comunità di Camerino. Inaugurato centro di aggregazione sociale a Vallicelle

28 Set 2017
808 volte

Inaugurato a Camerino  presso l’Area di Accoglienza “Vallicelle B il ”Centro di Aggregazione Sociale Il locale adibito a centro di aggregazione e finanziato con il contributo del 5x1000 nell’ambito del progetto “Tutti in Centro! Ricostruire l’aggregazione a Camerino”, vorrà essere un punto di riferimento e un luogo di svago e ritrovo per gli anziani e i cittadini di Camerino colpiti dal sisma.

Erano presenti Fabio Menicacci Segretario Nazionale ANCOS,  il Presidente Provinciale di  Confartigianato Imprese Macerata Renzo Leonori  e il Vice Segretario Giorgio Menichelli , Gianluca Pasqui Sindaco di Camerino, Guido Celaschi presidente Ancos provincia di Macerata. Al taglio del nastro dei locali, benedetti da Mons. Mariano Blanchi,  hanno presenziato anche l’assessore ai servizi sociali Antonella Nalli  e la responsabile della sede di Camerino di Confartigianato Sandra Gentili e Paola Cagnini la responsabile comunale dell'Area Accoglienza Vallicelle B. A benedire i nuovi locali della socialità è stato Mons. Mariano Blanchi 

"Un grazie all’Ancos e al segretario nazionale Mencacci dal presidente di Confartigianato Leonori per aver messo a disposizione della comunità di Camerino il 5 x1000 che ha portato alla donazione di arredi e suppellettili per un centro di aggregazione sociale che diventa punto di riferimento soprattutto  per anziani e sfollati della città.  “ io che vivo a San Severino Marche capisco le problematiche e le grandi difficoltà- ha detto- purtroppo il governo centrale non ci ha abbandonati ma di certo non ci aiuta nel velocizzare; viviamo come associazione anche il problema delle imprese che sono state danneggiate e qualcuna purtroppo non ce la farà a ripartire. Quello di oggi è un piccolo gesto ma penso sia importante per contribuire alla socialità delle persone “.

“ Siamo lieti che questo Centro di Aggregazione sia ospitato all’interno di una struttura molto ben tenuta e funzionale alle esigenze della popolazione- ha affermato Menichelli- Un gesto materiale il nostro che vuol significare aiutare una comunità disorientata e diversa da quella che c’era prima. Il sisma ha messo in discussione tutte le relazioni sociali ma ha creato nuove situazioni di avvicinamento dei cittadini. Noi riteniamo fondamentale che Camerino si consolidi come polo di erogazione di servizi essenziali; lo abbiamo sempre detto perché è una grande città con un alto livello della qualità dei servizi. La nostra attenzione è in particolare rivolta alle persone over 65 che rappresentano all’interno del cratere il 25.5 per cento della popolazione e secondo la stima, tra dieci anni gli over 65 nelle stesse zone incideranno per il 37 per cento. Ma oggi e dieci anni prima, l’andamento demografico ci invita a rafforzare i servizi assistenziali, domiciliari, ecc. ed è questo il settore su cui dobbiamo investire. Quella di oggi è una dimostrazione simbolica, una testimonianza della vicinanza e della prossimità al territorio”.  

“Grazie perché con questa donazione, oltre a trasmetterci tanto amore, avete centrato appieno quello di cui abbiamo bisogno: un punto di aggregazione di cui abbiamo bisogno per ritrovarci- ha detto il sindaco Pasqui -  Veniamo da più di un anno di difficoltà e fatiche e, non possiamo che inchinarci di fronte a queste testimonianze d' affetto che ci danno la forza di andare avanti- ha aggiunto- . Questa è la parte dell’Italia che ci piace, quella che dimostra la sua volontà di essere vicina ad un popolo che soffre. La nostra nazione va purtroppo su due binari : l’Italia bella del grande cuore veloce da un lato e, dall’altro, il Paese del sistema che non funziona. Qui non c’è nessuna gara a chi fa prima o a chi sta peggio, ma l’obbligo di far rialzare una popolazione della quale facciamo parte.perché  ognuno, chiunque sia o qualsiasi idea abbia,  è figlio di questa terra. Confartigianato è una categoria tutti i giorni vicina alla gente, al lavoro e ai problemi della gente.a coloro che sono artefici delle ripartenze. Come sindaco io porto la voce di questa terra completamente distrutta. La situazione è drammatica e l’esigenza è quella di intervenire con forza sulle leggi dell' emergenza. Le istituzioni tutte ha sottolineato - debbono essere in grado di portare avanti le istanze per modificare questo Paese per garantire che la nazione abbia la forza di venir fuori dalle situazioni anche catastrofiche, perché ogni volta non può essere gestire la prima volta. Grazie alla vosta solidarietà e alla mia amministrazione che ogni giorno è con me in questo percorso “.

Parole di gratitudine anche da Paola Cagnini dipendente comunale responsabile del Centro di Accoglienza di Vallicelle” Un piccolo aiuto- ha detto- vale molto di più di quello che dal di fuori può apparire- Vi ringrazio per aver interrotto la monotonia delle giornate della mia gente che vive qui. Con molti di loro ho fatto un percorso che è iniziato in maniera drammatica quella notte del 26 ottobre, difficile anche da raccontare. Al di là di tutto la compagnia  è quello che più ci serve”.  “ Mi auguro che sia davvero l’inizio dell’interruzione di una monotonia dei giorni – ha dichiarato l’assessore Nalli- Anche io ricordo giorni tristi e duri ma, il grande cuore delle associazioni e del volontariato, riesce a farci vedere la luce in fondo al tunnel” 

Commosso l’intervento di Sandra Gentili, che ha ripercorso le problematiche e , pur non paragonabili,alle attuali, le difficoltà incontrate  dopo il sisma del 1997 e dall’amministrazione comunale della quale allora faceva parte. “ Ritrovarsi da capo con tanti problemi non è facile”. E ha lanciato la proposta, subito accolta,  per un impegno i ad animare il centro di Aggregazione con l’organizzazione di piccoli eventi di festa

Sottolineando l’importanza del volontariato, il segretario nazionale di Ancos Mencacci ha spiegato che l'associazione ha voluto portare un piccolo aiuto ad una città ricca di storia, arte e cultura, quale Camerino.” Abbiamo scelto di destinare il 5 x mille per un centro di aggregazione sociale, un luogo che aiuterà le persone a stare insieme e ad uscire dalla psicosi del sisma”. Mencacci che è anche sindaco di un comune di 9000 abitanti,ha chiuso il suo intervento invitando gli ospiti del Centro di Accoglienza ad una piccola gita nel suo paese..

Una diocesi in festa per i 100 anni di Anna Brugnaro

28 Set 2017
892 volte

Spegne cento candeline, questo giovedì 28 settembre, la signora Anna Brugnaro, mamma del nostro arcivescovo Francesco Giovanni. Auguri dalla redazione di Radio C1...inblu e de L'Appennino Camerte per la felice ricorrenza del secolo di vita. "Un bel traguardo che mamma vive serenamente circondata dall'affetto di mia sorella, mio, di mio cognato, di mio nipote e soprattutto di tante persone che le vogliono tanto bene – confida il figlio Francesco Giovanni – E' ancora molto presente, la sua memoria, pur con qualche buco riguardo al presente, è ancora fervida nel ricordare i fatti passati. Attraverso il suo sguardo profondo suscita sempre una grande pensosità e di fronte a lei spesso mi commuovo pensando al mistero profondo della vita che lei ci ha dato e a cui ci ha insegnato ad attaccarci. Anzitutto ha speso la sua vita per noi dopo la morte di papà per permetterci di condurre un'esistenza serena, aprendoci gli occhi per prepararci al mondo con lo studio, la professionalità e ciò ha consentito a mia sorella e a me di assumere impegni importanti nella vita. Pur provenendo da famiglie la cui pratica non era così assidua - continua il nostro arcivescovo- la mamma ci ha insegnato l'esperienza della fede aiutandoci a fare in modo che l'esperienza cristiana fosse autentica e, in questo senso, ci ha sostenuti anche nel frequentare le varie associazioni giovanili e studentesche, sia nel paese d'origine di San Giorgio in Bosco, sia nella città di Padova dove abitavamo. Mia madre in seguito mi è sempre stata accanto, nutrendo sentimenti di gioia per la mia scelta definitiva del sacerdozio e poi nel momento della mia ordinazione episcopale. Di quel giorno ricordo con affetto il suo bel colloquio con Papa Benedetto XVI e lo scambio reciproco di pareri. Mamma Anna mi assiste sempre con la sua preghiera; ci sentiamo e possiamo vederci pressochè ogni giorno grazie al telefonino".

 

mamma vescovo

Camerino. Entro ottobre undici attività commerciali ripartiranno da Vallicelle.

27 Set 2017
5297 volte

Sono già stati installati a Camerino, nell’area di Protezione civile di Vallicelle  i moduli commerciali provvisori dove troveranno sistemazione undici attività commerciali. Da sempre carente in fatto di negozi, punti di ritrovo o utili servizi, entro il mese di ottobre, la zona di Vallicelle potrà finalmente contare sulla presenza di un ristorante, due studi professionali (geometri- ingegneri),una parucchieria, una palestra, un’estetista, una merceria-sartoria e una ditta di pulizie. Nella stessa area troveranno allocazione anche un’attività di Pasta Fresca, e le sedi di un’assicurazione e di uno studio di consulenza. Poco lontano, in località Rio, aprirà la bottega artigiana di un falegname-restauratore.

“ Quello di Vallicelle- dice il sindaco Pasqui- è sicuramente un quartiere che stiamo cercando di rivitalizzare. Anche in passato in zona si contava una sola attività ma siamo lieti di annunciare che, a breve, proprio da quella parte della città tra le più colpite dal sisma, potranno ripartire otto commercianti e, riguardo all’ordinanza n. 9, altre tre attività. In riferimento all’ordinanza 408, un artigiano potrà poi riprendere il suo lavoro da Località Rio.

In definitiva- prosegue il sindaco-  saranno undici le attività la cui ripartenza è da interpretarsi come un segnale positivo per gli stessi commercianti e come contributo alla vita di un quartiere che il sisma ha profondamente ferito. Mi sento di ringraziare in maniera sentita i commercianti perché, dare nuova energia e dinamismo all’area di Vallicelle, è una delle priorità della mia amministrazione post-sisma. Poter contare su un discreto numero di esercizi commerciali all’interno del popoloso quartiere- sottolinea Pasqui- credo che possa rendere la vita più semplice a chi vi abita. I moduli con copertura in legno sono già stati installati  e , alcuni lavori sono già stati eseguiti; mancano ormai soltanto gli allacci e il tempo utile agli stessi commercianti per sistemare le proprie cose, per cui entro il mese di ottobre, ci auguriamo di poter inaugurare il piccolo centro commerciale di Vallicelle. Un ulteriore passo in avanti, figlio dell’attenzione dell’amministrazione comunale sempre supportata dalla Regione Marche. A carico dell’amministrazione e della macchina comunale infatti sono stati tutti i lavori, dalla gara che ha portato all’ordine di acquisto dei moduli commerciali, alle procedure per l’installazione, tuttavia, la Regione ci è stata sempre vicina e in maniera operativa con l’Ufficio Attività Produttive (del quale ringrazio per la disponibilità il dott. Talarico)  predisponendo il capitolato e il modulo d’ordine, senza i quali non avremmo potuto procedere all’acquisto delle strutture.  Ritengo- conclude il primo cittadino- che non si possa procedere in maniera separata e che le istituzioni debbano contribuire insieme nel percorso presente e futuro del nostro territorio. Cosa che stiamo facendo in maniera soddisfacente con il fondamentale supporto della Regione Marche”. 

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo