Sacci, il tribunale da l'ok a Caltagirone

09 Giu 2016
1051 volte

Caltagirone is coming to town. Parafrasando la nota canzone natalizia, questa volta tuttavia non c'è molto di cui festeggiare. Il Tribunale di Roma ha infatti pubblicato il decreto di omologa del concordato preventivo di Sacci Spa, di cui costituisce parte integrante l’offerta per l’acquisizione del relativo ramo d’azienda presentata dalla Cementir Italia Spa. A renderlo noto è la stessa Cementir Holding, del gruppo Caltagirone.
In conformità alla legge fallimentare (art. 180 comma 3) il Tribunale ha verificato la regolarità della procedura e l’esito della votazione dei creditori ed ha omologato il concordato con decreto motivato. Dunque al completamento dell'acquisizione mancherebbe davvero poco. Questione di giorni, dato che la stessa holding prevede di portare a termine l'intera operazione entro il mese di luglio 2016, subordinatamente all’avveramento di tutte le condizioni cui è soggetto.

Una notizia, questa, attesa dagli 84 lavoratori dello stabilimento di Castelraimondo, che rischiano la mobilità dal prossimo mese di ottobre. L'auspicio ora è quello che possa riprendere l'attività produttiva con conseguente mantenimento del profilo occupazionale. Preoccupazioni sulla sorte dei lavoratori erano state manifestate anche dai sindacati e da esponenti del Partito Democratico, tra cui l'onorevole Irene Manzi, prima firmataria dell'interpellanza rivolta al Ministro dello Sviluppo Economico per conoscere la posizione del Governo circa gli obiettivi industriali del gruppo Cementir. Obiettivo la tutela della piena occupazione in tutti i siti produttivi, compreso quello di Castelraimondo.

Ora, ricevuto l'ok del tribunale, la strada scelta da Caltagirone sarà ancora quella di continuare l'estrazione nella "miniera d'oro" di cemento?

g.g.

Al via TacaBanca: il meglio di Musicultura in giro per le Marche

09 Giu 2016
686 volte

Al via TacaBanca: il nuovo tour di spettacoli di Musicultura offerto dalla Banca della Provincia di Macerata per festeggiare il decimo anno di attività dell’Istituto nelle principali piazze e teatri della Provincia di Macerata e Fermo. Una tournée di sei date che offrirà gratuitamente alla cittadinanza il meglio degli spettacoli di teatro-canzone della Compagnia di Musicultura.

Si parte sabato 11 giugno a Porto San Giorgio con l’acclamato PMC “Piccolo Manuale della Canzone” in Piazza Bambinopoli alle 21,30. Uno spettacolo che racchiude in sè il meglio della “Storia Cantata” de La Compagnia, un progetto che ha premiato in questi anni la professionalità e la creatività dell’autore ideatore, nonché Direttore Artistico del Festival Musicultura, Piero Cesanelli. “La caratteristica essenziale di queste produzioni - ha dichiarato Cesanelli - è quella di coinvolgere lo spettatore fino a farlo sentire non solo partecipe nel processo del “ricordo”, ma addirittura protagonista del sentimento, di un addio, della ritrovata felicità che vivono dentro una canzone. La storia che viene proposta si identifica spesso con un episodio della vita di chi ascolta e nel Piccolo Manuale della Canzone abbiamo inserito le più belle canzoni riarrangiate della nostra storia”.

Un intenso tour tra le più belle canzoni di sempre che festeggia l’attività dei primi dieci anni della Banca della Provincia di Macerata, che proseguirà fino all’autunno prossimo e toccherà l’intero territorio tra cui le città di Tolentino, San Severino Marche, Civitanova Marche, Camerino e Recanati.

 

La Compagnia 1

 

“La nostra giovane ma già affermata realtà bancaria – ha dichiarato il Presidente di BPrM Loris Tartuferi – con TacaBanca intende trasmettere un tangibile segno di riconoscenza a tutti coloro che la sostengono e confermare il suo impegno nell’ambito culturale scegliendo una tra le migliori eccellenze artistiche del territorio.”

Lo spettacolo “PMC - Piccolo Manuale della Canzone”, oltre a proporre i brani migliori che hanno caratterizzato gli anni dal 1950 in poi, suggerisce anche allo spettatore una serie di curiosità sulle canzoni, sugli autori e gli interpreti. Molta cura è stata applicata anche nell’elaborazione degli arrangiamenti che, pur mantenendo il clima originale, ringiovaniscono e attualizzano qualsiasi brano. Tra le canzoni in programma si va da Hey Paula fino a Era già tutto previsto di Cocciante, da Onda su Onda di Lauzi-Conte a I just called to say I love you di Steve Wonder. Un quadro esaustivo di vari generi musicali che hanno attraversato gli anni di più generazioni mantenendo sempre un’altissima qualità musicale.

L’ensemble musicale “La Compagnia”, formata da ben undici grandi professionisti, tra musicisti e cantanti, vedrà sul palco di Porto San Giorgio l’esibizione di Adriano Taborro, chitarre, violino e mandolino; Paolo Galassi, basso; Andrea Casta, voce e chitarra; Mauro Viale, percussioni; Chopas, voce e chitarra; Alessandra Tamburrini, piano; Tony Felicioli, sax e flauto; voci: Alessandra Rogante, Valentina Guardabassi, Francesco Caprari; Andrea Di Buono, narratore

Aperitivi internazionali e P-Funking Band- al via il Premio Urbani

08 Giu 2016
640 volte

L PREMIO MASSIMO URBANI, A CAMERINO IL JAZZ È LINGUAGGIO INTERNAZIONALE

Gli aperitivi internazionali, la P-Funking Band, il concerto di Emanuele Cisi, mostre e jam session

Al via giovedì 9 giugno la XX edizione del Premio Internazionale Massimo Urbani che farà di Camerino fino a sabato notte la capitale marchigiana del grande jazz.

Una vera e propria festa che coinvolgerà tutto il centro storico con concerti, mostre, jam session, conferenze e la novità assoluta di questa edizione, gli aperitivi internazionali che riprendono il concept “jazz come linguaggio che unisce i popoli e le culture”.

È infatti, proprio collegata a questo tema la conferenza di apertura alle 17 che, partendo da Camerino città del jazz e cosmopolita per via dell’Università, e attraversando i venti anni di storia del Premio, approfondirà la questione relativa al jazz come metalinguaggio che parla a più culture e le stringe in un armonico dialogo. Ad intervenire oltre al Direttore Artistico del Premio, Daniele Massimi, anche il Sindaco di Camerino Gianluca Pasqui, il Rettore di Unicam Flavio Corradini, l’Assessore Regionale alla Cultura Moreno Pieroni e ESN – ERASMUS, partner fondamentale per la realizzazione degli aperitivi internazionali. Intanto dalle 16 con “Il Piacere del Vinile” presso l’atelier di architetti Harcome in Corso Emanuele, su un impianto stereo di altissimo livello Angelucci Hi-Fi verrà posto in ascolto guidato “Birth of the cool” di Miles Davis, introdotto dal giornalista Fabio Ciminiera.

 Dalle 18 infatti tutti i locali del centro storico aderenti all’iniziativa serviranno gustosissimi aperitivi delle nazioni di provenienza degli studenti Erasmus del polo universitario di Camerino, una iniziativa che, nel nome del jazz, mette in dialogo il tessuto studentesco internazionale con quello cittadino. Tra le strade al ritmo serpeggiante del funk procederà anche la marching band perugina che ha scaldato il palco del concertone del Primo Maggio a Roma, la P-Funking Band. Ben 15 elementi di energia per portare scompiglio e festa nella città ducale.

Alle 21 è tempo di gara e al Teatro Marchetti si apre la competition con i 12 finalisti intenti a sfilare sul palco e confrontarsi con gli standard del jazz davanti alle due giurie, quella tecnica presieduta dal sassofonista Emanuele Cisi e quella critica composta dai giornalisti delle riviste nazionali Musica Jazz, Jazz It, All About Jazz e Jazz Convention.  

Alle 22.30 invece sarà la volta del primo grande concerto di questa edizione. Il sassofonista torinese Emanuele Cisi, grandissima cultura jazzistica e un lungo percorso nel mondo del jazz sia nazionale che estero tra Europa e Stati Uniti, salirà sul palco assieme a Massimo Manzi alla batteria, Massimo Moriconi al contrabbasso e Andrea Pozza al piano.

Ad accompagnare il tempo dal post concerto alla seconda serata con la jam session del Maurizio Urbani Quartet, un nuovo passaggio in atmosfera serale della P-Funking Band, per continuare con energia sino a notte fonda.

Assalto notturno al bancomat della Bcc di Treia

08 Giu 2016
642 volte

Un boato nel cuore della notte ha fatto scattare l'allarme a Treia, dove una banda di malviventi ha compiuto un vero e proprio assalto al bancomat della locale filiale della Bcc di Filottrano. Ancora da quantificare il bottino che i malviventi sono riusciti a trafugare, mentre danni ingenti sono stati arrecati ai locali che ospita l'istituto di credito. Sul posto i carabinieri della locale stazione e del nucleo operativo della compagnia di Macerata che stanno visionando i filmati delle telecamere di videosorveglianza per tentare di risalire agli autori del raid.

Puledro sbranato nel Parco dei Sibillini

07 Giu 2016
1203 volte

Puledro sbranato nel Parco dei Sibillini

Dall’inizio dell’anno, non si contano gli attacchi degli animali selvatici agli allevamenti. L’attività delle aziende agricole, specialmente in montagna, è messa a dura prova, non solo dal proliferare dei cinghiali che danneggiano le colture in modo irreparabile, ma anche dagli attacchi dei lupi. Per alcuni allevatori la situazione è ormai diventata insostenibile. Ne sa qualcosa l’allevatore di Visso che questa mattina, al risveglio, ha dovuto fare, suo malgrado, l’ennesima amara scoperta. Titolare di un allevamento zootecnico nel territorio dei monti Sibillini, recatosi nel recinto dove sono custoditi i cavalli, ha trovato un altro puledro sbranato dai lupi. Era il quarto, dei dieci puledri nati, ad aver fatto, in poco tempo, la stessa fine  : “ La nostra unica fonte di guadagno è l’allevamento- ha affermato sconsolato –.Vorrei chiedere al parco: quest’anno di cosa viviamo!!?”

Non è la prima volta che succede. Gli allevatori vivono nella paura, non solo per il danno economico che subiscono ma anche per i pericoli a cui vanno incontro le loro persone. Finora non c’ è stata adeguata risposta per chi chiede solo di essere messo nella condizione oggettiva, di poter svolgere il suo lavoro.

Pericolo in superstrada. E' emergenza viadotti

07 Giu 2016
2794 volte

In attesa che la superstrada 77 Valdichienti venga inaugurata nella sua interezza, con la realizzazione del tanto agognato collegamento tra Civitanova Marche e Foligno, non manca chi pone l'accento sulle situazioni di "rischio" per gli automobilisti che si incontrano viaggiando lungo i tratti già percorribili. Non si tratta dei tanto temuti, soprattutto per le tasche dei cittadini, autovelox, ma di situazioni strutturali che potrebbero arrecare pericoli alla sicurezza di chi viaggia. L'ultima segnalazione in ordine di tempo giunge da un pendolare che quotidianamente, per esigenze di lavoro, percorre l'arteria nel tratto Sfercia-Tolentino e fa riferimento ad una grata di congiungimento sul ponte delle Grazie,nella corsia mare-monti, che sembra spofondare sempre più. Allora il nostro automobilista si domanda: "Per prendere provvedimenti aspettano un motociclista ignaro?". E pensare che l'inaugurazione della Superstrada è stata posticipata di oltre un anno per controllare, a seguito di denunce, le nuove gallerie con notevole dispendio in termini di tempo e di denaro. Forse sarebbe opportuno pensare anche ai "pericoli che corrono sotto le ruote".

Rosa Piermattei: un sindaco...in rosa

07 Giu 2016
1878 volte

Passaggio di consegne nella sala del consiglio comunale di San Severino Marche fra il sindaco uscente Cesare Martini e il nuovo primo cittadino Rosa Piermattei, primo sindaco donna nella storia della città settempedana. Dopo la proclamazione ufficiale degli eletti fatta dal presidente del seggio numero 1, prof. Papa, con la conferma del successo elettorale della lista “San Severino cambia”, il nuovo consiglio comunale si è ufficialmente insediato, con il sindaco Rosa Piermattei che ha indossato la fascia tricolore, consegnatagli dal predecessore Cesare Martini, e ha parlato per il saluto di rito, ringraziando innanzi tutto la sua squadra e quanti l’hanno sostenuta nelle settimane che hanno preceduto il voto.

Il nuoco Consiglio comunale composto da 12 membri di maggioranza (compreso il sindaco) e da 5 di opposizione.

Maggioranza: Vanna Bianconi, Giovanni Meschini, Francesco Fattobene, Tarcisio Antognozzi, Silvia Chirielli, Sara Clorinda Bianchi, Jacopo Orlandani, Michela Pezzanesi, Paolo Paoloni, Pier Domenico Pierandrei, Sandro Granata.

Opposizione: Massimo Panicari, Gabriela Lampa, Pietro Cruciani, Francesco Borioni, Mauro Bompadre.

 

La proclamazione degli eletti

ultima martini

 

Il passaggio di consegne

consegan fascia

La nuova squadra di maggioranza

squadra san severino

 

Di seguito la fotogallery della cerimonia e, in calce, le riflessioni di un cittadino settempedano

maggioranza

insediamento10

insediamento9

insediamento2

insediamento3

insediamento5

insediamento6

 insediamento8

 

piermattei cruciani

Ero uscito dalla chiesa di San Pacifico, dopo avere assistito alla messa vespertina.

Il cielo minacciava pioggia e il sole si era nascosto dietro le nuvole, ho pensato: C’è ancora tanto tempo per votare, mi piacerebbe fare un salto al crossodromo e scattare qualche foto. Mi sedetti in macchina e mi avviai verso il monte. Feci poca strada, mi fermai, ancora era troppo presto e per vedere il calar del sole, ci voleva troppo tempo, continuai ancora per qualche decina di metri fino a quando trovai uno spiazzo adatto per curvare e quindi rientrare in città. Così rinunciai a fare le foto dirigendomi verso la sezione dove votare.

Arrivai alla scuola materna, entrai nella stanza ove c’erano le gabine, un addetto mi porse la scheda e la matita, che io presi delicatamente, come se fossero oggetti particolari e preziosi, ma appena nelle mie mani, mi sentii come se fosse più forte e sicuro di prima, girai a destra spostai una tenda e mi trovai solo, ancora solo ma non come prima, avevo la sensazione di essere armato e di disporre di un potere che non conoscevo. Già il potere del voto, quella matita e quella scheda sono le armi che mi permettono di difendere non solo me, ma tutto il mondo della libertà. Il voto, è un impegno che di solito si fa con i santi, ma votare è un diritto dovere di tutti gli uomini e di tutte le donne che si sentono e vogliono essere cittadini. Più di una volta, mi è successo di sostare dentro la gabina poiché sentivo, il desiderio di pensare e riflettere su quel mio diritto di uomo libero, mi sembrava di essere partecipe a un rito più che a un’espressione di vita normale. E’ bello essere cosciente della propria libertà!

Quest’anno, quando mi è capitato di parlare con degli amici dell’elezioni amministrative, pensai e proposi, trovando il loro accordo, che forse era ora che il primo cittadino si vestisse di rosa. Ricordo si fecero tanti nomi, ma il discorso rimase in sospeso. Poi un’amico che non mi ricordo, se era con me quella volta, quando facemmo quel discorso, mi invitò a volere conoscere una sua amica, che poteva essere la candidata Sindaco di San Severino. Aderii alla sua richiesta e mezz’ora dopo ero seduto davanti a Sig.ra Rosina Piermattei. Chissà perché m’ispirò subito fiducia?

Parlammo per ben due ore, toccando i diversi punti delle necessità della città. Senza parole altisonanti, semplici, chiare e comprensibili. Poi la salutai, dicendole, vada avanti, lei è la persona adatta per San Severino, se avrà bisogno di me, sono a sua disposizione. Ci sentimmo più di una volta per telefono, poi c’incontrammo al Cinema Italia per la presentazione della lista. Finita la manifestazione, mi avvicinai a Lei, l’abbracciai e facendole i miei complimenti per la presentazione, le dissi: Vada tranquilla Lei ha già vinto. Quelle parole non erano soltanto un augurio, ma la certezza che Rosa era la persona non solo adatta, ma che aveva convinto tutti i settempedani presenti al cinema Italia. Non è una mia presunzione. Quel pomeriggio, quando sono entrato nel Cinema, non c’era posto per cui rimasi in piedi. In quella scomoda posizione mi è stato facile osservare i visi di tante persone che applaudivano. Notai una certa serenità, e un timido sorrido di soddisfazione, nei volti dei presenti, forse il modo semplice e un po’ impacciato non solo di Rosa, ma di quasi tutti i componenti la lista, aveva suscitato simpatia e fiducia. Non si è sentita una parola di critica cattiva, nei confronti dell’ Amministrazione uscente, né verso le altre liste concorrenti. “Io sono: Nome e cognome… Questo è quello che faccio attualmente nella mia vita, ma vorrei fare anche qualche cosa per la mia città e con il vostro aiutò m’ impegnerò, con tutte le mie forze”. Era questa l’essenza della presentazione di ciascun componente la lista e con un po’ più di chiarimenti e precisazioni anche quella del futuro Sindaco della nostra Città.

In bocca al lupo, Sig.ra Rosina. Si Ricordi che io non mi nasconderò quando sarà l’ora di aiutarla e non smetterò mai di osservare, entro i miei limiti, di seguire il suo operato. Buon Lavoro a Lei e a tutta la sua squadra.

Un settempedano

Coltiva cannabis nell'orto di casa, denunciato dai carabinieri di Tolentino

07 Giu 2016
837 volte

Una piccola piantagione di cannabis è stata sequestrata dai carabinieri di Tolentino. A praticare il fai da te del piccolo spacciatore era un giovane incensurato della Repubblica Dominicana di 27 anni. Il dominicano, disoccupato e residente da alcuni anni in una contrada di Tolentino, dopo aver fatto crescere in vaso 13 piantine di cannabis fino all’altezza di 30-40 centimetri, aveva iniziato a trapiantarle nel terreno adiacente casa sua, ove avrebbero potuto avere uno sviluppo più rigoglioso e fruttifico. Ma i militari non gli hanno dato il tempo di completare il lavoro, visto che era riuscito a metterne a dimora soltanto sei, mentre le altre sette piantine erano ancora nei rispettivi vasi. Qualche piantina, però, non è sfuggita alla vista dei carabinieri del Nucleo Operativo che avevano notato qualcosa di strano tra la vegetazione del giardino. Dopo approfonditi accertamenti i militari hanno deciso di intervenire. Così hanno chiesto conto al dominicano il quale, vistosi ormai scoperto, ha accompagnato i militi nell’orticello, consegnando loro le tredici piantine che sono state sequestrate, mentre il dominicano è stato denunciato alla procura della repubblica.

Scrittori e detenuti- Camerino capofila in regione per 'Una pagina nuova'

06 Giu 2016
530 volte

Un ponte di comunicazione con il carcere attraverso interventi educativi e formativi di sensibilizzazione alla lettura, alla scrittura e allo sviluppo delle potenzialità creative ed espressive dei detenuti. E' l'obiettivo del progetto "Una pagina nuova", proposto dal Comune di Camerino, quale ente capofila e sostenuto dal Garante dei diritti, Provveditorato per l'amministrazione penitenziaria, ATS 18-Ambito territoriale sociale, Comunità Montana Marca di Camerino.


Nei sette istituti penitenziari delle Marche vengono organizzati incontri con scrittori italiani e stranieri, creando spazi di approfondimento e confronto sulle opere presentate e sull'esperienza della scrittura. “ Il progetto- spiega l’assessore ai servizi sociali Antonella Nalli- consiste nel far incontrare più scrittori di letteratura contemporanea e di diverso livello, ai detenuti e alle detenute dei vari istituti di pena della Regione Marche, per discutere e dialogare delle loro esperienze, su come sono riusciti a trascriverle. Il progetto verrà illustrato poi illustrato ai ragazzi delle scuole medie superiori; detenute e detenuti avranno in tal modo la possibilità di un ulteriore percorso per avvicinarsi sempre di più alla realtà esterna. Ringraziamo vivamente il Garante dei diritti dott. Nobili, - prosegue l’assessore- per aver dato al comune di Camerino la possibilità di rappresentare l'ente capofila di tutto il progetto, nonostante la nostra sia una piccola realtà carceraria infatti, l’esser stati scelti come comune capofila di tutta la regione, crediamo rappresenti un segnale importante anche per il carcere di Camerino. Da anni la nostra città, per quanto riguarda la struttura penitenziaria, è stata un po’ messa in discussione e questo progetto è secondo noi è un ottimo segnale che Camerino c’è, Camerino è presente e la sua realtà carceraria interessa; stando a quanto riferiscono coloro che vi lavorano all’interno, le associazioni che vi prestano il loro servizio, il carcere di Camerino, nonostante si parli spesso di sovrannumero, è una struttura che è un fiore all’occhiello”.

Rosa Piermattei, primo sindaco donna di San Severino Marche

05 Giu 2016
5395 volte

La lunga notte delle amministrative. Urne chiuse alle ore 23 nei seggi dei comuni chiamati a rinnovare i consigli comunali e ad eleggere il sindaco. Nelle Marche si è votato in 29 comuni, due dei quali, San Benedetto del Tronto e Castelfidardo, con popolazione superiore ai 15mila abitanti e, quindi, a rischio ballottaggio. Di questi 4 sono in provincia di Ancona (Castelfidardo, Camerano, Cupramontana, Santa Maria Nuova), 5 in provincia di Ascoli Piceno (Sambenedetto del Tronto, Acquasanta Terme, Arquata del Tronto, Force, Montegallo), 4 nella provincia di Fermo (Monte San Pietrangeli, Ortezzano, Petritoli, Rapagnano), 7 in provincia di Macerata (Bolognola, Castelraimondo, Esanatoglia, Morrovalle, Muccia, Portorecanati, San Severino Marche). la parte del leone l'ha recitata la provincia di Pesaro Urbino con 9 città chiamate ad eleggere il sindaco.

Nei 7 comuni della provincia di Macerata chiamati alle urne l'affluenza è stata del 61.59%, più bassa rispetto alla media nazionale. Il più alto numero di votanti a Muccia con l'83.1% dei votanti, mentre a Portorecanati si è recato alle urne solo il 58.75% degli aventi diritto.

Bolognola – eletto sindaco Cristina Gentili, 44 anni, amministratore di condominio, unica candidata è riuscita a battere il pericolo dell'astensionismo. Nel piccolo comune dell'entroterra ha votato il 61,78% degli aventi diritto contro il 94,92% delle precedenti amministrative. Sui 140 cittadini chiamati alle urne sono stati 76 i votanti con Cristina Gentili che ha ottenuto 55 voti, mentre 10 sono state le schede bianche e 11 le schede nulle.

Castelraimondo - confermato sindaco il primo cittadino uscente Renzo Marinelli con 1396 voti, al secondo posto Renato De Leone con 644, terzo Daniele Antonozzi con 527 consensi. 

Esanatoglia - Luigi Nazzareno Bartocci è il nuovo sindaco. Succede a Giorgio Pizzi nella carica di primo cittadino. Bartocci, vice sindaco uscente alla guida della lista "Per Esanatoglia", si è imposto con 534 voti contro i 408 ottenuti dalla lista "Nuova Esa" guidata da Claudio Modesti. Più distanziati gli altri due candidati Luca Dolce, che ha ottenuto 198 preferenze e Massimiliano Tronchi, con 123 voti ottenuti.

Morrovalle - voto plebiscitario per il primo cittadino uscente Stefano Montemarani che viene confermato sindaco della città. Nettamente battuto lo sfidante Francesco Acquaroli. Montemarani ha ottenuto 3195 voti, pari al 61% dei consensi, contro i 2045 voti conquistati da Acquaroli (39%) dei consensi. Lo scarto, dunque, è di 1150 voti

MucciaMario Baroni è il nuovo sindaco. E' stato eletto con 373 voti contro i 221 ottenuti dal primo cittadino uscente Fabio Barboni

San Severino Marche - per la prima volta nella storia la città sarà guidta da una donna. Rosa Piermattei è il nuovo sindaco. I settempedani hanno, dunque scelto Rosa Piermattei con 2203 voti, Massimo Panicari si è classificato al secondo posto con 1771 consensi. In terza posizione Piettro Cruciani con 1190 voti, mentre al quarto posto Francesco Borioni con 1086 preferenze. 

Portorecanati - E' Roberto Mozzicafreddo il nuovo primo cittadino. Alla guida di una coalizione di centro destra Mozzicafreddo ha avuto la meglio sugli altri candidati, in particolare su Giovanni Giri e Loredana Zoppi. Particolarità: il consigliere regionale Elena Leonardi è stata la meno votata tra i sei candidati.

Santa Maria Nuova (AN) - il nuovo sindaco è Alfredo Cesarini che ha avuto la meglio sugli altri due candidati Fabio Iencenella e Angelo Santicchio

Cupramontana (AN) - eletto sindaco Luigi Cerioni con l'83% dei consensi ottenuti sul 54% dei votanti. la particolarità è che la lista guidata da Cerioni ha ottenuto lo stesso numero di voti conseguiti nella precedente tornata amministrativa quando si era recato alle urne il 75% degli aventi dirittto

 

 

Il Premio Internazionale Massimo Urbani taglia il traguardo dei 20 anni

04 Giu 2016
766 volte

Presentata la XX edizione il Premio Internazionale Massimo Urbani di Camerino. Ad illustrare i contenuti del festival il direttore artistico Daniele Massimi . Sono intervenuti il sindaco di Camerino Gianluca Pasqui e Carlo Trecciola, organizzatore del format Braidart ducale nonché Lucrezia Difabio di ESN Erasmus Unicam, che collaborano all’evento.

Il prestigioso concorso nato con lo scopo di individuare giovani jazzisti emergenti, contribuendo allo sviluppo della loro carriera artistica e alla diffusione della musica jazz, si snoderà nella tre giorni di giovedì 9, venerdì 10 e sabato 11 giugno 2016 a Camerino, con un programma di concerti, conferenze e aperitivi internazionali all’insegna del grande jazz.-

In venti anni di storia il Concorso ha premiato giovani talenti, oggi affermati musicisti come: Rosario Giuliani, Gianluca Petrella, Dino Rubino, Nico Gori, Francesco Cafiso, Claudio Filippini, Alessandro Lanzoni e i fratelli Cutello nella passata edizione. Quest’anno erano più di 100 i partecipanti e solo in 12 sono stati selezionati dalla giuria per la finale. Si tratta di Federica Foscari 822 anni,voce); Antongiulio Foti (16 anni, piano); Andrea Paternostro (14 anni, sax alto), Emanuele Filippi (23 anni, piano ); Lorenzo Simoni (17 anni, sax alto); Niccolò Zanella ( 24 anni, sax tenore); Sergio Casabianca ( 25 anni, chitarra); Giovanni Agosti ( 25 anni, piano), Michele Uliana ( 26 anni, clarinetto); Emilia Zamuner ( 22 anni, voce); Michele RubinI (25 anni, sax alto)e Valerio Rizzo ( 23 anni, pianoforte).

Presidente della giuria della XX edizione è Emanuele Cisi; accanto a lui nel difficile compito di giudicare i candidati, il batterista Massimo Manzi, il contrabbassista Massimo Moriconi, il pianista Andrea Pozza, il talent scout e fondatore del Premio Paolo Piangiarelli e il direttore artistico Daniele Massimi.

Al vincitore del Premio la possibilità di incidere un disco in studio o live e di suonare in alcune importanti rassegne partner. Altri riconoscimenti sono: il Premio del pubblico, il Premio dell’Università di Camerino, il Premio della critica e le Borse di studio per i seminari di Umbria Jazz e Nuoro Jazz.

La gara si svolgerà tra le mura del teatro Marchetti, ma tutto il centro storico sarà caratterizzato da un’atmosfera spumeggiante. I locali serviranno gli aperitivi internazionali, con la collaborazione di ESN- Erasmus Camerino e della Scuola di Italiano “ Dante Alighieri”, sulla scia del concept “ jazz come linguaggio tra i popoli”, la P-Funking band popolerà le vie del centro durante tutti i tre giorni. Ad arricchire il tutto conferenze, mostre, concerti e jam session.

Due saranno gli appuntamenti musicali principali: giovedì a teatro con Emanuele Cisi e il quartetto composto da Massimo Manzi, Massimo Moriconi e Andrea Pozza e, venerdì, sempre a teatro Antonello Salis con Egidio Marchitelli sul tema “Massimo Urbani come Jimi Hendrix”. Sabato sarà la volta del concerto del vincitore nel cortile del teatro cui seguirà la chiusura presso il Cinema Betti con il dj set in collaborazione con Synth.

Media partner del PIMU è quest’anno Radio Rai con Radio 7 Live, il canale dedicato alla musica live.

Incendio garage a Sarnano.

04 Giu 2016
1048 volte

Incendio in un garage di Sarnano. Per cause in corso di acccertamento, le fiamme si sono sviluppate intorno alle 4 del mattino nel locale di circa 70 mq, ubicato in località San Cassiano, all'interno del quale erano presenti due autovetture, uno scooter e vari attrezzi.

Sul posto, con l'ausilio di un'autopompa, una  squadra dei Vigili del Fuoco del Distaccamento di Tolentino del Comando provinciale, il cui intervento è valso a spegnere l’incendio e a mettere in sicurezza l’immobile.

Nessun ferito.

 

Casa Amica: Vannucci attacca Caprodossi e lo invita a " tacere "

03 Giu 2016
2061 volte

Una nota del Partito Democratico cittadino, a firma del segretario Andrea Caprodossi, inerente il ritardo nel completamento dei lavori del palazzo destinato ad ospitare la nuova casa di riposo di Camerino e l'incontro avuto in Regione da una delegazione camerte con l'assessore Sciapichetti e l'ingegner Pompei ha scatenato la reazione del presidente del cda di Casa Amica Luigi Vannucci che ha voluto scrivere una lettera aperta allo stesso segretario Caprodossi.

Mortificante, irreale quanto comunicato sulla nota stampa inviata dal PD di Camerino. E’ ora di dire basta a querelle che con la memoria ci fanno andare alle comari intente a sciacquare panni nei camerti lavatoi.

casa amica targa ingresso

 

Ed allora, sempre con la memoria e sul filo di queste che, personalmente, mi rivolgo a lei, signor Caprodossi, per ricordarle alcune “cosette” che, se ben intese, la faranno tacere, mi auguro, per almeno una settimana. Ho lavorato a lungo a Macerata ed a Macerata so bene che gli amministratori – benedicenti il terremoto – colsero l’occasione per restaurare due preziose perle quali la chiesa di San Filippo e Palazzo Buonaccorsi che danni non avevano subito se non quelli del tempo.

C’è un gioco che piace tanto ai grandi quanto ai piccini che è quello del Monopoli: l’ha presente? Ebbene, con tanti soldini veri e sonanti tra le mani, nello stesso tempo, i suoi padri spirituali pensarono di giocare a Monopoli acquistando palazzi e scambiandone altri con il risultato “eccellente”, sotto gli occhi di tutti, di vederli a venti anni dal sisma desolatamente vuoti. Una qualità le va riconosciuta: la coerenza. Vederli rivivere a lei da fastidio, meglio vuoti e ricettacoli di ratti e piccioni.

Stesse procedure furono eseguite, sempre dai suoi padri spirituali, per la Casa di Riposo. Con tanti soldini tra le mani furono progettati ben due plessi, pagati giustamente i progettisti, e lasciate le cose come stavano; meglio furono invece acquistati degli appartamenti alle Mosse, dove sono ospitati oggi gli anziani.

E qui il mio invito a visitarla questa struttura; si sporchi le mani, venga a constatare in che condizioni vivono gli ospiti con patologie gravi e diversificate, parli pure con chi le scrive anche delle difficoltà di carattere economico. Sono a sua completa disposizione per precisarle con quanta cura e diligenza sempre i suoi padri spirituali permisero delle ruberie. Venga, l’aspetto.

( sotto nella foto il sopralluogo durante i lavori nell'ex ospedale camerte il pres Vannucci e il sindaco Conti )

vannucci contipiccola

Nelle passate amministrazioni, tanto per intenderci quelle della mia generazione, le opposizioni si accostarono alla maggioranza se i provvedimenti erano utili alla città, alla collettività, con lo spirito di servizio e l’umiltà che non mi sembrano le sue migliori doti.

Alla Regione abbiamo trovato persone perbene, attente, sagge e propositive e bene farebbe l’assessore Angelo Sciapichetti ad invitarla a tacere per un mesetto almeno.

Il buon senso e l’intelligenza sono beni preziosi che non possono purtroppo essere acquistati al mercato.

Luigi Vannucci Presidente “Casa Amica”.

vannucci

 

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo