Ospedale: il Tar accoglie la richiesta di sospensiva del comune di Tolentino

26 Feb 2016
956 volte

E’ del 26 febbraio l’accoglimento dell’istanza delle misure provvisorie da parte del TAR Marche a cui il Comune di Tolentino ha affidato, attraverso il ricorso curato dall’Avv. Massei, la soluzione delle molteplici ombre sulla normativa regionale sanitaria penalizzante per l'ospedale. “Un ricorso evitato fino in ultimo!” - ha commentato il Sindaco Pezzanesi che dichiara di aver adito le vie legali perché la vicenda merita di essere giudicata, al di là delle chiacchiere, da chi ha gli strumenti giusti per definire con equità la controversia, alla luce della disparità di trattamento riservata a Tolentino. Il ricorso, proposto contro l’ASUR Marche e nei confronti della Regione Marche, verrà discusso in camera di consiglio il 18 marzo, data fissata per la trattazione collegiale dell’istanza.Ricordiamo che il Comune di Tolentino, con il ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale, ha impugnato le Determine del Direttore Generale ASUR Marche n. 914 e 915 del24.12.2015. Mentre con la determina 915 viene soppressa, nell’Ospedale di Tolentino, l’ambulanza infermieristica, con la prima determina in questione sono stati riconvertiti tutti i 50 posti letto,previsti per il nosocomio tolentinate, in soli 50 posti di cure intermedie, facendo scomparire quella differenziazione necessaria a far rimanere la lungo degenza con il medico di notte, delineando il futuro della struttura come niente più di un poliambulatorio. Tanto più grave e penalizzante tale scelta, se si pensi che tra i tredici ospedali di comunità regionali, lo stesso destino di Tolentino è toccato solo ai nosocomi di  Montegiorgio e di Sant’Elpidio a Mare, entrambi con un’Amministrazione comunale diversa dal PD, il primo di centro destra ed il secondo una lista civica sostenuta dalla DC. Non basta, tra i tredici ospedali di comunità previsti dalla riorganizzazione, Tolentino insieme a Recanati rappresenta uno dei due Comuni più popolosi.

“I dati parlano da soli” aggiunge il Sindaco Pezzanesi “ed il danno è stato reiterato dalla Regione Marche che ha emesso, nelle more del giudizio amministrativo, una delibera di giunta (n.139/2016) cercando di sanare  le gravi irregolarità delle suddette determine. Valuteremo l’opportunità d’impugnare anche tale ultimo atto e comunque le nostre ragioni, alla luce della delibera che ha disatteso clamorosamente le indicazioni della IV Commissione permanente regionale sulla sanità, rimangono inalterate.”

Al via il progetto L.U.M.A.C.A. a favore di giovani e territorio

26 Feb 2016
1233 volte

Prende ufficialmente il via il progetto "L.U.M.A.C.A. - Laboratorio Unione Montana dei Monti Azzurri Centri di Aggregazione", presso il Centro di Aggregazione del Comune di Camporotondo di Fiastrone.

Il progetto, della durata di 12 mesi, è cofinanziato dalla Regione Marche e dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, ed è realizzato dall'Unione Montana dei Monti Azzurri in collaborazione con i Comuni di Camporotondo, Loro Piceno, Cessapalombo, Sant'Angelo in Pontano, Colmurano, Società Cooperativa PARS, Associazione Comunità Attiva, Associazione Coroncina. L'iniziativa nasce dalla volontà di mettere a sistema luoghi di aggregazione giovanile, competenze, idee ed iniziative innovative volte congiuntamente alla creazione di ulteriori opportunità per le giovani generazioni e alla valorizzazione del territorio dell'Unione Montana dei Monti Azzurri (beneficiari diretti saranno i giovani da 18 a 35 anni del

territorio).

 

 

 tavolorelatorilumaca

 

 

primastagista

"Fusione dei piccoli comuni, solo una provocazione"

26 Feb 2016
1087 volte

Ha suscitato un autentico vespaio la proposta di legge, di cui è firmatario l'onorevole Emanuele Lodolini, esponente del Partito Democratico, riguardante la fusione obbligatoria dei comuni sotto i 5 mila abitanti. Molte le voci contrarie soprattutto fra gli amministratori dei comuni eventualmente interessati. Così è intervenuto lo stesso Lodolini a spiegare il contenuto e i vantaggi della sua proposta.

Si tratta principalmente di una provocazione – le parole dell'onorevole marchigiano - che vuole essere uno stimolo a ragionare insieme con gli amministratori del territorio, una provocazione al dibattito. La questione è molto semplice. L'obiettivo, una volta entrata in vigore la legge, è quello di dare ai comuni con popolazione inferiore ai 5000 mila abitanti 24 mesi di tempo per prendere in considerazione l'ipotesi di fusione. Altrimenti sarà la regione direttamente a sancire la fusione obbligatoria di quei comuni. Quando, nel prossimo mese di ottobre, saremo chiamati a pronunciarci, come cittadini, sulla riforma costituzionale dovremo anche affrontare il problema di chi si troverà a gestire le materie di competenza delle provincie. Dal mio punto di vista il tema deve essere affrontato rendendo i comuni più forti. Quindi la mia proposta non vuole svilire il campanile, ma rafforzarlo attraverso il trasferimento ai comuni, cui spetta il compito di gestire il territorio, delle suddette competenze. Per far questo servono comuni forti e più uniti tra di loro. Molti amministratori hanno già dato vita a forme associate, le unioni dei comuni, che considero un primo passo verso le fusioni”.

L'intervista completa all'onorevole Lodolini sul numero in edicola del settimanale L'Appennino camerte

Controlli dei carabinieri di Camerino quattro persone denunciate

26 Feb 2016
1860 volte

Controlli sul territorio da parte dei carabinieri della Compagnia di Camerino, coordinati dal Capitano Vincenzo Orlando, nelle zone di Matelica, Castelraimondo ed Esanatoglia che ha visti impegnati circa 20 militari, sia del Nucleo Operativo che delle Stazioni dipendenti dalla Compagnia.
Nel corso dei servizi sono stati controllati parchi ed esercizi pubblici, al fine di individuare soggetti dediti all’uso ed allo spaccio di droga, nonché le maggiori arterie di collegamento per prevenire condotte illecite commesse dagli utenti della strada. Durante i controlli, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile, nella zona della Stazione di Matelica, hanno  “pizzicato” uno studente  17 enne di Fabriano con indosso cinque grammi di marijuana già suddivisi in dosi e nascosti in un pacchetto di sigarette. Il minore, denunciato per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti, è stato poi affidato ai genitori.  Le pattuglie delle Stazioni di Matelica e Castelraimondo, invece, hanno sorpreso tre giovani, di età compresa tra i 20 ed i 30 anni, che guidavano in evidente stato di ebbrezza. Per loro è scattato l’immediato ritiro della patente e la denuncia alla competente Autorità Giudiziaria.  
Nel corso delle operazioni di controllo, altresì,  sono state elevate 10 contravvenzioni per infrazioni al Codice della Strada, identificate circa 80  persone, perquisiti 10 soggetti ed altrettanti veicoli. 

Autovelox e fusioni, bocciate le proposte di Pietro Tapanelli

26 Feb 2016
1242 volte

Clima disteso per il consiglio comunale di Camerino riunitosi nella serata del 25 febbraio. In apertura di seduta il sindaco Gianluca Pasqui ha espresso l’augurio di buon lavoro alle nuove cariche elettive del consiglio dell’Anpi e le congratulazioni personali per i proclamati eletti nel direttivo della Pro-Camerino che ha recentemente riconfermato presidente Renzo Riccioni.

Si è passati poi alla discussione della prima delle mozioni, presentate dal consigliere Pietro Tapanelli, avente ad oggetto il “Controllo dell’uso degli autovelox sulle strade extraurbane principali per evitarne un utilizzo improprio non finalizzato in via principale alla sicurezza stradale”.

Argomentando la sua proposta il consigliere ha chiesto un utilizzo degli autovelox in maniera e più propriamente orientata alla sicurezza del territorio urbano e particolarmente del centro abitato e in alcuni punti critici dove è più necessaria la tutela della sicurezza dei pedoni. La sua richiesta al consiglio, quella di vincolare l’amministrazione comunale a lasciare il controllo in superstrada alle forze di Polizia, concentrando la prevenzione nelle zone abitate di Camerino. La votazione ha visto l’astensione del gruppo di minoranza “ Comunità e territorio” e la contrarietà della maggioranza . Sul punto, sia il capogruppo della minoranza Fabio Troiani che gli interventi del consigliere Pepe e dell’assessore Lucarelli della maggioranza, hanno evidenziato che è un’ordinanza del prefetto che regolamenta il servizio tramite autovelox in superstrada,  demandandone il controllo preferenziale alla polizia stradale e, attraverso una pianificazione degli interventi, anche alla polizia municipale. Quanto all’ambito urbano, fermo restando che in alcune zone della città la situazione è critica e va migliorata, il gruppo di minoranza ha ritenuto che la prevenzione urbana non sia raggiungibile tramite autovelox, semmai sarebbe più opportuno investire i proventi riscossi a seguito di sanzioni contestate agli automobilisti, in dotazioni di sicurezza e prevenzione per le zone critiche, come quelle molto frequentate da studenti universitari( es, rotonda di via d’Accorso). Favorevole dunque la minoranza a rivedere un piano di prevenzione per la sicurezza, finalizzato a promuovere regole e corrette condotte di comportamento sia per pedoni sia per automobilisti.

Pur esprimendosi sul punto con voto contrario la maggioranza ha preso atto dell’importanza della sicurezza stradale urbana,  che vede l’amministrazione attenta  e per la quale negli ultimi anni( ha ricordato Lucarelli) sono stati già messi in campo interventi in più zone della città, con la realizzazione di marciapiedi e l’installazione di dossi artificiali e, da ultimo, con l’ allocazione di telecamere nuove, in fase attuazione nei pressi della rotatoria di via D’Accorso e in località Pozzetto.  Non accogliendo la mozione il primo cittadino ha dichiarato comunque di attivarsi per mettere in piedi un tavolo sulla sicurezza.

Più articolata la discussione in ordine alla seconda mozione presentata da Tapanelli e avente ad oggetto la “ Proposta di avvio del processo di fusione dei comuni di Camerino, Muccia, Serravalle del Chienti e Pieve Torina”. Sollecitando un’attenzione del consiglio sulla necessità di unire le forze e gli enti locali, nell’illustrare la sua proposta il consigliere ha affermato di aver voluto lanciare una provocazione, al fine di poter avviare una discussione che miri alla soglia di 10.000 abitanti per potersi confrontare in maniera più seria con i centri di Castelraimondo, Matelica e San Severino.  La sua proposta dunque, quella della creazione di un comune montano importante, a livello territoriale e numerico, con un maggiore peso politico. Quattro comuni come punto di partenza, con i quali discutere e condividere, in tavoli tecnici specifici, un processo articolato che conduca all’unico comune che significherebbe risparmio e numerosi vantaggi a livello economico.

Negli interventi che si sono succeduti, e che hanno portato al voto favorevole dell’opposizione e contrario della maggioranza, sono emersi diversi punti di vista.

Evidenziando la difficoltà a far funzionare le unioni, relativamente alle fusioni, il capogruppo di minoranza Troiani ha parlato di processo ancora più ambizioso, sottolineando l’opportunità di coinvolgere anche Pievebovigliana, comune con il quale Camerino condivide un confine, un lago artificiale e un progetto di valorizzazione dell’invaso con importanti risvolti turistici futuri. Pieno appoggio per forme di servizio associato ma con la predisposizione di un piano, rilanciando l’azione del punto di forza dell’Unione Montana e di un tavolo del servizio associato.

Dal canto suo l’assessore Lucarelli, concordando sulla necessità di far funzionare l’ente Unione Montana, ha rimarcato che la partenza giusta sarebbe mettere insieme comuni numericamente più significativi quali Castelraimondo, Matelica, San Severino, così da arrivare ad un unico comune di circa 38mila/ 40 mila abitanti, risultato da raggiungere con un piano strategico di intervento, coinvolgendo l’Università di Camerino, i quattro territori, l’Arcidiocesi.

Motivando il non accoglimento della mozione presentata da Tapanelli, il sindaco Pasqui ha voluto sottolineare il valore costruttivo della proposta, ma - ha osservato-:.” parlare di fusione vera oggi è prematuro e personalmente sono più orientato verso un tentativo di unione, impegno che può essere preso da tutti, dialogando con altri territori. Unire Camerino, Castelraimondo,Matelica, San Severino potrebbe portare importanti risultati, ma ho delle perplessità reali sulla fattibilità” .

Banca della Provincia di Macerata, vera realtà del territorio

25 Feb 2016
974 volte

Una banca che funziona, un modello che funziona”. Con queste parole Loris Tartuferi, presidente della Banca della Provincia di Macerata, ha fotografato lo stato dell'istituto nel corso della conferenza stampa di presentazione del bilancio di esercizio 2015. “La scelta di lavorare sul territorio – ha continuato Tartuferi – con persone qualificate e competenti ha permesso alla banca di chiudere in attivo l'esercizio 2015 con un utile netto di 1.107 mila euro, risultato certamente soddisfacente in considerazione delle turbative di mercato che hanno caratterizzato l’intero anno in generale e l’ultimo scorcio in particolare”. A ciò si aggiunge, secondo quanto riferito dal direttore generale Ferdinando Cavallini, la continua espansione del personale, aumentato nell’anno di 6 unità (12% del totale), di cui 4 donne. Dati positivi, dunque, nonostante la crisi della Banca delle Marche abbia impoverito il territorio, provocato la sfiducia dei cittadini negli istituti di credito e costretto anche la Banca della Provincia di Macerata ad erogare un contributo straordinario di 200 mila euro per partecipare al salvataggio Non solo numeri inerenti il passato, ma anche uno sguardo al futuro attraverso la presentazione dei nuovi prodotti finanziari on line, che consentiranno alla Banca della Provincia di Macerata di estendersi anche sull'intero territorio nazionale. Inoltre, in occasione del decimo anno di attività sono previste numerose iniziative, già messe in cantiere grazie anche al supporto di Musicultura e al tentativo di coinvolgere le realtà imprenditoriali del territorio, da cui però sono arrivate risposte inferiori alle attese. Infine, la Banca della Provincia di Macerata continua a sostenere il mondo dello Sport e delle Associazioni Sportive Dilettantistiche erogando, tra l'altro, dei contributi per l’acquisto di un defibrillatore e per la formazione all’uso di tale importantissimo macchinario. Ad usufruire del beneficio la Polisportiva Macerata 90 (basket), Macerata Angels (baseball), Judo Equipe Macerata (judo), HelviaRecina 2000 Villa Potenza (pallavolo), Atletica AMA Civitanova (atletica leggera), Puma Volley Macerata (pallavolo), Anthropos Civitanova (polisportiva per diversamente abili).

bpmc1

San Severino, aperta al traffico la variante del Glorioso

25 Feb 2016
769 volte

Il Presidente Pettinari apre al traffico la variante del Glorioso che sposta più a nord est l'innesto tra la provinciale 502 di Cingoli e la 361 Settempedana. La nuova strada importante perchè crea una zona di rispetto intorno al Santuario del Glorioso e soprattutto perché decongesiona l'attuale incrocio alle porte di S.Severino Marche migliorando anche la viabilità della vallata sdel Potenza soprattutto per chi è diretto verso Macerata.

L'opera, consistita nella realizzazione di una bretella stradale di circa 1,5 Km. e di due rotatorie, rientrava nell’intesa istituzionale di programma Governo-Regione Marche per il post-terremoto.

I lavori, finanziati con i fondi statali della legge sul terremoto non vincolati dunque dal Patto di stabilità sono stati appaltati con un ribasso del 29,59% per l'importocomplessivo € 2.995.450 ,00 alla ditta Assisi Strade e la loro consegna è avvenuta nell'aprile del 2013. La loro realizzazione però non ha avuto un percorso agevole ma, al contrario, assai accidentato, il cantiere ha subito notevoli rallentamenti fino a rimanere totalmente fermi per molti mesi a causa di alcuni ritrovamenti archeologici.

Lo stop, era arrivato del tutto inaspettato dalla stessa Soprintendenza per i Beni archeologici delle Marche che in precedentenza si era espressa favorevolmente per la rimozione di tali resti archeologici.

La Provincia di Macerata nel luglio 2014 decise di presentare ricorso straordinario al Presidente della Repubblica contro il suddetto provvedimento della Direzione regionale che, di fatto, impediva la realizzazione della Variante così come prevista nel progetto.

Non era possibile modificare il progetto come chiedeva la Soprintendenza essendo una soluzione impraticabile sia a livello tecnico che economico. “Nonostante tutte le difficoltà che lasciavano supporre di trovarci di fronte ad un’incompiuta” - ci dice Pettinari – possiamo ora esprimere tutta la nostra soddisfazione. Un altro obiettivo centrato dalla nostra Amministrazione. Dopo il Campus scolastico di Camerino, il ponte di Montecosaro, la variante e ponte di Villa Potenza, il ponte di Colbuccaro, questa è la quinta grande opera pubblica ultimata in questa legislatura..

Prime autovetture

Brugnaro a Sciapichetti e Manzi:" Carcere, apportare migliorìe per detenuti e personale''.

24 Feb 2016
1160 volte

Interessante e proficuo incontro fra l'onorevole Irene Manzi, l’assessore regionale Angelo Sciapichetti e l’Arcivescovo Brugnaro. 

L'invito è stato fortemente voluto  dall'arcivescovo Francesco Giovanni che ha ricevuto al Palazzo arcivescovile i due esponenti politici. Si è trattato di un cordiale incontro durante il quale sono state trattate tematiche inerenti il carcere di Camerino e problematiche riguardanti il territorio in generale.

Le vicissitudini del carcere e delle persone che vi sono detenute, stanno particolarmente a cuore a mons. Brugnaro che della casa circondariale camerte è anche cappellano militare.

Una struttura antica quella della casa di detenzione, ospitata in un ex convento riconvertito negli anni ’40 e per la quale nel corso del colloqui mons. Brugnaro ha evidenziato la possibilità di apportare importanti migliorìe, a favore dei detenuti a lunga o corta detenzione, e utilmente per il personale.

Tra i punti portati all’attenzione degli ospiti anche la difficoltà di accoglienza per soggetti psichicamente difficili e per esigenze sanitarie o cliniche particolari,

come per i casi di grave tossicodipendenza. “Il personale carcerario­ ha sottolineato Brugnaro­ diventa gravemente insufficiente, perché le prestazioni

sanitarie del territorio non sono adeguate per vicinanza o per globale competenza”.

Si è parlato anche della possibilità di creare un’ astenteria ben riparata e opportunamente attrezzata nel portichetto esterno della struttura (pronao

dell'antica chiesa di S. Francesco)cosicchè avvocati e famigliari, in attesa della disponibilità interna del personale, non siano costretti a stare all’aperto.

L’arcivescovo ha poi voluto evidenziare anche l’importanza dell’umanizzazione e il recupero sociale delle persone recluse, insieme all’opportunità di creare per loro

collegamenti rieducativi o di svago psico­fisico, sollecitando la collaborazione della società civile, del territorio tutto, dell'università e delle scuole di ogni ordine

e grado, così come delle arti educative e creative, nonché dello sport. In particolare all’assessore Sciapichetti ha chiesto un attenzione a livello regionale

per la promozione di iniziative di lavoro durante la detenzione, il tempo di vigilanza e post­pena. Si è parlato anche di preparazione e riconoscimento

economico adeguato per il personale del carcere e di prevenzione e sostegno per le famiglie dei detenuti. Dal canto loro sia l’on. Manzi che l’assessore

Sciapichetti, pur evidenziando di aver verificato anche di persona un miglioramento della situazione all’interno del carcere camerte e un’impressione

di grande cura in tanti settori, hanno promesso un’interessamento attento e fattivo. 

Carla Campetella

Scende dal pulmino e viene investito da un auto. Grave un ragazzo di Potenza Picena.

24 Feb 2016
1099 volte

Grave incidente sulla strada provinciale che da Potenza Picena conduce verso Porto Potenza in contrada Piane. Un Ragazzo di 16 anni Marco Fiorentini di Potenza Picena, mentre scendeva dal pulmino, che lo stava riportando a casa, è stato investito da una macchina, una Fiat Punto che sopraggiungeva, il conducente del veicolo, un ragazzo albanese di 27 anni, non si è accorto che il ragazzo stava attraversando la strada, l'impatto è stato violento e il giovane è stato scaraventato per diversi metri sull'asfalto ed ha battuto violentemente il cranio. Subito le condizioni del 16 enne sono apparse molto gravi. Soccorso dal 118, i sanitari giunti sul posto, hanno chiesto l'immediato intervento di un''eliambulanza che è atterrata pochi minuti dopo presso il campo sportivo Scarfiotti di Potenza Picena. Il ragazzo è stato trasportato all'ospedale di Torrette. L'episodio si è verificato intorno alle 13,45. Per i rilievi è intervenuta la polizia Municipale.  

 

 

Rogo di auto a Civitanova, arrestato un pluripregiudicato

24 Feb 2016
876 volte

I Carabinieri del Comando Provinciale di Macerata, a conclusione di una complessa ed articolata attività investigativa tesa ad individuare gli autori di numerosi incendi avvenuti lungo la costa, hanno arrestato Davide Nicolosi, pluripregiudicato, in esecuzione di una misura cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Macerata.

Secondo gli inquirenti Nicolosi, in concorso con altri due indagati, nella notte del 13 agosto 2015, aveva dato alle fiamme, utilizzando liquido infiammabile, un’ Audi A6 di proprietà di un addetto al servizio di sicurezza di una nota discoteca di Civitanova Marche.

Dalle indagini è emerso che l’incendio è stato commissionato per rancori personali verso il bodyguard, a seguito di una discussione avvenuta all’interno del locale notturno.

Foto3

Ancora un incontro tra papa Francesco e il vescovo Antonio

24 Feb 2016
1242 volte

Ancora un incontro tra papa Francesco e il vescovo di Cremona Antonio Napolioni.

L'occasione l'udienza generale in piazza San Pietro alla quale il vescovo Antonio ha partecipato insieme ad un gruppo di sacerdoti e fedeli della diocesi di Cremona, recatisi in pellegrinaggio a Roma per celebrare il Giubileo della Misericordia.

Al termine dell'udienza mons. Napolioni si è intrattenuto per alcuni minuti a colloquio con il Santo Padre per la seconda volta in pochi mesi. Don Antonio, infatti, aveva già incontrato papa Francesco quando, pochi giorni dopo la sua nomina a pastore della Chiesa cremonese, si era recato a Roma insieme all'arcivescovo di Camerino-San Severino Marche Francesco Giovanni Brugnaro.

Associazione Raffaello, un sogno divenuto realtà

24 Feb 2016
1544 volte

Una casa a Torrette per ospitare le famiglie dei bambini ricoverati nel reparto di oncoematologia dell'ospedale Salesi di Ancona. E' l'ultimo traguardo conquistato da Nazzarena Barboni, la mamma del piccolo Raffaello, scomparso 8 anni orsono per un male incurabile, anima dell'omonima associazione sorta per aiutare i bambini malati e le loro famiglie. Lunedì 22 febbraio il sogno di Nazzarena è divenuto realtà con la firma dell'atto notarile per l'acquisto di un loft a Torrette dove potrà essere ospitata una famiglia. "Acquistare la casa è sempre stato un sogno ambizioso, ora divenuto realtà – così Nazzarena Barboni – Ritengo di essere stato semplicemente un mezzo, in quanto l'acquisto è stato possibile grazie a coloro che mi hanno sempre sostenuta nelle attività dell'associazione. La casa acquistata è molto carina, funzionale e potrebbe già da subito essere utilizzata, ma voglio curarla nei minimi particolari. Deve essere calda e accogliente, come se dovessi viverci io". La nuova casa sarà inaugurata il prossimo 20 maggio, giorno in cui ricorre l'anniversario della morte del piccolo Raffaello.

Auto si ribalta a Sambucheto, gravemente feriti gli occupanti

22 Feb 2016
921 volte

Grave incidente stradale verificatosi lungo la strada che collega Sambucheto con Montecassiano. Per cause in corso di accertamento un'auto, con a bordo due persone, si è ribaltata uscendo di strada. I due viaggiatori sono rimasti imprigionati fra le lamiere dell'abitacolo e solo il pronto intervento dei vigili del fuoco ha consentito di estrarre i due, rimasti feriti in modo grave. Per uno dei due occupanti la vettura si è reso necessario il trasporto in eliambulanza all'ospedale di Torrette, mentre l'altro si trova ricoverato nel nosocomio maceratese.

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo