A Camerino il governatore Ceriscioli tra promesse mantenute e rinnovate

15 Gen 2016
1405 volte

Una promessa mantenuta e un’altra rinnovata. Si potrebbe riassumere così la mattinata trascorsa a Camerino dal presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli. La promessa mantenuta è quella di una visita per approfondire il confronto con la città e l’amministrazione comunale e, soprattutto, per effettuare un sopralluogo nel cantiere dell’ex ospedale. Quella rinnovata, invece, riguarda l’impegno da parte della Regione Marche per l’individuazione di un finanziamento per la realizzazione di un parcheggio proprio al di sotto della struttura che ospiterà la Casa di Riposo e di un impianto di risalita meccanizzata.

Il presidente è arrivato a Palazzo Bongiovanni intorno alle nove e trenta. Ad attenderlo, oltre al sindaco Gianluca Pasqui, anche il vicesindaco Roberto Lucarelli e l’assessore Antonella Nalli, insieme al segretario generale, Montaruli, e il responsabile dell’ufficio tecnico comunale, Mauro Ferranti. Con loro anche la dottoressa Roberta Ferranti, responsabile delle strutture di Camerino e Matelica dell’Istituto Santo Stefano. “Grazie per la promessa mantenuta presidente – ha detto il sindaco Pasqui – Sappiamo quanti e quali impegni affollano la sua agenda e già il fatto che oggi sia venuto a farci visita è segno di una vicinanza con questa nostra città ed il nostro territorio”.

incontro2

Dopo un breve colloquio nelle stanze comunali, con il presidente che è rimasto particolarmente colpito dalla Sala del Consiglio, Ceriscioli ha voluto raggiungere a piedi il cantiere dell’ex ospedale per “respirare un po’ d’aria camerte – ha affermato – Ormai sono parecchie le occasioni in cui ho fatto visita a Camerino. Oggi sono presidente della Regione Marche, ma non mi stancherò mai di definirmi un sindaco, e quindi so che solo un sindaco conosce a fondo la sua città. E’ per questo che ho voluto essere qui oggi, per un confronto con Gianluca e per toccare con mano il compimento di un grande progetto nato proprio dalla collaborazione e dalla sinergia tra il comune e la Regione”. Il riferimento è, appunto, alla ristrutturazione dell’enorme edificio che ospitava l’ospedale e che oggi sarà occupato da una moderna Casa di Riposo dotata di ogni confort (piscina per la riabilitazione compresa), da uffici dell’Asur e da una sede dell’Istituto Santo Stefano.

“E’ stato un lavoro enorme, che ha richiesto un investimento di diversi milioni di Euro, con un progetto avviato a suo tempo dall’amministrazione Fanelli e sbloccato da quella del sindaco Conti – ha affermato Pasqui. Ad accogliere il presidente Ceriscioli nella struttura c’erano, oltre ai tecnici che si stanno occupando dei lavori, anche il presidente della Fondazione Casa Amica, Luigi Vannucci, con alcuni dei consiglieri. Ceriscioli si è complimentato per il recupero di un edificio che insiste all’interno del centro storico ed anche per le destinazioni individuate, garantendo un fondo da destinare a Camerino per la realizzazione del parcheggio e della risalita meccanizzata a servizio della struttura e della città.

VistaParcheggio

La regione finanzia l'ascensore per il Santo Stefano

15 Gen 2016
1017 volte

Importante notizia per l'istituto di riabilitazione Santo Stefano di Camerino, un'istituzione importantissima, soprattutto per un territorio come il nostro dove abbiamo anche un reparto di ortopedia eccellente presso l'ospedale cittadino” – secondo quanto dichiarato dal sindaco Gianluca Pasqui – che troverà spazio nei locali dell'ex ospedale destinati a divenire sede della nuova casa di riposo. “Ho rassicurato anche il dottor Bortone, responsabile dei centri ambulatoriali del Santo Stefano, del forte interessamento dell'amministrazione comunale presso la regione per far finanziare la costruzione, all'interno della nuova struttura, di un ascensore, che diventa linfa vitale perchè il Santo Stefano possa esservi ospitato nelle migliori condizioni possibili – continua il primo cittadino - La richiesta è stata presa in considerazione dal presidente Ceriscioli, che nel corso della sua visita alla nostra città si è formalmente impegnato assicurandoci tale finanziamento. A questo punto – conclude Pasqui – ci sono tutte le condizioni per definire l'accordo per l'ubicazione dell'istituzione all'interno di questo splendido edificio”.

Nella foto il sindaco Pasqui e la dirigente di area riabilitativa Roberta Ferranti

Si ribalta con il furgone e vola dal finestrino. Terribile incidente in autostrada

15 Gen 2016
691 volte

Gravissimo incidente stradale lungo l'aurostrada Adriatica A 14 tra le uscite di Recanati e Civitanova Marche. Per cause in corso di accertamento un furgone, che viaggiava lungo la corsia sud, si è ribaltato e il conducente è stato letteralmente sbalzato fuori dal finestrino. Sul posto immediati i soccorsi con l'uomo che è stato trasportato in eliambulanza all'ospedale regionale di Torrette dove è ricoverato in gravissime condizioni.

Camerino, una via per Clemente X

15 Gen 2016
807 volte

Intitolare una via di Camerino a Papa Clemente X.

È la proposta suggerita da tempo alla Commissione per la Toponomastica e all’Amministrazione Comunale dall’arcidiocesi di Camerino San Severino Marche. È viva volontà dell’arcivescovo Brugnaro che la richiesta trovi al più presto approvazione considerato che il Giubileo indetto da Papa Francesco è celebrato anche localmente. Pare occasione felice, pertanto, valorizzare, culturalmente e storicamente, la figura di papa Clemente X.

A far propendere per la bontà della proposta, non solo la figura e l’operato di Clemente X (al quale si deve l’indizione di tre Giubilei, di cui due straordinari), ma più di una motivazione strettamente legata alla città dei Varano.

Di antica e nobile famiglia romana infatti, solo fino a pochi anni prima dell’elezione al soglio pontificio col nome di Papa Clemente X, avvenuta nel 1670, Emilio Bonaventura Altieri aveva retto per 40 anni l’incarico di vescovo di Camerino (dal 1626 al 1666).

La città dovrebbe dunque sentirsi onorata nel ricordare il suo nome, presente peraltro nella toponomastica fino a circa duecento anni addietro e, in seguito, cancellato. La strada individuata sarebbe l’attuale via Roma.

L’intitolazione della via potrà tuttavia rappresentare anche un indiretto omaggio al patrono della città; il primo atto di Papa Clemente X fu infatti quello di iscrivere san Venanzio nel Martirologio, elenco dei santi obbligatori riconosciuti dall’autorità della Chiesa cattolica. Altro segno del particolare legame, la prima moneta da pontefice di Emilio Altieri il cui conio, recante in un verso la sua immagine, presenta nell’altro l’effigie di san Venanzio martire che tiene in mano Camerino e lo stendardo della città ducale.

Riassetto della sanità, la protesta si allarga a macchia d'olio

15 Gen 2016
657 volte

Una grande manifestazione in Ancona insieme agli altri comuni marchigiani e la raccolta firme per indire un referendum: sono questi i prossimi step del Coordinamento cittadino per il punto nascita di Fabriano che ha tenuto un incontro aperto al pubblico presso la Sala Avis.

Un centinaio di persone hanno partecipato all’assemblea, durante la quale i membri del coordinamento hanno ricordato il percorso fatto finora con le manifestazioni a Fabriano e in Ancona, azioni che hanno attirato l’attenzione della cittadinanza ma che hanno ottenuto come risposta una totale indifferenza da parte del presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli.

Durante l’incontro sono intervenuti il dottor Vinicio Arteconi, che ha riportato l’indignazione del personale medico ospedaliero coinvolto nella chiusura del reparto che, attualmente, ancora non ha ricevuto disposizioni chiare circa ciò che avverrà dopo la fine del mese, quando il reparto dovrebbe smettere di operare. Arteconi ha inoltre espresso perplessità sulla capacità dell’ospedale di affrontare le emergenze attraverso personale reperibile e non presente h24, come lo è attualmente.

L’assessore Barbara Pallucca ha poi annunciato che si sta andando avanti sulla strada del ricordo al TAR: la giunta comunale ha affidato l’incarico ad un avvocato specializzato in diritto amministrativo e il ricorso sarà pronto per i primi giorni della prossima settimana.

Presenti alcuni esponenti politici d’opposizione, che hanno dato il loro appoggio alle azioni del coordinamento e i rappresentanti sindacali, oltre che ad altri esponenti di movimenti locali.

E’ intervenuta la deputata del Movimento 5 Stelle Patrizia Terzoni, suggerendo anche per Fabriano la possibilità di un’ AFOI (Area Funzionale Omogenea Integrata) tra i presidi marchigiani come è avvenuto in Umbria e parlando della fattibilità di un referendum.

Prosegue dunque la battaglia per salvaguardare il punto nascita.

Anas porterà a termine le attività della Quadrilatero

14 Gen 2016
1238 volte

Saranno portate a termine dall’Anas tutte le attività precedentemente perviste a carico di Quadrilatero che prevedono il completamento delle due arterie principali, Foligno - Civitanova Marche (SS77) e Perugia - Ancona (SS76 e SS318),

oltre alla Pedemontana delle Marche tratto Fabriano-Muccia/Sfercia e gli altri allacci e intervallive (innesto della Foligno-Civitanova-SS77 con la Statale 16 e alle intervallive Tolentino-San Severino e Macerata),

tutti interventi idonei ad assicurare il raccordo con i poli industriali esistenti e, più in generale, a migliorare e incrementare l’accessibilità alle aree interne delle regioni interessate.

È questo l’esito di un incontro che si è svolto a Roma tra il presidente della Regione Luca Ceriscioli, il presidente dell’Anas Armani e il presidente della società Quadrilatero Perosino,

per valutare il progetto di fusione per incorporazione di Quadrilatero in Anas.

Il percorso è stato dunque tracciato e a breve sarà firmato un protocollo di intesa per monitorare gli interventi che saranno proseguiti da Anas,

al fine di consentire che tutte le attività siano definitivamente concluse.

 

 superstrada

 

articolo precedente 

Un territorio che non interessa a nessuno

"Mentre a Roma (ed anche ad Ancona) si dicute, Sagunto viene conquistata". Ancora una volta prendiamo in prestito la massima delle storie di Tito Livio per riflettere su quanto accade nei territori dell'entroterra maceratese. Lo spunto da un fatto di cronaca accaduto a Pieve Torina (ma sarebbe potuto capitare in qualunque altro paese) dove una giovane donna colta da infarto acuto al miocardio non ha trovato posto negli ospedali di Macerata e Ancona, ma neppure in quelli di Ascoli e Pesaro (unici presidi in cui è presente il reparto di emodinamica, necessario per curare la patologia) ed è stata salvata grazie alla disponibilità dell'ospedale di Foligno. Tutto è bene quel che finisce bene si dirà, ma l'episodio impone alcune necessarie considerazioni. Anzitutto la costatazione, ormai arcinota, che i continui tagli alla sanità, in nome di un non sempre correttamente identificato risparmio, causano enormi disagi alla popolazione che vive nelle zone montane fino a mettere seriamente a rischio i beni più preziosi della vita e della salute, diritti tra l'altro costituzionalmente tutelati. In secondo luogo il fatto che ormai da tali zone diventa sempre più semplice usufruire dei servizi e delle strutture presenti nella vicina Umbria, pur continuando a pagare tasse alla regione Marche. Ma qui si apre un altro problema. L'Umbria sarebbe davvero vicina se fossero stati completati i lavori della superstrada 77 Valdichienti, opera che vide la luce circa 35 anni fa e il cui termine viene continuamente rinviato per motivi che risultano ai più sconosciuti. E allora, nella speranza che non abbia mai a "scapparci il morto", non ci resta che tornare alla frase iniziale. Quando termineranno le discussioni e si opererà realmente nell'interesse dei cittadini, anche coloro che vivono in zone apparentemente svantaggiate, povere di voti, ma in realtà ricche di risorse?   

Vandali al Vaccaj, imbrattate le facciate dello storico teatro di Tolentino

14 Gen 2016
702 volte

Nella mattinata di giovedì 14 gennaio, intorno alle ore 7,20, una pattuglia della Polizia locale intenta a dare assistenza al servizio di pulizia delle strade, ha notato una signora che in piazza Nicola Vaccaj, con una bomboletta spray, stava disegnando alcuni punti interrogativi sulla facciata del Teatro. Subito intervenuti gli agenti hanno fermato la signora e l’hanno accompagnata in ufficio per identificarla. La donna è risultata essere residente a Tolentino. E’ stata sequestrata la bomboletta spray e la signora è stata denunciata a piede libero alle autorità competenti per l’atto di vandalismo fatto sulla facciata del Teatro Vaccaj, tra l’altro restaurata proprio recentemente, le ultime operazioni di lavaggio si sono concluse qualche giorno fa.

Esplode Bancomat alle poste di Treia, i banditi fuggono a mani vuote

14 Gen 2016
885 volte

Fanno esplodere il bancomat alle poste di Treia, ma i malviventi restano a bocca asciutta. Un boato alle prime luci dell'alba ha scosso la quiete notturna a Treia, dove ignoti hanno provocato l'esplosione del bancomat dell'ufficio postale, al cui interno si trovavano oltre 50 mila euro. Qualcosa però è andato storto e i ladri sono scappati senza riuscire a trafugare neppure un euro.

Sempre a Treia ignoti malviventi hanno rubato due auto all'interno di un garage di proprietà del titolare di una pizzeria del Borgo, forzando la serranda di ingresso e introducendosi nell'autorimessa.

Su entrambi gli episodi indagano i carabinieri, che stanno cercando anche elementi per verificare eventuali collegamenti fra i due episodi criminosi.

 

Morto nella notte il vigile del fuoco Torregiani

14 Gen 2016
784 volte

Si è spento nella notte, presso l'istituto Santo Stefano di Porto Potenza dove era ricoverato da oltre un anno Roberto Torregiani, uno dei vigili del fuoco che era rimasto ferito, il 18 giugno 2014, nell'incendio verificatosi in un silos della Gfl di Recanati a seguito di un'esplosione. Roberto Torreggiani, 47 anni originario di Montelupone, non si era mai ripreso dall'incidente e negli ultimi tempi le sue condizioni erano peggiorate.

Jesi, negozio rischia di bruciare per un corto circuito

14 Gen 2016
757 volte

Allarme a Jesi, in pieno centro cittadino, per un principio d'incendio. La segnalazione è scattata a causa del fumo che usciva da un negozio. Immediato l'intervento dei vigili del fuoco che hanno evitato che il rogo si propagasse, riportando in breve la situazione alla normalità. Secondo una prima ricostruzione da parte degli stessi pompieri la causa andrebbe ricercata in un corto circuito nel registratore di cassa.

Il vescovo Napolioni riceve la bolla pontificia

13 Gen 2016
1035 volte

Sempre più vicina l’ordinazione episcopale di mons. Antonio Napolioni. Il vescovo di Cremona, accompagnato dall’arcivescovo Brugnaro, è stato ricevuto a Roma dal Nunzio Apostolico in Italia mons. Adriano Bernardini. Un incontro semplice e cordiale, nel corso del quale il Nunzio ha consegnato al neo vescovo di Cremona la Bolla pontificia . “ Ho ricevuto l’atto firmato da Papa Francesco, per mezzo del quale posso presentarmi a Cremona come vescovo - commenta con emozione Napolioni - All’inizio della liturgia di ordinazione infatti - aggiunge – verrà chiesto: “ Avete il mandato del Papa?” e il nuovo vescovo eletto, come avviene da secoli, dovrà presentare la Bolla pontificia. Al di là della formalità – prosegue Napolioni - c’è un fatto sostanziale , riguardante la missione che si riceve dal Papa di essere successori degli apostoli, in comunione con tutti gli altri vescovi. Un incontro che ha rappresentato anche l’opportunità per un ampio scambio di idee su tanti aspetti della vita delle nostre chiese”.

(Nella foto i vescovi Napolioni e Brugnaro all'uscita dalla Nunziatura dopo la consegna della Bolla)

Omicidio Sarchiè, ergastolo per padre e figlio

13 Gen 2016
662 volte

Sono stati condannati all'ergastolo Giuseppe e Salvatore Farina, padre e figlio, accusati dell'omicidio del commerciante di pesce sambenedettese Pietro Sarchiè, il cui corpo senza vita fu rinvenuto nella Valle dei Grilli in territorio di San Severino Marche. Hanno, così, accolto la tesi dell'accusa i giudici del tribunale di Macerata, che hanno condannato i Farina al massimo della pena. Momenti di tensione in mattinata all'arrivo dei due imputati al palazzo di giustizia maceratese, con una manifestazione volta a chiedere giustizia promossa dai familiari di Sarchiè.

Ostetricia, un film già visto

13 Gen 2016
749 volte

"Burattini, servitori dello Stato, vogliamo l'ospedale, siete degli assassini".

Queste le parole che rieccheggiavano di fronte alla commissione sanità durante il sit-in che si è svolto lunedì pomeriggio. Riunione conclusasi con un nulla di fatto: la regione proseguirà con la riforma.

A rappresentare l'entroterra maceratese, insieme ai comitati per la difesa degli ospedali di San Severino e Matelica, il sindaco settempedano Cesare Martini, gli assessori Giampaolo Muzio e Vincenzo Felicioli e l'ex sindaco di Matelica e consigliere Paolo Sparvoli. Tuttavia, nessun rappresentante dell'amministrazione di Matelica.

"Comincia a sgretolarsi qualcosa - ha detto Marco Massei, vice presidente del comitato settempedano - La protesta sembra aver fatto effetto e tutti i sindaci sono contro la giunta regionale, tra cui 55 sindaci della provincia di Pesaro. Tutti sono d'accordo nel sostenere che è una scelleratezza. Addirittura era presente il presidente della provincia di Pesaro e Urbino. Questo per la giunta regionale è gravissimo, è un importante segnale d'allarme. Per i punti nascita - ha concluso - l'unica soluzione è il ricorso al Tar e il referendum abrogativo. L'ostinazione e l'impassibilità con cui prendono questa decisione è disarmante".

Al termine della riunione, l'ex sindaco di Matelica Paolo Sparvoli, unico rappresentante politico per la sua città, si è detto intenzionato a partire con la raccolta firme per il referendum abrogativo.

"Hanno iniziato con le menzogne e hanno finito con le menzogne - ha dichiarato - Quello che è stato fatto oggi è indecente. Il presidente della commissione sanità Volpini è sceso nella stanza in cui eravamo riuniti tutti, sindaci e rappresentanti dei comitati, per dirci che ci avrebbero ascoltato prima della votazione, poi non li abbiamo più sentiti. Nessuno si è degnato di venirci a dare una spiegazione o a sentire la nostra voce. Una cosa del genere, in 34 anni di politica, non l'ho mai vista. Un'arroganza incredibile - ha continuato - persino di fronte a ben 55 sindaci su 59 della provincia di Pesaro e Urbino (compreso il presidente provinciale). Noi del maceratese dovremmo prendere esempio da quel territorio. Uniti e compatti. Noi invece pensiamo ancora di andare avanti individualmente. Non funziona così. Possibile che del nostro territorio fossero presenti solo il sindaco Martini e qualche consigliere?". E come commenta Paolo Sparvoli la totale assenza dell'amministrazione matelicese? "Non commentabile. Bisognerebbe solo stendere un velo pietoso. Sono impresentabili".

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo