Muccia –Sta per inaugurare l’area commerciale “Il Punto”. Presto la consegna di 52 Sae

23 Nov 2017
1169 volte

Segnali di ripartenza per il comune di Muccia. In contrada Varano sta per essere inaugurato lo spazio S.A.P.E  “Il Punto” e, altra nota di positività, soltanto  cinque giorni dopo il sindaco consegnerà le chiavi di 52 casette dell’area Pian di Giove.

Pochi ritocchi e l’area commerciale, sarà pronta per festeggiare il taglio del nastro. Si chiamerà “ Il Punto” proprio a significare l’inizio di un nuovo capitolo nel percorso di lavoro e nella vitalità di uno dei centri tra i più devastati dal terremoto 2016. L’inaugurazione ufficiale è prevista il prossimo sabato 2 dicembre alle ore 12,15; lo spazio accoglierà 14 tra attività commerciali, produttive e studi tecnici, le cui sedi originarie il sisma ha reso inutilizzabili.

  E’ il primo passo verso una ‘pseudo normalità’ - dichiara il sindaco Baroni- Il settore del commercio finalmente ha un suo spazio esclusivo e ne siamo felici, perché la ripresa economica è un fattore fondamentale per tornare a vivere; altro segnale di positività, la consegna di 52 SAE che avverrà il 7 dicembre alle ore 11.30. Un bel passo in avanti dopo le 7 casette della frazione di Costafiore consegnate a fine ottobre; ci accingiamo a ridare un tetto e una dignitosa sistemazione a 150 famiglie da ben tredici mesi sfollate, chi nelle strutture provvisorie del paese o in autonoma sistemazione altrove, chi ancora alloggiato negli alberghi della costa. Tra il 10 e il 15 dicembre- continua Baroni- confidiamo di poter ridare intimità anche ai 14 nuclei famigliari della frazione di Massaprofoglio. Per la fine dell’anno, se il tempo ci assiste - aggiunge il sindaco- riusciremo a consegnare altre  25 casette. Per completare tutta l’operazione, rimarranno le 48 soluzioni abitative dell’area Varano e le ulteriori 20 casette dell’area A, di Pian di Giove. La fatica è tanta ma a piccoli passi stiamo riconquistando fiducia; si comincia a vedere una luce nel ricostituirsi di una comunità. Speriamo più che altro che si possa partire con qualche ricostruzione di tipo leggero, il che significherebbe molto per il morale delle persone e di noi come amministratori. Se andiamo ad analizzare- conclude il sindaco di Muccia- finora ci si è occupati solamente dell'emergenza, , sistemando le persone, facendo pressione sulle imprese al lavoro per accelerare il più possibile ma, quello che interessa a tutti, è la ripresa delle case vere".   

C.C.

Camerino- Demolizioni a Borgo San Giorgio

23 Nov 2017
6065 volte

È iniziata nella giornata di oggi la demolizione di un altro edificio nella zona di Borgo San Giorgio, nell'immediata periferia di Camerino. Si tratta di un intervento progettato internamente dall'Ufficio Tecnico del Comune di Camerino, e precisamente dall'ingegner Angelo Boreale, reso necessario a seguito dell'esito dei sopralluoghi effettuati dopo il sisma.

Infatti l'immobile era risultato particolarmente danneggiato tanto da non rendere ipotizzabile il puntellamento e, insistendo sulla pubblica via, si è optato per la demolizione. Da oggi la ditta che si è aggiudicata i lavori è all'opera e si stima che l'intero intervento sarà ultimato nel giro di pochi giorni, anche se operai e mezzi resteranno al lavoro sul posto poiché è prevista la demolizione anche di un altro edificio adiacente. Opere, queste, che seguono la demolizione di un altro immobile situato sempre a Borgo San Giorgio, avvenuta ormai alcuni mesi fa.

borgosangiorgio 2

Sempre sulla stessa zona si trova anche l'ormai famoso “Palazzo Toffee”, per il quale si è conclusa la gara di appalto per l'intervento di demolizione. A questo punto i tempi prima di vedere uomini e mezzi al lavoro sono quelli necessari per la trasmissione delle dovute documentazioni e, soprattutto, quelli necessari a consentire ai proprietari di recuperare i mobili e i beni ancora presenti all'interno delle abitazioni di Palazzo Toffee e completare quindi i traslochi. 

borgosangiorgio 4

borgosangiorgio 3

Ultimati in meno di una settimana i lavori sulla Maceratese

23 Nov 2017
15 volte

Procedono sulla strada Maceratese, a ritmi sostenuti, i lavori iniziati lunedi scorso. Dopo l'opera di fresatura realizzata nelle ore notturne che ha interessato il tratto che va dalla rotatoria di Piediripa al cavalcavia, si sta attualmente procedendo con l'asfaltatura che terminerà oggi. Ultimata la prima fase, il risanamento della strada in questione, la cui spesa complessiva di sistemazione è di 200 mila euro, proseguirà nel tratto di strada a tre corsie con interventi puntiformi per la sistemazione del corpo stradale più deteriorato

macveratese2

“Anche per questa fase – ci dice il Presidente Pettinari – abbiamo concordato con l'impresa appaltatrice Violoni di Altidona le modalità operative per limitare al massimo il disagio agli utenti della strada intervenendo su una corsia per volta lasciando libere le altre due. Portiamo a termine – prosegue – un altro dei tanti interventi in atto, resosi necessario per l'alta intensità di traffico che caratterizza la strada Maceratese, una delle principali arterie di accesso al centro della città.

maceratese3

Via libera del Consiglio regionale al Testo unico sul turismo

23 Nov 2017
9 volte

“Il turismo marchigiano si adegua alle nuove esigenze del mercato e apre alle novità che si stanno imponendo”. È quanto afferma l’assessore regionale al Turismo, Moreno Pieroni, che ha apprezzato il via libera dato, a larga maggioranza, dall’Assemblea legislativa, alla proposta di legge di riordino presentata dalla Giunta regionale. “Sono state apportate modifiche al Testo unico regionale che vanno nella direzione di maggiore competitività del nostro settore turistico – rileva Pieroni – Abbiamo proposto una revisione organica della normativa che fosse rispondente alle attese dei turisti e degli operatori. Aggiornare la normativa significa creare ulteriori  occasioni di crescita del comparto. La nuova tipologia ricettiva dei condhotel (edifici gestito come hotel), che si sta diffondendo anche nel nostro Paese e dei Marina Resort (porti turistici equiparati a strutture ricettive all’aria aperta), ora diventano realtà anche nelle Marche. Stiamo riqualificando servizi e offerta per intercettare nuovi segnamenti di mercato che guardano a modalità di soggiorno diverse dalle tradizionali. Come pure la possibilità, per i campeggiatori, di mantenere le strutture nelle piazzole tutto l’anno, incentiva a investire nelle Marche il proprio tempo libero e sceglierle come meta di vacanza. Altre questioni restano aperte e le affronteremo insieme alla commissione consiliare competente con la dovuta attenzione e impegno, ma il messaggio che diamo è che sempre più la Regione Marche punta con successo sul turismo come volano economico di grande valore e impatto per superare le difficoltà. È un settore che può crescere molto e che ha le potenzialità per farlo, agevolato da una revisione normativa che si muove nelle giusta direzione”.

Il Presidente della Provincia ha ricevuto il nuovo questore di Macerata Vincenzo Vuono

23 Nov 2017
5 volte

 

Questa mattina il Presidente Pettinari ha incontrato il nuovo Questore di Macerata Vincenzo Vuono che ha preso il posto di Giancarlo Pallini. Il Presidente, in un clima di sincera ospitalità, ha colto l’occasione per parlare delle criticità del territorio maceratese evidenziando in particolare i problemi legati al terremoto. Il dott. Vincenzo Vuono, 58 anni, arriva a Macerata dopo aver diretto diversi Commissariati a Roma. Al nuovo Questore il Presidente ha rivolto i migliori auguri per l'importante incarico con la certezza di poter contare su una vicendevole collaborazione.

Turbativa d'asta. Tre imprenditori del settore costruzioni finiscono nei guai

23 Nov 2017
23 volte

La Polizia Tributaria di Macerata ha eseguito perquisizioni e tre misure interdittive, disposte dal gip, per una durata di otto mesi nei confronti di tre imprenditori operanti nel settore delle costruzioni, accusati di associazione per delinquere e turbativa d'asta, oltre che di altri reati (falsità ideologica, emissione di fatture per operazioni inesistenti). Per uno c'è anche l'ipotesi di corruzione e concorso in rivelazione i segreto d'ufficio, insieme a un ex militare della Gdf. Secondo gli investigatori i tre, concordando la forbice entro la quale offrire il maggiore ribasso, sarebbero riusciti ad aggiudicarsi la maggior parte degli appalti pubblici indetti nel Maceratese e zone limitrofe come le province di Ancona, Fermo, Perugia. Le Fiamme Gialle hanno individuato la fattispecie di turbativa d'asta su varie procedure di gare pubbliche tra il 2014 e il 2016, relative ad appalti di lavori pubblici per 26 mln di euro. Indagini anche su responsabili unici del procedimento delle Stazioni appaltanti.

 

fonte Ansa

Terremoto: ritardi a Camerino. Pasqui "chiama" il commissario De Micheli

22 Nov 2017
533 volte

Nel momento forse più difficile della storia di Camerino, con una città "bloccata" nella sua ricostruzione post terremoto, il sindaco Gianluca Pasqui, che di recente è intervenuto anche alla Camera dei Deputati pronunciando un discorso che è stato criticato dall'opposizione, ha inviato una lettera al commissario straordinario alla ricostruzione, Paola De Micheli, attraverso la quale ha richiesto un incontro per confrontarsi sulle varie situazioni in essere, con particolare riferimento al nuovo Carcere cittadino, alla Caserma della Compagnia dei Carabinieri e a criticità emerse con le nuove normative. 

 

La visita del Commissario De Micheli a Camerino

visita de micheli camerino

“Sento la necessità ed il dovere di rappresentarLe personalmente le enormi difficoltà che dopo un anno non sono ancora state mitigate dai pur numerosi interventi messi in atto dal Governo - si legge nella lettera - Ho avuto il piacere di accoglierla a Camerino e di apprezzare la Sua grande volontà di capire le realtà di questo territorio martoriato ed individuare le soluzioni. Grazie al suo intervento, è palpabile la vicinanza del Governo, ma sono certo che è Sua convinzione che ci sia l’urgente necessità di fare ancora, fare di più e meglio. Le assicuro che molti sono i temi da trattare ed in particolare appare necessario affrontare quelle situazioni non considerate dalla normativa speciale e che a Camerino – città di servizi erogati ad un territorio molto più ampio e pari alla metà della Provincia – sono molte e diversificate”. 

I danni provocati all'edificio dell'ex tribunale

 

danni tribunale

 

Momenti dell'incontro a Camerino tra il sindaco Pasqui e il Commissario De Micheli

 

visita de micheli camerino 1

Patto per lo sviluppo aree del sisma e Marche. Riunita la Cabina di regia in Regione

22 Nov 2017
27 volte

Una vera e propria cabina di regia strategica si è riunita nella sede della Regione di Ancona ed ha coinvolto categorie economiche, imprenditoriali, sociali ed università per discutere l’istituzione di un tavolo per un Patto per lo sviluppo per le aree del sisma e per le Marche.  

Tutti i partecipanti hanno condiviso l’impostazione allargata della discussione, ribadendo che l’elemento di crisi porta con sé una grande potenzialità per ricostruire un futuro di sviluppo.

Al confronto in Regione i rappresentanti di: ANCI, UPI, CGIL, CISL, UIL, Confindustria Marche, Confcommercio, Confartigianato, Cia, CNA, Confesercenti, Copagri, Lega Coop e Agci Confcooperative, Coldiretti. Sono intervenute le Università di Camerino, Macerata, Urbino e della Politecnica delle Marche.

Il principio condiviso è “la qualità degli interventi”, considerata la base per costruire un nuovo modello di sviluppo.

Al tavolo anche il Presidente dell’Assemblea Legislativa delle Marche Antonio Mastrovincenzo. 

PattoPerLoSviluppo 01

Tutti concordi nell’affidare la regia alla Regione. Unanimemente hanno anche ritenuto molto positivo l’incarico di supervisione-coordinamento all’ISTAO che individuerà 10 macro obiettivi.

Imponenti le risorse che verranno messe in campo per realizzare la strategia: 160 milioni dell’Agricoltura del Psr già approvati, a gennaio saranno disponibili i 248 milioni del FESR grazie alla capacità degli uffici regionali di tenere stretti i tempi. Ci sono anche un miliardo e 200mila euro dell’Europa per l’emergenza, i 400 milioni di Anas e altri 110 milioni di euro per il piano della banda ultralarga

La strategia complessiva poi dovrà incrociarsi con tutte le misure previste per l’insediamento delle nuove imprese. Infine, una volta elaborato il Patto, potranno giungere, come è avvenuto in Abruzzo, fondi diretti deliberati dal CipeFra i macro-obiettivi non mancherà il tema del lavoro sia quello diretto legato al sisma sia quello indiretto incentivando lo sviluppo di aziende e occupazione. Non mera restituzione dei luoghi dunque, ma, una impostazione che intercetta la strategia della valorizzazione delle aree interne. E dal presidente Ceriscioli arriva anche il suggerimento di valutare ai sensi dell’articolo 116 della Costituzione forme particolari di autonomia che possano ulteriormente favorire lo sviluppo del piano.

PattoPerLoSviluppo 02

La dimensione delle aree colpite dal sisma è compatibile con la costruzione di un Piano strategico ampio. Vogliamo condividere e confrontarci sulle diverse posizioni e i contributi che ognuno può portare  per arrivare ad un programma globale tenendo sempre ben presente  un obiettivo generale primario e che dovrà essere comune per tutti i soggetti partecipanti, una direttrice costante da seguire che dovrà servire ad evitare la frammentazione e a superare divisioni e particolarismi Gli uomini e le donne delle aree colpite stanno vivendo difficoltà che noi abbiamo il dovere di alleviare e risolvere in tempi accettabili e preparare, per loro, anche un progetto per il futuro ha concluso il presidente Ceriscioli.

Il fiume Nera un bene vitale per le comunità dei Sibillini.

22 Nov 2017
12 volte

Il Parco Nazionale dei Monti Sibillini e i Comuni di Castelsantangelo sul Nera, Ussita e Visso, intendono chiarire la propria posizione sulla captazione della sorgente San Chiodo da parte della Società Acquedotto del Nera, anche a seguito del ricorso presentato dall’ATO3 contro la delibera della Regione che non consente di incrementare il prelievo fino a 550 l/s.
L’acqua è un bene prezioso da tutelare e da sempre rappresenta una risorsa vitale per le comunità dei Sibillini. Per i comuni dell’alta Valnerina il fiume Nera e le sorgenti che lo alimentano costituiscono un sistema ambientale su cui si fondano l’identità stessa del territorio e attività economiche essenziali come il turismo, l’allevamento di trote, la produzione di energia idroelettrica e la produzione di acqua minerale.
Il Nera, dalla sua sorgente fino a valle delle gole della Valnerina, attraversa il Parco Nazionale, nonché una Zona Speciale di Conservazione e una Zona di Protezione Speciale, queste ultime istituite in attuazione della direttiva Comunitaria “habitat”.
Consapevole dell’importanza di tale risorsa anche per l’uso idropotabile, il Parco già nel 1999 aveva concesso il nulla osta alla captazione della sorgente San Chiodo per una portata di 150 l/s da parte all’Acquedotto del Nera; tale quantitativo era stato determinato sulla base di approfonditi studi - anche da parte delle Università di Camerino e di Roma - che dimostravano che un prelievo maggiore avrebbe causato degli squilibri sui sistemi idrogeologici ed ecologici, anche in relazione ai numerosi usi già in atto.
Già da quasi vent’anni, quindi, si evidenziava la necessità di individuare risorse alternative, nonché di favorire un uso sostenibile e razionale di questa preziosa risorsa; è noto, infatti, che solo una modesta percentuale di quest’acqua di altissima qualità attinta direttamente dalle viscere della montagna viene effettivamente utilizzata per bere, mentre la restante parte viene utilizzata per altri scopi domestici, per i quali potrebbe essere vantaggiosamente utilizzata acqua meno pregiata ma più disponibile.
La procedura di Valutazione di Impatto Ambientale conclusa di recente ha confermato le problematiche e le criticità che non consentono di incrementare significativamente la portata attualmente derivata e, pertanto, non sorprende il limite di prelievo stabilito dalla Regione Marche. Il ricorso presentato dall’ATO3 appare quindi inopportuno, soprattutto se si considera che proprio i comuni dell’Alto Nera sono stati tra i più colpiti dagli eventi sismici del 2016; l’incremento di prelievo richiesto dall’ATO3, fino a 550 l/s, costringerebbe infatti a ridimensionare le attività economiche presenti lungo il fiume Nera, e in particolare la produzione di energia idroelettrica e gli allevamenti di trote, infierendo pesantemente su un sistema economico e sociale già martoriato dal terremoto.
Ci appelliamo pertanto alla Società Acquedotto del Nera e all’ATO3 affinché, comprendendo le criticità ambientali, sociali ed economiche del territorio dell’Alto Nera, si attivino per trovare soluzioni alternative, come richiesto già da molto tempo, che evitino di sottrarre ulteriore acqua, risorsa vitale per il territorio.

SICUREZZA SISMICA- Pasta di Camerino tra le cinque strutture virtuose d'Italia

22 Nov 2017
7580 volte

Il nuovo centro della Lega del Filo d’Oro di Osimo (Ancona), lo stabilimento de La Pasta di Camerino, la scuola Angeli di San Giuliano di Puglia, la sede della Casa municipale di Onna (L’Aquila) e l’Eco Hotel Bonapace di Trento. Sono cinque strutture simbolo dell’edilizia antisismica che, venerdì 24 novembre alle 17, nella sala Europa di Confindustria Ancona, riceveranno il primo premio nazionale Sisma Safe.

L’evento è promosso da Sisma Safe, l’associazione avviata pochi mesi fa da quattro professioniste marchigiane ed in rapidissima crescita che ha lanciato l’omonimo marchio di qualità sulla sicurezza sismica degli edifici. L’iniziativa, che ha ottenuto il patrocinio della Regione Marche, vedrà la partecipazione, tra gli altri, dell’ingegner Paolo Clemente, dirigente di ricerca nel laboratorio “Ingegneria sismica e prevenzione rischi naturali” dell’Enea (Agenzia nazionale nuove tecnologie, energia e sostenibilità). Tra i massimi esperti del settore, Clemente terrà un intervento sui progressi compiuti dalla ricerca in campo antisismico e farà il punto sulle nuove soluzioni tecnologiche e i progetti in fase di realizzazione.

“Abbiamo deciso di premiare cinque diverse categorie di edifici  – afferma Chiara Monaldi, presidente dell’associazione Sisma Safe – selezionate tra oltre cinquanta strutture ricettive, scolastiche, culturali, sociali e aziendali, presenti sul territorio nazionale. La nostra scelta è ricaduta su cinque simboli concreti della capacità di investire con consapevolezza sulla sicurezza della persona, che non è solo un dovere, ma anche un’opportunità per rilanciare l’economia, le attività sociali e quindi il territorio in generale.

Le numerose calamità che hanno colpito e continuano a lacerare il nostro Paese, da nord a sud, sono cicatrici reali che non vanno dimenticate e la necessità della prevenzione e della sicurezza degli edifici pubblici e privati sono una priorità che non possiamo più permetterci di trascurare. Per questo abbiamo creato l’associazione Sisma Safe ed il marchio di qualità. E per questo abbiamo deciso di realizzare un evento nel quale dare risalto a quelle strutture che si sono distinte per tecnologia o comportamenti lodevoli nel campo della sicurezza sismica”.

Alla cerimonia di premiazione saranno presenti i rappresentanti delle cinque realtà a cui verrà attribuito il riconoscimento: per La Pasta di Camerino Federico Maccari, amministratore delegato di Entroterra Spa, la società proprietaria del marchio; per la Lega del Filo d’Oro di Osimo il segretario generale Rossano Bartoli; per la scuola Angeli il sindaco di San Giuliano di Puglia Luigi Barbieri; per Casa Onna la presidentessa Margherita Nardecchia Mazzolo; per l’Eco Hotel Bonapace di Trento il proprietario e direttore Arrigo Jacobitti.

Ospiti dell’evento, presentato dal giornalista e conduttore Maurizio Socci, oltre al dirigente dell’Enea, il presidente di Federalberghi Marche - Confcommercio Marche Centrali Emiliano Pigliapoco e l’architetto Giovanna Mar dello studio Mar di Venezia, che con il suo progetto, realizzato gratuitamente, ha contribuito alla costruzione della nuova sede municipale di Onna, la cittadina de L’Aquilano devastata dal terremoto del 2009. 

In una città in cui il centro storico è stato interamente circoscritto come zona rossa ed i cui cittadini hanno dovuto abbandonare le proprie case facendo calare la popolazione di almeno 4 volte, l’azienda Entroterra Spa ha cercato sempre di rappresentare un modello di speranza per la rinascita. Nonostante le scosse tremende di agosto ed ottobre 2016, lo stabilimento di produzione non ha subito alcun danno essendo stato realizzato nel 2008 secondo rigidi criteri antisismici. Il buon lavoro di costruzione fatto allora ha consentito che non ci fossero conseguenze all’evento calamitoso e che la produzione potesse continuare. Oggi quell’impegno viene premiato anche dall’Associazione Culturale SismaSafe, il marchio di qualità che attesta la sicurezza sismica degli edifici, che consegnerà al direttore Federico Maccari il premio nel corso dell'evento organizzato per venerdì 24 novembre nella sede di Confindustria ad Ancona. 

Inutile dire che siamo particolarmente lieti di ricevere il premio che ci è stato assegnato dopo che i referenti tecnici hanno visionato la struttura e la documentazione – ha detto Maccari - ma, ancor più, come dipendente dell’azienda che vi passa molto ore al giorno all’interno, voglio ringraziare la mia famiglia che già nel 2008 decise di investire per la realizzazione di una struttura totalmente sicura. Senza la loro lungimiranza forse l’azienda oggi non esisterebbe più e tanti di noi, oltre alla casa, avrebbero perso anche il lavoro e con esso la speranza di un futuro a Camerino ed in questo territorio”.

La Pasta di Camerino, marchio di proprietà di Entroterra Spa, prodotta con materie prime 100% italiane, è diventata ormai la più importante azienda privata del territorio di Camerino (MC) e terzo attore nazionale nel settore della pasta secca all'uovo davanti a nomi storici del settoreIn un mercato sempre più vocato alla ricerca della Qualità e della selezione delle materie prime, La Pasta di Camerino propone un prodotto realizzato con materie prime 100% italiane e con una filiera tracciata, trasparente e disponibile per il consumatore.

 

Costruzione nuovi edifici scolastici, Inail investirà 14,6 milioni nelle Marche

22 Nov 2017
1154 volte

Dopo i 4,2 milioni di euro per realizzare tre nuovi Poli per l’infanzia (strutture scolastiche da 0 a 6 anni), l’Inail investirà altri 14,6 milioni nelle Marche per costruire nuovi edifici scolastici innovativi sotto il profilo architettonico, del risparmio energetico e dei sistemi educativi. Lo comunica la vice presidente Anna Casini, assessore all’Edilizia scolastica. L’Istituto investirà 100 milioni  nelle dieci regioni che hanno aderito al relativo programma. “Le Marche ci sono, perché non abbiamo voluto perdere questa opportunità per qualificare le strutture educative locali - ha detto Casini - In un periodo di scarsità di risorse, era un’occasione da cogliere che si inquadra nel progetto complessivo regionale di potenziare le infrastrutture scolastiche con soluzioni avanzate”.  I fondi sono previsti da un decreto della presidenza del Consiglio dei ministri relativo agli investimenti immobiliari Inail. La Regione sta predisponendo la procedura di selezione delle manifestazioni d’interesse tra quelle già trasmesse, a gennaio 2017, da parte degli Enti locali. Nel selezionare gli interventi proposti, la Regione dovrà verificare la piena disponibilità dell’area, la sua conformità urbanistica e l’assenza di vincoli o contenziosi che impediscano l’edificazione. Il progetto di investimento non dovrà risultare inferiore a 3 milioni di euro, comprensivi del costo totale dei lavori effettuati, dell’acquisizione dell’area, della progettazione, di ogni altra spesa sostenuta per la realizzazione dell’opera, compresa l’Iva. Rimangono escluse le spese per indagini preliminari, arredi, allestimenti e attrezzature per la didattica, collocazione temporanea degli alunni, eventuale demolizione di fabbricati esistenti e bonifica dell’area. Appositi accordi regoleranno i rapporti tra Inail, Regione ed Enti destinatari degli interventi. Sarà possibile stipulare con l’Inail un contratto di “Rent to buy” che prevede il riscatto dell’immobile decorso un periodo minimo di venti anni. I requisiti di accesso all’iniziativa devono essere posseduti al momento della verifica della compatibilità tecnica, economica e finanziaria dell’investimento da parte dell’Inail. In caso di esito negativo, il progetto non sarà ammesso a finanziamento.

I Rotary di Camerino e Foligno in sinergia per valorizzazione e sviluppo

21 Nov 2017
3338 volte

Tra esperienze del passato, segni di solidarietà, difficoltà dell’oggi e prospettive future, ricordato a Colfiorito il ventennale del terremoto umbro- marchigiano.

L’occasione è stata offerta dall’’incontro “Il terremoto e l’Appennino Umbro Marchigiano- Dal sisma ’97 allo sviluppo”, tenutosi lo scorso sabato 18 novembre nella palestra comunale. Un momento di confronto a vario titolo, per approfondire quello che è stato e  ragionare sul futuro di un territorio, della sua gente e di un vasto entroterra montano sinonimo di ricchezze e valori.  Promotori dell’iniziativa Rotary Club di Camerino e Foligno, Regione Umbria e comune di Foligno. Ad aprire la conferenza sono stati il primo cittadino di Foligno Mismetti e i sindaci di Camerino Pasqui e di Gemona Paolo Urbani; la parola è poi passata ai presidenti dei Rotary Club di Foligno, Salvatore Ferocino, e di Camerino Piergiorgio Fedeli. Sono seguiti gli interventi dell’assessore Luca Barberini e del Direttore Luigi Rossetti della Regione Umbria.A seguire i contributi di Alessio Miliani, rappresentante della sezione di Foligno di Confindustria e di Gianluca Pesarini, presidente di Confindustria Macerata. Di particolare rilievo l’intervento del prof Mario Baldassarri, padre della superstrada Valdichienti che, evidenziando  le ragioni del successo dell’opera, ha invitato a replicarle per cogliere nuove opportunità di sviluppo.   

Al termine,  dopo  le relazioni della presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, e per le Marche, dell’assessore Angelo Sciapichetti, conclusioni affidate alla vicepresidente della Camera dei deputati, on. Marina Sereni. Nell’occasione del convegno è stata inaugurata la bacheca archeologica di Plestia;, più tardi, nella sede del Parco di Colfiorito,presenti i presidenti dei Rotary Foligno e Camerino e il consigliere delegato al Parco Gubbini si è tenuta la conferenza su “Valorizzazione dell’area archeologica di Colfiorito”. Introdotti da Bianca Rita Eleuteri del Parco di Colfiorito sono intervenuti Roberto Perna, docente dell’università di Macerata, Laura Bonomi Ponzi, già soprintendente e le archeologhe Maria Romana Picuti e Isabella Piermarini. La visita guidata al M.A.C. Museo archeologico di Colfiorito, ha concluso l’intensa giornata.

Insieme a Colfiorito, sulla linea di confine tra Umbria e Marche, i Presidenti Ferocino e Fedeli hanno ricordato che, proprio in occasione del ventennale, i Rotary di Foligno e Camerino, si sono impegnati a realizzare un progetto che vuole essere segno visibile e ulteriore testimonianza dell’impegno rotariano per il territorio. Con i comuni di Serravalle del Chienti e di Colfiorito, con l’apporto del Parco, delle amministrazioni comunali, di concerto con la sovrintendenza e con l’ausilio di professionisti del settore, sono stati realizzati dei pannelli archeologici che si rivolgono ai turisti che frequentano l’area. Destinati alla chiesa di Plestia, dove rimarranno finchè non sopraggiungeranno successivi aggiornamenti archeologici, i pannelli contengono informazioni chiare ed efficienti,sintetizzando i recenti studi sulla zona, con l’obiettivo di assicurare una maggiore fruibilità e lettura dell’area archeologica del Parco di Colfiorito  Per la valorizzazione dell’area è in atto anche una rete sinergica che ha portato all’istituzione di una serie di protocolli, sottoscritti anche dalla stessa vice presidente della Camera Sereni, e, destinati al recupero del Parco archeologico.

Momento di forza per lo sviluppo- ha osservato il presidente del Rotary Camerino Piergiorgio Fedeli- è la tenacia del territorio, il carattere caparbio della sua gente e l’energia nel superare gli ostacoli, dimostrata anche dalla capacità imprenditoriale. Una grande forza sociale attaccata alla sue radici, fatta di persone che si mettono in gioco e hanno voglia di lavorare. E’ su questo che il Rotary vuole operare”. Fedeli ha poi ricordato i due progetti ‘Virgilio’ e ‘Felice’ per i quali l’organizzazione svolge attività di servizio “ Il nostro service è aiutare chi vuole iniziare un’attività imprenditoriale in queste zone, con il supporto di un’attività di tutoraggio. Il motto di quest’anno è “ Il Rotary fa la differenza” nel senso che nel nostro interno, assommiamo le  eccellenze delle singole professioni che mettiamo a disposizione del territorio”    

DSCF8235

Scontro frontale a Pieve Torina. .

21 Nov 2017
94 volte

E' di un ferito grave il bilancio di un incidente stradale verificatosi, per cause in corso di accertamento, a Pieve Torina. L'incidente è avvenuto sul rettilineo in prossimità dell'area dove sono posizionati i container. Due auto si sono scontrate frontalmente.Nelle vetture viaggiavano un uomo di 62 annni e una giovane di 20. Entrambi hanno riportato traumi e ferite ma non sarebbero in pericolo di vita.  Sul posto i mezzi di soccorso del 118 e i Carabinieri della compagnia di Camerino per la ricostruzione della dinamica del sinistro

Servizio in aggiornamento

 

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo